Freepik
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
2 gior
Buyer Personas: che cosa sono, come si creano, a cosa servono
Come tratteggiare aspetti personali, lavorativi e psicologici del pubblico, migliorando l’efficacia della pubblicità
TARGET
5 gior
Al via le newsletter su LinkedIn: come crearle, quali sono i loro vantaggi
Contenuti esclusivi e fidelizzazione: com’è nata e andrà usata la nuova funzionalità del social network professionale
TARGET
1 sett
A cosa serve un ufficio stampa, che cosa fa e perché dovresti averne uno
Vantaggi noti e meno noti di affidarsi a chi gestisce i rapporti con giornali, portali, radio, tv e influencers
TARGET
1 sett
I 3 pilastri di una newsletter efficace
Dal tema, all’oggetto, ai contenuti: ecco cosa non puoi non sapere perché le tue e-mail vengano lette e “funzionino”
TARGET
2 sett
Quando sarà possibile acquistare direttamente qualcosa su Facebook e Instagram?
In Svizzera (e non solo), Shops, la funzione creata per sostenere le vendite online, ha ancora un’importante lacuna
TARGET
2 sett
Come scrivere inserzioni infallibili su Facebook
Le ads (o sponsorizzazioni) possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, ma solo se pensate e realizzate al meglio
TARGET
2 sett
Ottenere offerte di lavoro, clienti e visibilità con LinkedIn (e un pizzico di SEO)
Alcuni consigli per lasciare il segno - e avere risultati concreti - utilizzando il social professionale per eccellenza
TARGET
3 sett
Come scrivere un articolo efficace (e ben posizionato su Google) in 3 step
Rendi il tuo blog a prova di utente (e di motore di ricerca) e trasformalo in una fucina di contatti per il business
TARGET
4 sett
Hai aperto un e-commerce e vendi poco? Puoi portarlo al successo in 3 step
Ecco come ottenere più visibilità e soprattutto acquisti, per affrontare autunno e inverno con maggiore serenità
TARGET
1 mese
Come non far bloccare la nostra attività da un (eventuale) nuovo lockdown
Ecco come molti dei business a rischio possono affrontare le conseguenze di un aumento dei contagi
TARGET
1 mese
3 step per vendere online oggetti di design e arredamento
Creare un brand e farlo conoscere, raggiungere e assistere i clienti, renderli ambasciatori: ecco da dove cominciare
TARGET
1 mese
Nel social delle immagini, i testi fanno la differenza: come fare SEO su Instagram
Alcuni consigli per far risaltare i nostri contenuti foto e video, senza sponsorizzazioni, ma grazie alle... parole
TARGET
1 mese
Architetti e studi di progettazione: come emergere grazie al web marketing?
Ecco 3 idee pronte all’uso per iniziare a costruire la propria reputazione e il proprio business anche online
TARGET
1 mese
SEO per Facebook: come portare visitatori a una pagina social direttamente dai motori di ricerca
Ecco alcuni modi alternativi per far trovare i nostri contenuti organici sulla piattaforma più celebre del Mondo
TARGET
1 mese
Cosa fanno i tuoi concorrenti su internet? Come puoi differenziarti efficacemente e/o superarli?
Osservare le mosse e i numeri dei competitor sul web può migliorare la strategia d’azione. Ecco come farlo
TARGET
1 mese
Social update: le principali novità di settembre/ottobre 2020
Da Messenger a Pinterest, da WhatsApp a “The Social Dilemma”, ecco cos’è successo e succederà in queste settimane
TARGET
1 mese
Google e Facebook ci ascoltano? Ecco la verità di ricerche ed esperti
Ci stupiamo, spesso, nel vedere quanto i banner e le inserzioni che vediamo sul web siano adatti a noi. Cosa c’è dietro?
TARGET
2 mesi
Brand protection su Google: difendi il tuo marchio (o attacca frontalmente la concorrenza)
Come evitare che i concorrenti compaiano per primi quando i clienti cercano noi (o apparire noi quando cercano loro)
TARGET
2 mesi
3 step da seguire per creare la landing page perfetta
Ecco cosa fare per accogliere al meglio i tuoi potenziali clienti, a un passo dal contatto o dall’acquisto
TARGET
2 mesi
WhatsApp Business: che cos'è e come può aiutare le imprese locali
Esaminiamo i tanti pregi dell’applicazione di messaggistica creata per aiutare aziende e clienti a comunicare tra loro
TARGET
01.11.2020 - 14:060

Avere successo nel 2020? Non è una missione impossibile

Non solo crisi: guardando alla primavera, possiamo ispirarci a settori e strategie vincenti per affrontare il presente

Sono passati molti mesi, ormai, dalla prima volta che abbiamo dovuto reagire a una crisi imprevedibile che sembra gettare ancora ombre sul futuro economico della Svizzera e del mondo intero.

Non tutto, però, è uguale a prima: per le necessità dettate dal momento storico, ogni settore ha dovuto imparare, in poche settimane, ovunque possibile, a riorganizzare il proprio lavoro, affinché fosse rispettoso delle norme sanitarie ma comunque pronto a proseguire, sebbene non ai ritmi precedenti.

Sono state proprio le difficoltà ad accelerare l’ingresso di alcune tecnologie e nella nostra quotidianità, professionale e non solo, per compensare le mancanze determinate dal lockdown, a partire dai semplici rapporti sociali.

Adesso, forti di queste nuove, ma già rodate conoscenze, possiamo prepararci ad affrontare emergenze simili non soltanto con la confidenza rispetto a nuovi tool, ma anche con uno sguardo attento a quali trend caratterizzeranno le abitudini dei consumatori da qui in avanti.

Fin qui, infatti, abbiamo rilevato insieme il consolidamento di alcuni, che elenchiamo qui di seguito:

 

Digitale: essenziale per sopravvivenza e successo post- (e durante il) Covid

Il minimo comune denominatore di tutte le attività che sono rimaste a galla o emerse durante il lockdown è stato proprio questo: l’integrazione degli strumenti digitali nelle strategie commerciali, di promozione, e nell’operatività del lavoro di ogni giorno.

Ad aprile di quest’anno, le statistiche non evidenziavano soltanto i settori in pericolosa discesa, ma anche alcuni in chiara impennata. Tra di essi, i servizi di streaming come Netflix o Disney+ - lanciato proprio in quel momento - e i videogames, che hanno registrato aumenti esponenziali di acquisti e abbonamenti.

Non solo: nell’impossibilità di andare in palestra o di fare attività all’aperto, è esploso il business dellhome fitness con lezioni in diretta e differita via app, sessioni di workout in videoconferenza, boom di ricerche e acquisti legati agli attrezzi utili a fare allenamento in casa propria.

Il food delivery ha permesso a bar e ristoranti di rimanere a galla, mantenendo un filo “quasi diretto” con i clienti. Quello della ristorazione, insieme al turismo e gli eventi, peraltro, è stato uno dei comparti più penalizzati fin da subito, e tra i primi ad adottare soluzioni digitali per uscire dalla stasi.

Infine hanno riscosso incredibile successo le piattaforme per le call e lo smart working, ormai quasi indispensabili per tutti. Molte aziende hanno potuto scoprire i tanti pregi del lavoro da remoto, che non si limitano solo alla possibilità di proseguire nei propri progetti rispettando il distanziamento sociale: è ormai chiaro a tutti che organizzare la vita professionale in questo modo, completamente o parzialmente, comporta un risparmio di risorse ed energie sia da parte del datore di lavoro che del lavoratore.

 

Atteggiamenti, non solo strumenti: la “mentalità startup

Nel corso degli anni e oggi più che mai, con il termine “startup”, abbiamo cominciato a indicare non soltanto le imprese neo-costituite, ma quelle che restano al passo con i trend economici e sociali del momento storico in cui operano.

Ecco perché, durante il lockdown, la cosiddetta “mentalità startup” ha acquisito un’attenzione del tutto nuova: le aziende che la posseggono sono in grado di reagire con velocità e versatilità alle situazioni in cui si trovano, siano esse positive o negative. La catena di comando solitamente snella e l’ampia capacità di adattamento sono caratteristiche chiave del successo: vista la particolarità del momento e la competitività che impazza in tantissimi settori economici, essere in grado di cambiare è una delle competenze che possono davvero fare la differenza. Insomma, l’imperativo del 2020 è stato sapersi reinventare, affrontando agli imprevisti senza staccare gli occhi dal proprio obiettivo e senza tradire in alcun modo la propria identità, il proprio brand.

 

Seguire la trasformazione del mercato del lavoro

Paradossalmente ma fortunatamente, in alcuni dei settori sopracitati è incrementata la ricerca di personale qualificato.

La piattaforma americana Zoom, ad esempio, si è impegnata ad assumere 500 nuovi ingegneri che contribuiranno a rendere il servizio all’altezza delle centinaia di milioni di nuovi utenti acquisiti durante il lockdown.

Lo stesso è valso per i servizi di home delivery legati ai generi alimentari, con tante catene della grande distribuzione che hanno provveduto ad assumere personale per le consegne a domicilio o hanno scelto di affidarsi a servizi specifici, che hanno avuto a loro volta bisogno di integrare il proprio staff. Peraltro, la spesa online è una di quelle abitudini nate durante la chiusura che non sono destinate a sparire, bensì a rimanere tra le abitudini di consumo degli utenti.

Un caso su scala ancora più ampia è, più in generale, quello dell’e-commerce, in stabile e continua crescita: uno strumento di successo per tanti commercianti e professionisti, appartenenti a realtà di ogni dimensione, che permette di vendere con velocità, sicurezza e versatilità, mettendo a disposizione del cliente una gamma di articoli solitamente maggiore, soprattutto in profondità, a quella presente nei negozi.

 

In altre parole, ovunque le previsioni non siano rosee c’è stato e c’è ancora un modo di andare avanti, senza perdere ritmi né risorse. Qualora ne ravvisassi il bisogno, possiamo aiutarti a capire quali siano le soluzioni migliori per te e il tuo business. Contattaci per una consulenza gratuita e avrai occasione di ricevere degli input personalizzati e capire come affrontare l’autunno e l’inverno e uscirne ancora più forte.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-26 07:56:16 | 91.208.130.85