Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
21 min
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
1 ora
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
1 ora
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
1 ora
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
1 ora
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
3 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
3 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
3 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
4 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
5 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
6 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
URI
6 ore
Ubriaco, cerca di scappare dalla polizia. Nei guai un 33enne
SVIZZERA
6 ore
Il contenuto della valigia di Emeka Obi sarà trasmesso all'Italia
ZURIGO
6 ore
Trema la Bahnhofstrasse, la Manor se ne va
ZURIGO
6 ore
Manor via dalla Bahnhofstrasse: «La città è profondamente rammaricata»
SVIZZERA
15.05.2019 - 06:300

Sciopero: «Sono repressioni che potrebbero intimorire»

Il 14 giugno sarà il giorno dello sciopero delle donne. Le aziende si battono per l’uguaglianza di genere, ma le assenze non autorizzate avranno delle conseguenze

ZURIGO - Le donne sciopereranno tra meno di un mese. A richiederlo - con tolleranza zero al cospetto di sessissimo e parità retributiva - sono le associazioni e i sindacati.

Tuttavia, molte aziende non acconsentono e suggeriscono alle proprie dipendenti di prendersi un giorno di ferie.

L’industria lattiera Emmi, ad esempio, sostiene che «senza permesso, una giornata di sciopero sarebbe un’assenza ingiustificata, che si tradurrebbe, come minimo, in un avvertimento».

Anche per le Ffs le collaboratrici in sciopero «dovranno fare i conti con conseguenze legali».

Presso Swisscom, stando a quanto spiega la società, le dipendenti coordineranno presumibilmente la loro partecipazione con i superiori: «Se una collaboratrice dovesse effettivamente assentarsi dall’azienda senza autorizzazione, si esaminerà caso per caso ai sensi del diritto del lavoro».

Da Migros le conseguenza sembrano meno drastiche: se una collaboratrice dovesse assentarsi senza permesso, tocca al diretto superiore decidere se avviare o meno una pratica disciplinare.

Ma si può parlare di sciopero se si ha bisogno di un’autorizzazione? «Queste sono repressioni che potrebbero intimorire - spiega Anne Fritz, coordinatrice presso l’Unione sindacale svizzera (Sgb/Uss) - Dopotutto, il diritto di sciopero è riconosciuto dalla Costituzione». «È comunque previsto un sostegno, nel caso sul posto di lavoro dovessero presentarsi problemi».

Il professore Robert Rudolph, docente di diritto del lavoro all’Università di Zurigo, afferma che quello del 14 giugno, a livello legale, non è uno sciopero, poiché non attuato direttamente verso il datore di lavoro. Per cui si tratterebbe di un’assenza non autorizzata, che potrebbe portare a un avvertimento oppure anche al licenziamento.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 18:24:46 | 91.208.130.85