Cerca e trova immobili

Over57 - Benessere socialeTicino: quando perdi il lavoro a 50 anni

05.09.23 - 11:00
Over57
Ticino: quando perdi il lavoro a 50 anni

Perdere il lavoro è sempre un'esperienza difficile, ma lo è ancor di più quando hai 50 anni e vivi in Ticino. Secondo i dati dell’Ufficio di Statistica del Cantone, infatti, i disoccupati over 50 rappresentano circa il 25% del totale dei disoccupati in Ticino, una quota elevata e in perenne crescita, soprattutto a causa della crisi economica causata dalla recente pandemia.

Non è un mistero, infatti, che queste persone sperimentino maggiori difficoltà nel trovare un nuovo lavoro, rispetto a quelle più giovani, soprattutto a causa di una certa rigidità del mercato, che nonostante i buoni propositi, continua a discriminare gli over 50. La buona notizia è che, se ti trovi in questa situazione, puoi contare su qualche misura di sostegno.

 

Cause della disoccupazione over 50

Se la recente crisi pandemica e una generale retrocessione dell'economia spiegano l'aumento della disoccupazione in generale, a quella degli over 50 concorrono altri fattori, a cominciare da una spietata guerra ai costi. Non è un mistero, infatti, che un lavoratore qualificato, con tanti anni di esperienza alle spalle, abbia diritto a uno stipendio più oneroso per il datore di lavoro: ecco, quindi, che le aziende preferiscono assumere dipendenti più giovani, magari anche precari, in modo da ridurre i costi aziendali.

Inoltre, l'automatizzazione e la digitalizzazione aziendale non ha fatto altro che mettere in luce il gap fra lavoratori giovani e maturi, con questi ultimi che scontano la mancanza di aggiornamento formativo, soprattutto in termini informatici e tecnologici.

E poi c'è la pura e semplice discriminazione generazionale, basata per lo più su pregiudizi del tutto arbitrari, che nel 2023 andrebbero superati completamente.

 

Over57


Cosa succede quando ci si ritrova disoccupati a 50 anni?

Ritrovarsi disoccupati a 50 anni è un bel problema, inutile girarci intorno. Anche perché a quest'età, oltre agli ovvi problemi legati alla riduzione del reddito e del potere d'acquisto, incidono anche importanti fattori psicologici, che possono minare profondamente il benessere psico-fisico e la qualità della vita in generale.

A 50 anni, infatti, la perdita del lavoro mette in moto un meccanismo per il quale si viene a formare un vortice di negatività, dal quale poi è difficile uscire. La disoccupazione, infatti genera una certa perdita di identità che, a sua volta, suscita sentimenti di inutilità e frustrazione. Risultato? Viene a mancare la fiducia in sé stessi, fattore indispensabile per trovare un nuovo lavoro.

Ma cosa fa la Svizzera per i disoccupati over 50? Poco, ma qualcosa fa.

 

Over57


Ticino e disoccupazione over 50

Per affrontare la sfida posta dai disoccupati over 50, la Svizzera ha previsto una serie di misure di sostegno, sia a livello federale, sia cantonale. Vediamo quali sono le più interessanti:

    • “job mentor” - è una nuova figura inserita negli Uffici Regionali di Collocamento (URC), che offre consulenze personalizzate ai disoccupati over 50, aiutandoli a valorizzare le loro esperienze, individuare competenze e a trovare le opportunità di lavoro più adatte al loro profilo professionale.
    • PML – sono i “Provvedimenti per il Mercato del Lavoro”, ovvero corsi, programmi d’occupazione temporanea, stage e altri strumenti per migliorare le possibilità di reinserimento. Tra i PML più utilizzati dai disoccupati over 50 ci sono i corsi di aggiornamento professionale, di lingue straniere, di informatica e i corsi di preparazione agli esami federali.
    • L-rilocc – questa è la “Legge sul rilancio dell’occupazione e sul sostegno ai disoccupati”, che prevede incentivi all’assunzione, assegni di inserimento o di formazione professionale, sostegno alle nuove attività indipendenti e altre misure specifiche per questa categoria. Fra le misure più promettenti vi sono gli assegni di inserimento per tutti coloro che, seppure a malincuore, sono disposti ad accettare un impiego con un salario inferiore a quello precedente.

Tuttavia, queste misure non sono sufficienti a rispondere a una situazione tanto complessa. Secondo uno studio realizzato dall’Università della Svizzera Italiana, infatti, i disoccupati over 50 incontrano ancora enormi ostacoli nel loro percorso di ricollocamento, a cominciare dalla scarsa qualità offerta dagli Uffici Regionali di Collocamento.

Ma questo non è un buon motivo per rassegnarti. Continua la tua ricerca e metti in campo ciò che hai di più prezioso: la tua esperienza. E nel frattempo, per guadagnare qualche franco in più e nutrire la tua autostima, vieni a trovarci su over57.com. Un lavoretto ti sarà utile per uscire dal tunnel della depressione e dimostrare al mondo che altro che over 50: tu sei il supereroe che tutti vorrebbero assumere!

 

Articolo pubblicato grazie al supporto di: 
Point Service – Gimasi – Tertianum Cornaredo


Questo articolo è stato realizzato dal nostro inserzionista Associazione EKUOS, non fa parte del contenuto redazionale.
COMMENTI
 
Elveg 2 sett fa su tio
Articolo barzelletta!!!!!
Wenz 3 sett fa su tio
Più disoccupazione, è più collocatori hanno il posto garantito. Io disoccupato a 59 anni non ho mai ricevuto dal collocatore una proposta di lavoro o colloquio. Ora ci sarà un “Job mentor” per aiutare gli over 50. Ma per favore! Sarà forse l’unico (e magari ancora frontaliero) che almeno avrà un posto di lavoro assicurato vista la situazione di mercato che peggiorerà sempre più malgrado ci vogliono far credere del contrario
Giulietto 3 sett fa su tio
Tutte bugie purtroppo. Io ho 50 anni e nessuno dico nessuno mi ha aiutato, solo propaganda politica
Dan1962 4 sett fa su tio
Non diciamo sciocchezze la pandemia non c’entra abbiamo sostituito i 50 enni con frontalieri meno cari più giovani e sottomessi e scandaloso
NOTIZIE PIÙ LETTE