mobile report Segnala alla redazione
VERITÀ IMMOBILIARI
22.11.2018 - 13:550
Aggiornamento 15:22

Affittare a persone con animali conviene

Non ammettere animali nel proprio appartamento è un ERRORE che devi evitare se vuoi trovare un buon inquilino

 

Oggi vi scrivo questo articolo per risolvere un’obiezione che molti proprietari immobiliari ci facevano all’inizio, alla quale abbiamo fatto cambiare idea e hanno giovato riuscendo ad affittare meglio e alle persone giuste i loro appartamenti.

VIVERE IN TICINO CON UN ANIMALE DOMESTICO

Abitare in affitto in Ticino con un animale non è per niente semplice.

Se hai un amico peloso e hai già cercato casa sai esattamente di cosa sto parlando.

Gli appartamenti a disposizione tra cui scegliere per una famiglia con animali sono davvero pochi.

La maggior parte di questi sono vecchi e in condomini poco accoglienti, alcuni hanno un giardinetto minuscolo, umido e all’ombra.

Moltissimi annunci hanno scritto in caratteri cubitali ANIMALI NON AMMESSI facendo fuggire buoni inquilini che hanno deciso di dedicare i loro affetti ad un cucciolo e di vivere con lui finché morte non li separi.

CHI SONO I PADRONI DEGLI ANIMALI?

Nell’immaginario del proprietario immobiliare medio, quando parliamo di animali, c’è una tipica famiglia.

Pensano al nucleo composto da mamma, papà, un maschietto e una femminuccia che per natale riceve un cucciolo morbidissimo di cane con occhioni languidi e una voglia matta di giocare distruggendo tutta la casa.

Vedono la bestiola coccolosa che però nel giro di sei mesi cresce fino a diventare un cucciolo di Cavallo bavoso.

Questo articolo serve proprio per distruggere quell’immagine dalla tua mente e a dare uno strumento a chi cerca un inquilino per valutare i “padroni di animali” in modo SOGGETTIVO.

ECCO 10 CONSIGLI CHE NON TI PERMETTERANNO DI TROVARE UN BUON INQUILINO SE SCRIVI “ANIMALI NON AMMESSI”.

1. ESCLUDERE TUTTI I TIPI DI ANIMALI
La categoria “animali” è un po’ troppo vasta per escluderla tutta. Non esistono SOLO cani e gatti, forse tra i tuoi potenziali inquilini c’è un amatore di Gerbilli che esclude il tuo appartamento perché crede che non sia il suo piccolo roditore non sia ammesso.

2. DEFINISCI QUALI ANIMALI PUOI ACCETTARE
Fai una lista completa degli animali accettabili per dimensione (cani grandi no, gatti sì) per esempio. Esistono roditori, uccelli, pesci e iguane che non faranno assolutamente danni al tuo appartamento.

3. VALUTA IL PROPRIETARIO NON L’ANIMALE
Sappiamo tutti che un cane non è aggressivo per natura o per razza ma lo diventa in base ai traumi che subisce o all’educazione violenta che gli viene imposta da un padrone irresponsabile. Abbiamo avuto inquilini con cani grandi MOLTO educati che non potevano arrecare danno agli altri inquilini o al condominio. Docili e tranquilli abituati al rispetto delle regole che i suoi padroni dettano.

4. VALUTA IL LATO ECONOMICO
Chiaramente se la proposta arriva da un potenziale inquilino di dubbia educazione e con animale al seguito non dovrai accettare la sua candidatura. Però se incontri una persona che ha un lavoro stabile, conosce i suoi costi e investe nell’educazione cinofila o nella cura continua del proprio animale, come se fosse un figlio, allora è DIFFICILE che questa persona non abbia una sicurezza economica. Prova a domandare al potenziale inquilino in modo poco invasivo quanto costa mantenere quell’animale a titolo informativo. Se ti dirà delle cifre indicative o un Range di costi vuol dire che ha il controllo della situazione. La semplice risposta “NON MOLTO” O “BOH, POCO!” O “TROPPO, QUESTI VETERINARI COSTANO, ETC…” indica che l’inquilino è da evitare.

5. CHIEDI CERTIFICAZIONI RIGUARDO L’EDUCAZIONE DELL’ANIMALE
Nel caso specifico dei cani, scrivi nel tuo annuncio che accetterai il quadrupede solo se il padrone ha frequentato corsi di educazione cinofila e lo può dimostrare.

6. CHIEDI DI POTER CONOSCERE L’ANIMALE
Noi negli annunci, in cui il proprietario è d’accordo, scriviamo “Animali ammessi previo accordo col proprietario”. Se il potenziale inquilino ha tutti i requisiti per poter firmare un contratto di locazione, allora chiedi di incontrare l’animale e di vedere l’interazione che ha con il suo padrone. Meglio spendere 10 minuti con loro e osservare il loro rapporto e di come l’animale risponde al suo padrone che perdere un inquilino o avere una casa vuota per anni con la speranza di affittare.

7. SE IL CONDOMINIO HA MESSO LA CLAUSOLA “NO ANIMALI”
Se hai già conosciuto il gatto, il cane, il canarino o il topolino del tuo potenziale inquilino e puoi dire per certo che non toglierà la serenità agli altri condomini, potresti scrivere una brevissima lettera di richiesta di accettare l’animale in via esclusiva, proprio perché hai verificato che non darà problemi. Garantisci moralmente per il tuo potenziale inquilino solo se rispecchia davvero le caratteristiche ideali e ha la sicurezza economica per sostenere la spesa di affitto. Ti consiglio di chiedere un contratto di minimo 3-5 anni in questo caso per garantirti che il tuo sforzo sarà ripagato.

8. CHIEDI UNA REFERENZA DEI VECCHI PROPRIETARI DI CASA
Se sei davvero incerto, puoi chiedere il nominativo o la referenza dei vecchi proprietari di casa che hanno ospitato la persona e il suo peloso. Se ti rassicurerà sarà più facile per te prendere una decisione.

9. CHIEDI UNA RESPONSABILITÀ CIVILE O UN’ASSICURAZIONE
Chiedi che oltre alla normale documentazione venga allegata anche una Responsabilità Civile con specificato un punto sulla responsabilità del proprio animale da compagnia. Chiedi al potenziale inquilino come pensa di ripagare il danno qualora capitasse un incidente o dall’usura del suo animale. L’assicurazione dovrà coprire i costi di eventuali danni al tuo appartamento, chiedi esattamente in quale specifico caso dovrà interverrà.

10. FAI LA CONSEGNA DELL’ABITAZIONE CON VERBALE
Dovrai fare la consegna del tuo appartamento verbalizzando e allegando foto e video delle condizioni della casa. Lo stato in cui viene consegnato dev’essere chiaro e certificato da tutte le parti. L’inquilino dovrà garantire la sua piena responsabilità nei confronti del proprietario.

Spero che questi semplici 10 punti possano aiutare i proprietari ad essere più permissivi con le persone che se lo meritano e sappiano come escludere le persone non idonee.

Ricordo che NON sono gli animali il problema, quello che un proprietario dovrebbe valutare è il padrone dell’animale.

Se stai cercando un appartamento o una casa in cui vivere con la tua famiglia, compreso di figli pelosi, cuccioli, pennuti, squamati o glabri, vai a questa pagina https://www.tiaffitto.ch/cerco-casa-in-affitto .

Se non trovi niente, scrivici, cercheremo di aiutarti.

Se invece sei un PROPRIETARIO e vuoi capire meglio come salvaguardare il tuo immobile ampliando la possibilità di accogliere inquilini seri e solvibili che possiedono un animale, chiamaci, ti mostreremo come abbiamo affittato centinaia di appartamenti nell’ultimo anno.

Buona locazione!

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-13 01:08:11 | 91.208.130.86