Freepik
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
1 gior
LinkedIn Stories: Cosa sono? A cosa servono? Sono davvero utili?
Dalla loro introduzione, suscitano pareri discordanti: vediamo insieme quali sono le loro potenzialità e i loro limiti
TARGET
5 gior
Come promuovere la nostra attività all’Estero: i consigli dell’esperto
Parla Roberto Bernasconi, già responsabile Sviluppo e Marketing Internazionale di importanti banche e aziende svizzere
TARGET
1 sett
Facebook come strumento di vendita: funzioni e opportunità attuali, possibilità future
Tutto il percorso d’acquisto potrà svolgersi sul social, e in modo immersivo. Scopriamo di più con Nicola Fidenzio
TARGET
1 sett
Tutti i segreti di YouTube e YouTube Ads per promuovere la propria attività
Ce li ha rivelati Marco Sepertino, da anni tra i massimi esperti di questi ambiti del digital marketing
TARGET
2 sett
Come si evolveranno i social media nel 2021? La parola agli esperti
Utenti e addetti ai lavori guardano al futuro delle piattaforme online, in una quotidianità ancora in cambiamento
TARGET
2 sett
A lezione di marketing dai pirati: che cos’è il funnel “A.A.R.R.R.”
Apprezzatissimo nel mondo del growth hacking, in cinque step può garantire il successo della nostra strategia online
TARGET
3 sett
Amazon entra in concorrenza con le farmacie: cosa aspettarsi in Svizzera e in Italia?
Dagli USA all’Europa, il passo per Amazon Pharmacy potrebbe essere breve: come possono reagire gli addetti ai lavori?
TARGET
3 sett
Mettere i clienti al centro è il segreto del successo, ma come si fa?
Aba Ferraresi, esperta di Customer Care e Assistenza Post-Vendita, ci ha raccontato come si realizza questa attività
TARGET
4 sett
Digital detox durante le feste: 3 consigli per “disintossicarsi” dalla tecnologia
Sempre connessi, sempre reattivi: come approfittare della pausa natalizia per ribilanciare il rapporto coi nostri device
TARGET
1 mese
L’amore ai tempi del Covid-19: come sono cambiate le app di incontri?
Il desiderio di interagire a fini “sentimentali” è più forte del social distancing: le piattaforme di dating ringraziano
TARGET
1 mese
SMS Marketing: ha ancora senso inviare “messaggini” pubblicitari?
Certo che sì, con la giusta strategia alle spalle. Ecco come possono aumentare le vendite di professionisti e aziende
TARGET
1 mese
Cosa sono le nuove Instagram Guides, e come e perché dovremmo usarle per promuoverci
Dopo una fase di test, l’ennesima novità social è disponibile per tutti gli utenti della popolarissima app
TARGET
1 mese
Come creare Facebook e Instagram Ads last minute per vendere a Natale
È tardi per cominciare a pensarci, ma non ancora tutto è perduto: 3 consigli per fare annunci efficaci in pochi giorni
TARGET
1 mese
YouTube Director Mix: personalizzare le inserzioni video ora è alla portata di tutti
Video pubblicitari adattati ad ogni utente in pochi clic: che cos’è e come funziona il rivoluzionario tool di Google
TARGET
1 mese
Esistono un orario e un giorno perfetto per pubblicare sui social?
Mattina, pausa pranzo, pomeriggio o cena? Lunedì, mercoledì o weekend? La risposta non risiede solo negli insights
TARGET
1 mese
Buyer Personas: che cosa sono, come si creano, a cosa servono
Come tratteggiare aspetti personali, lavorativi e psicologici del pubblico, migliorando l’efficacia della pubblicità
TARGET
2 mesi
Al via le newsletter su LinkedIn: come crearle, quali sono i loro vantaggi
Contenuti esclusivi e fidelizzazione: com’è nata e andrà usata la nuova funzionalità del social network professionale
TARGET
2 mesi
A cosa serve un ufficio stampa, che cosa fa e perché dovresti averne uno
Vantaggi noti e meno noti di affidarsi a chi gestisce i rapporti con giornali, portali, radio, tv e influencers
TARGET
2 mesi
I 3 pilastri di una newsletter efficace
Dal tema, all’oggetto, ai contenuti: ecco cosa non puoi non sapere perché le tue e-mail vengano lette e “funzionino”
TARGET
2 mesi
Quando sarà possibile acquistare direttamente qualcosa su Facebook e Instagram?
In Svizzera (e non solo), Shops, la funzione creata per sostenere le vendite online, ha ancora un’importante lacuna
TARGET
08.07.2020 - 09:000

3 consigli per fare video perfetti con il tuo smartphone

A volte, un’attività può realizzare da sé filmati di qualità per promuoversi sui social. Bastano un natel e qualche app

Tutti li guardano, quasi tutti li apprezzano, moltissimi si divertono a realizzarli: i video sono certamente i contenuti più gettonati sul web. La loro diffusione è promossa dagli algoritmi dei social e sono coinvolgenti per gli utenti: così, i filmati si sono fatti spazio nelle strategie di comunicazione online per la loro versatilità e per il successo che, se ben fatti, riscuotono sul web.

Spesso, creare contenuti di questo genere per i canali della propria attività comporta un costo significativo, se si cerca un risultato professionale. Spesso, ma non sempre. Grazie alla miriade di funzioni e miglioramenti che le fotocamere degli smartphone presentano, a oggi, diventare videomaker semi-professionisti, anche nel proprio piccolo, non è poi così complicato.

Creare dei video di buona qualità è alla portata di chiunque possegga uno smartphone. La qualità degli strumenti, infatti, è ormai talmente alta che perfino i registi cinematografici, incuriositi dalle nuove tecnologie portatili, hanno girato interi film utilizzando soltanto dei telefoni di ultima generazione.

Così come per le fotografie, anche per i video esistono alcuni piccoli stratagemmi dai risultati garantiti. Vediamo insieme quali sono.

 

  • 1) Attenzione alla luce e alla location

Probabilmente l'avrai notato usando la camera del tuo smartphone: è più performante se la luce è giusta e abbondante. Questo vale tanto per le fotografie quando per i video: per avere immagini di qualità, bisogna illuminare al meglio ciò che stiamo riprendendo.

Per riuscirci, abbiamo solo due possibilità: approfittare dei momenti giusti della giornata o affidarci a una fonte di luce artificiale. La scelta dipenderà dalle esigenze da cui nasce la realizzazione del video. A dipendenza dell'argomento o di ciò che vorremo trasmettere allo spettatore, dovremo scegliere se sia preferibile una luce autentica o una più professionale, sebbene poco naturale. Nel caso in cui volessimo percorrere la seconda via, dovremo attrezzarci di conseguenza: proprio perché nel videomaking si stanno diffondendo strumenti sempre più leggeri, anche per gli amatori, sul mercato, si trovano già luci e attrezzature altrettanto leggere, anche a livello economico.

Assicurati anche che la location in cui stai facendo le riprese sia adatta. Per verificare questo, presta attenzione allo spazio che hai a disposizione: è sufficiente per variare le inquadrature? Offre la possibilità di riprendere con più dispositivi? Un luogo ampio potrà aiutarti a muoverti come desideri. Non dimenticare, inoltre, che il tuo soggetto dovrà avere uno sfondo appropriato: nulla ci impedisce di personalizzarlo, dando un po’ di colore o aggiungendo qualche elemento, ma è importante non esagerare, per evitare che esso disturbi l’occhio e l’attenzione di chi sta guardando il video.

 

  • 2) Treppiede, stabilizzatore…e non ci pensi più

Un'inquadratura mossa è una scomodità, sia per chi produce il video, sia per chi lo guarda. Non solo: per quanto i mezzi siano semplici, ricadere in questi errori dà un'impressione di mancanza di professionalità che vogliamo assolutamente evitare.

Anche in questo caso, la strategia migliore, per togliersi un pensiero con un piccolo investimento, consiste nel trovare un attrezzo che incontri le nostre esigenze. Sia esso uno stabilizzatore o un semplice treppiede, fare questo acquisto ci sgraverà da notevoli responsabilità e grandi fatiche. Pensa solo ai dolori al braccio che potrai risparmiarti!

Valorizzando questo aspetto dell’inquadratura e usando il giusto smartphone, i tuoi spettatori penseranno di trovarsi di fronte a un video professionale. Basti pensare a quando ti capita di vedere immagini riprese con troppo movimento: il fastidio non è solo in senso estetico, rischia di disturbare anche fisicamente, confondendo gli occhi.

 

  • 3) Oltre l’immagine: non dimenticare l’audio

Cosa c’è di più snervante di un’inquadratura mossa? Un audio disturbato. I video ci piacciono proprio perché sono una forma di contenuto molto completa: ci fanno vedere immagini, veicolano dei contenuti, e ci portano anche ad ascoltare. Se l’ascolto è difficile e confuso, chi sta guardando il video se ne stancherà molto presto.

Di conseguenza, assicuratevi prima di tutto che il vostro smartphone abbia delle buone caratteristiche in questo senso: molti modelli acquisiscono l’audio con nitidezza, garantendo suoni video ottimali. Se, al contrario, lo strumento non dovesse integrare un buon microfono, potrai valutare l’acquisto di uno esterno. In questo caso, fai attenzione a scegliere il prodotto giusto: verifica che esso sia compatibile con il tuo smartphone, e leggi qualche recensione per fare un acquisto consapevole. Comprando materiale scadente, rischierai di peggiorare ulteriormente la situazione.

 

Dulcis in fundo: il montaggio a portata di smartphone

Dopo questi tre passaggi fondamentali, è bene pensare anche a come muoversi dopo che le riprese si saranno concluse. Gli store online, infatti, offrono moltissime applicazioni dedicate all’editing di video direttamente su smartphone.

Tra le più gettonate dagli utenti iOS e Android figura sicuramente Magisto, un’app gratuita al download che prevede qualche acquisto facoltativo interno. Magisto non ci permette soltanto di tagliare e montare i video, ma anche di ritoccarli a nostro piacimento, attraverso filtri ed effetti, oltre che di aggiungere musica libera da diritti d’autore, e quindi utilizzabile anche per contenuti che intendiamo diffondere online.

Anche QUIK, InShot e VivaVideo godono di ottima reputazione e sono disponibili in versione gratuita. Nello specifico, su quest’ultima app le possibilità di postproduzione sono molte, e passano dalla correzione dell’immagine all’estrazione di clip specifiche, fino all’aggiunta di musica e testi a nostro piacimento.

Queste sono solo alcune tra le tantissime app scaricabili sul nostro smartphone, che potranno aiutarci a rendere il nostro contenuto sopra la media, e vicino alla soglia della professionalità
Basterà confrontarne alcune e trovare quella che fa più per noi, sia per ampiezza delle funzioni che per facilità di utilizzo.

I video sono i contenuti del presente, ma probabilmente saranno anche quelli del futuro. Per questo, chi vuol promuoversi online deve attrezzarsi per produrli o farli produrre. Non come singole iniziative che nascono e muoiono, ma sulla base di una strategia di marketing complessiva che miri a raggiungere degli obiettivi, s’intende. Se vuoi elaborarne una che sfrutti appieno il potenziale dei contenuti video, e per approfondire i segreti della loro realizzazione, contattaci. Siamo a tua disposizione per una consulenza gratuita personalizzata.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-20 01:35:37 | 91.208.130.85