Freepik / gpointstudio
ULTIME NOTIZIE Target
Target
2 gior
Quando la musica fa la differenza: marketing e sound design
I componenti di 8 Hz ci hanno raccontato in che modo il suono sta cambiando le regole del gioco in comunicazione
Target
2 sett
Conversational Marketing: non solo comunicazione, ma dialogo
Lo scambio di feedback tra cliente e brand è al centro di questo approccio orientato a creare relazioni di valore
Target
2 sett
Advergame: quando il marketing incontra i videogiochi
Divertenti, mai invasivi e molto coinvolgenti: ecco in cosa consiste questa interessante categoria del gaming
Target
2 sett
Ristoranti e hotel in Ticino: che cosa è cambiato negli ultimi 18 mesi?
Ne abbiamo parlato con l’esperto Gzim Sinani, che ci ha raccontato il suo punto di vista sull’argomento
Target
3 sett
Come gestire progetti digitali complessi? La parola agli esperti
Fare il Project Manager è un’avventura sfidante e articolata: ce la raccontano Emanuele De Pasquale e Marziale Brusini
Target
1 mese
L’arcobaleno dei brand: 3 iniziative di digital marketing nel mese del Pride
“Rainbow washing” o sostegno sincero alla causa LGBTQ+? Ecco cos’hanno fatto alcuni grandi marchi.
Target
1 mese
Digital Marketing per le università? Si può: vediamo come
L’esperto Francesco Laezza ci ha aiutato a scoprire di più sulla comunicazione delle istituzioni di alta formazione.
Target
1 mese
La bellezza del digitale: come si fa web marketing per il settore Beauty?
Lo abbiamo chiesto a chi se ne intende: il consulente e docente Francesco Laezza ci ha raccontato alcune curiosità.
Target
1 mese
Google riparte da MUM: quali conseguenze avrà il nuovo algoritmo
L’introduzione di un’intelligenza artificiale molto avanzata cambierà le regole del gioco in ambito SEO
Target
1 mese
Local SEO: quando la promozione online comincia “da casa propria”
L’attenzione per i commerci vicini non diminuirà con la pandemia. Scopriamo il loro principale alleato sul web
Target
1 mese
Che cos’è il Nudge Marketing e perché le aziende devono usarlo
Scopriamo i segreti delle tattiche derivate da esso che molti professionisti mettono in pratica con successo
Target
2 mesi
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 2
Torniamo ad approfondire gli aspetti più importanti della Search Engine Optimization con l’aiuto di Max Del Rosso.
Target
2 mesi
3 consigli per ottenere più recensioni online
Se buone o cattive, dipenderà da voi, ma ecco come spingere gli utenti a scrivere di voi e crearvi una reputazione
Target
2 mesi
Newsjacking Marketing: che cos'è e come usarlo al meglio
Come aumentare la visibilità online di un’attività commerciale tenendo d’occhio e commentando le notizie del giorno
Target
2 mesi
Creator Economy: come monetizzare la nostra presenza online
Da utenti a realizzatori di contenuti il passo è breve. Ed è possibile (facilmente) costruirne un mestiere. Vediamo come
Target
2 mesi
La fine di un’era? Cosa aspettarsi dall’eliminazione dei cookies di terze parti
Google ha annunciato che su Chrome, dal 2022, verrà eliminata questa modalità di tracciamento utenti.
Target
2 mesi
Come la comunicazione (interna) influenza la produttività dei collaboratori
Anche il marketing verso i collaboratori è fondamentale: ne abbiamo parlato con l’esperto SUPSI Antonio Amendola
Target
20.05.2021 - 08:000

Ottenere visibilità e contatti con le LinkedIn Ads: 3 consigli utili

I nostri suggerimenti per valorizzare al meglio le inserzioni a pagamento sulla piattaforma più “professionale”

Sebbene non tutti abbiamo ancora imparato a usarlo nel modo appropriato, LinkedIn è un social network chiave nella costruzione del proprio brand, sia a livello personale che aziendale. Sono infatti lontani i tempi in cui la piattaforma era una semplice vetrina per professionisti in cerca di lavoro, poco più, insomma, di un curriculum digitale.

LinkedIn ha un grande potenziale, poiché favorisce la costruzione di reti di contatti e dà ampio respiro alla creazione di contenuti, sia da parte dei profili individuali che da parte delle pagine istituzionali: un’occasione importante per curare la propria autorevolezza.

Proprio per quanto riguarda quest’ultima, è importante redigere un piano di comunicazione adeguato anche su questo canale, senza rischiare di sottovalutarlo e premurandosi di scegliere un tono di voce che corrisponda alla brand identity di partenza. Una volta fatte queste operazioni, tuttavia, potremmo trovarci a voler dare più visibilità ai nostri post: un boost, come si dice nell’ambito. Come si può fare? Come molte altre piattaforme social, tra gli altri modi, anche su LinkedIn si possono creare e gestire delle inserzioni a pagamento.

Lo strumento che ci permetterà di agire si chiama LinkedIn Campaign Manager. Per effettuare l’accesso, dovremo avere una pagina aziendale: dopodiché ci troveremo di fronte a un tool piuttosto intuitivo, grazie a cui potremo tenere d’occhio tutte le campagne attive e il budget investito. Nell’approcciarti a questa strategia, scopriremo che ci sono alcuni aspetti a cui prestare particolare attenzione: sono gli stessi che noi esperti di Social Ads teniamo sempre ben presenti.

 

1) Scegliere con cura l’obiettivo

Fissare un obiettivo è fondamentale per cominciare a pensare e creare una strategia di marketing e comunicazione efficace. Senza essere consapevoli di ciò che vogliamo ottenere, difficilmente saremo in grado di investire al meglio le nostre risorse.

In questo, LinkedIn, come le altre piattaforme social, ci viene incontro permettendoci di scegliere tra alcuni obiettivi già prestabiliti, sulla base dei quali le inserzioni saranno automaticamente ottimizzate. Nello specifico, potremo scegliere tra:

notorietà, per aumentare la nostra brand awareness e far conoscere a un pubblico più ampio la tua azienda;
conversione, in caso volessimo far compiere agli utenti una determinata azione;
considerazione, per fare lead generation, ovvero trovare contatti utili per ampliare il nostro business.

Valutiamo da subito le nostre esigenze e ciò che desideriamo ottenere dalla nostra campagna a pagamento. Dopodiché, potremo selezionare la strada che ci tornerà più utile.

 

2) Pianificare il budget

È sottinteso che per organizzare il proprio budget si debba tenere conto innanzitutto delle risorse che abbiamo a disposizione. Non è questo, tuttavia, l’unico fattore che dobbiamo prendere in considerazione.

Anche il budget, come l’obiettivo di partenza, va organizzato e previsto, prima di avviare una campagna. Esso potrà variare in base a diversi aspetti strutturali, tra cui gli stessi obiettivi, il formato scelto e soprattutto la durata della campagna: da un budget complessivo, all’occorrenza, andranno suddivise diverse tranche per portare avanti la promozione con efficienza.

La spesa prelevata da LinkedIn segue un algoritmo che tiene conto, oltre che della somma effettiva impostata, anche della stagionalità e del traffico presente sulla piattaforma nel periodo della sponsorizzazione. Teniamo presente che questo social è tendenzialmente più “caro” degli altri: se non sappiamo come orientarci, chiediamo consiglio a un addetto ai lavori per capire se le risorse che abbiamo a disposizione siano sufficienti a ottenere i risultati sperati.

 

3) Valutare i risultati e ottimizzare le campagne

Una volta iniziato a pubblicare le nostre inserzioni, possiamo fare subito tesoro delle informazioni che derivano dalle loro performance. È in base a queste, infatti, che potremo ottimizzare ulteriormente le azioni a pagamento che stiamo compiendo su LinkedIn, scoprendo gradualmente come correggere il tiro e migliorarne i risultati.

Ad esempio, una buona tattica è quella di creare dei piccoli A/B test, caricando online inserzioni che variano tra loro per un elemento, come la grafica o la call to action. Così potremo verificare quali variabili creative sono più gradite dal nostro pubblico. Di conseguenza, se stiamo già gestendo diverse inserzioni per lo stesso obiettivo, ci converrà monitorarne l’andamento per poter bloccare prontamente quelle meno efficaci e ridistribuire il budget. In generale, cerchiamo di non far cadere nel dimenticatoio le campagne avviate, limitandoci ad attendere che finiscano per conto proprio: cerchiamo sempre di osservarle e di intervenire proattivamente ove necessario.

 

Il settore delle Social Ads è andato negli anni a svilupparsi sempre di più: con esso sono nate figure professionali specifiche, proprio per permettere ai brand vogliono raggiungere risultati online di rimanere al passo.

Con l’aiuto di questi esperti, è possibile avere la certezza che le proprie risorse finanziarie siano in buone mani, valorizzate al massimo e raramente sprecate: è ciò di cui si occupiamo. Contattaci per una consulenza gratuita: se sei un professionista o hai un’attività ti aiuteremo ad ampliare il tuo business attraverso campagne ads ad hoc.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 17:26:29 | 91.208.130.85