SSS
ULTIME NOTIZIE SSS - Scuole Specializzate Superiori
SSS - Scuole Specializzate Superiori
2 gior
Da studente a direttore con la SSS in tecnica degli edifici
Intervista a Paolo Besana, diplomato SSST
SSS - Scuole Specializzate Superiori
5 gior
Il tecnico di radiologia medica confrontato alla disciplina medica della senologia radiologica
Di Giuseppe Conace e Jessica Poeta
SSS - Scuole Specializzate Superiori
1 sett
La riabilitazione nelle cure infermieristiche
Di Alessia Bazzi, docente
SSS - Scuole Specializzate Superiori
1 sett
CISA: un attore di primo piano al PalaCinema di Locarno
di Roberto Pomari, Direttore PalaCinema Locarno SA
SSS - Scuole Specializzate Superiori
2 sett
Per le aziende i diplomati SSS sono una carta vincente
Intervista a Michele Sargenti, direttore ABB Power Protection
SSS - Scuole Specializzate Superiori
2 sett
Metamorfosi del tecnico di sala operatoria nella chirurgia moderna
Come la formazione SSS accompagna l’evoluzione della professione
SSS - Scuole Specializzate Superiori
3 sett
La SSSAT apre le sue porte ai futuri studenti con un evento innovativo
Un webinar “Mystery box” organizzato dagli studenti
SSS - Scuole Specializzate Superiori
3 sett
STA: una specializzazione che mi ha aperto le porte del mondo professionale
Intervista a Sara D’Alessandro, una ex studentessa che lavora nel settore
SSS - Scuole Specializzate Superiori
1 mese
Informatici di gestione: la collaborazione fra scuola e azienda è la carta vincente!
L'esempio e testimonianza della Banca del Sempione
SSS - Scuole Specializzate Superiori
1 mese
Scuola e formazione, un'equazione vincente
Intervista a Nicolas Brunetti, attivo professionalmente e studente alla SSST di Bellinzona
SSS - Scuole Specializzate Superiori
1 mese
La scuola delle educatrici/ori di infanzia SSS, le ragioni di una scelta
Di Daniele Bui
SSS - Scuole Specializzate Superiori
17.05.2021 - 08:000

Ricerca e innovazione con i tecnici in analisi biomediche

Di Eneida Vetti, neodiplomata tecnica dipl. SSS in analisi biomediche

Ho svolto la mia formazione presso la Scuola specializzata superiore medico-tecnica di Locarno. Uno degli obiettivi principali che ho dovuto raggiungere per l’ottenimento del mio titolo di studio è lo svolgimento di un lavoro di diploma presso un laboratorio ticinese. Io ho potuto eseguire questo lavoro di ricerca presso Humabs BioMed a Bellinzona, ed è stata una grande occasione. Questo laboratorio ha brevettato un metodo, grazie al quale è possibile isolare, sviluppare e ottimizzare anticorpi monoclonali umani per combattere le malattie infettive.

Questa esperienza mi ha fatto crescere non solo a livello professionale, ma anche a livello umano. Il tema affrontato infatti mi ha molto coinvolta. Le malattie di origine virale e batterica, e oggi lo vediamo tragicamente bene, rappresentano uno degli ostacoli principali per la sanità pubblica. Nonostante le giuste precauzioni igieniche, le scoperte e l’utilizzo di antibiotici e antivirali, l’incidenza di molte malattie infettive continua a permanere alta e per alcune di queste malattie non sono ancora disponibili terapie efficaci. Questo pensiero naturalmente mi ha molto motivata.

Esiste poi un’ulteriore complicazione: l’emergenza provocata dallo sviluppo di resistenze contro antibiotici e antivirali. Questa resistenza sviluppata da una serie di eventi aggrava la situazione e rallenta lo sviluppo di nuovi medicamenti efficaci. La scoperta di anticorpi monoclonali a scopi terapeutici e/o preventivi ha segnato una svolta. Già affermati negli ultimi decenni nella cura di malattie tumorali, autoimmuni e neurologiche, oggi vengono impiegati anche per la cura delle malattie infettive. Questo utilizzo molto pregiato ha portato grandi benefici. Uno degli ostacoli principali però, è l’elevato costo. A differenza dei farmaci basati su molecole chimiche, gli anticorpi monoclonali sono più specifici e pertanto ci si attendono meno effetti collaterali ed un minore rischio di andare incontro allo sviluppo di resistenze.

La Humabs BioMed di Bellinzona è in grado di isolare gli anticorpi monoclonali. Uno di questi, l’anticorpo mAb12, ottenuto da un donatore con serologia positiva contro due noti virus responsabili di gravi infezioni dell’apparato respiratorio, specialmente nei bambini e negli anziani, è stato valutato come potenziale molecola per lo sviluppo di un farmaco ad uso terapeutico o preventivo. Io ho potuto dare il mio piccolo contributo personalmente a questo importante progetto. Grazie al mio lavoro di diploma si è potuto individuare la variante migliore di questo anticorpo. Quella con le migliori caratteristiche di produttività, stabilità, sicurezza ed efficacia verso i virus specifici.
Il lavoro consisteva nel testare la produttività di tutte le diverse varianti. Grazie alle analisi effettuate si è potuto identificare, tra 49 varianti totali, 2 varianti potenzialmente ottimali per svolgere i test pre-clinici successivi. Iniziare cioè a percorrere le tappe della procedura richiesta per l’effettiva produzione di un farmaco.

Non sempre il nostro lavoro è così motivante, quando capita però di far parte di un progetto, e insieme a ricercatori e professionisti, ottenere tali risultati, ci si sente parte di un sistema veramente utile alla società. Nel mio piccolo mi sono sentita fiera.

Scuola: Scuola specializzata superiore medico-tecnica

Luogo: Locarno

Formazioni: tecnico/a dipl.SSS in analisi biomediche e tecnico/a dipl.SSS di radiologia medica

Website https://www.cpslocarno.ti.ch/index.php/home/sss/ 

Tel. +41 91 816 21 61

Email: decs-cps.locarno@edu.ti.ch 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 14:27:56 | 91.208.130.89