Segnala alla redazione
AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
1 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
2 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
16.11.2019 - 08:000

Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro

I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità

Finora, per creare un’Intelligenza Artificiale è sempre stato necessario l’utilizzo di un computer. Da oggi le cose potrebbe cambiare. Infatti, in uno studio pubblicato sulla rivista Photonics Research, gli scienziati dell’Università del Wisconsin-Madison hanno descritto la maniera in cui sono riusciti a sviluppare una lastra di vetro “intelligente” in grado di riconoscere le immagini e che non ha bisogno di circuiti e sensori, né tantomeno di una fonte di alimentazione. Nello specifico, la lastra di vetro è stata capace di identificare alcune cifre scritte a mano.

Per realizzare questa impresa i ricercatori hanno iniziato posizionando bolle d’aria di diverse forme e dimensioni in punti specifici all’interno del vetro. Vi hanno poi aggiunto pezzi di materiali in grado di assorbire la luce, posizionati strategicamente. Uno dei materiali scelti è il grafene.

Quando gli scienziati scrivono un numero a mano, la luce che si riflette sulla cifra entra da un lato del vetro. Il team ha appurato che le bolle e le impurità disperderebbero le onde luminose in maniera diversa a seconda del numero fino a raggiungere uno dei 10 punti designati sul lato opposto del vetro, ciascuno corrispondente a una cifra diversa.

La lastra di vetro, in sostanza, potrebbe dire al ricercatore quale numero ha visto, facendolo alla velocità della luce e senza la necessità di alcuna fonte di alimentazione come per i tradizionali strumenti informatici. “Siamo abituati al calcolo digitale, ma questo ha ampliato la nostra visione”, ha affermato Zongfu Yu, uno dei ricercatori dello studio. “La dinamica ondulatoria della propagazione della luce offre un nuovo modo di eseguire il calcolo neurale artificiale analogico”.

Insegnare alle macchine questo modo accurato di “vedere” sarà la chiave per raggiungere gli obiettivi dell’intelligenza artificiale del futuro, poiché la visione artificiale gioca un ruolo importante in tutto, dalle auto a guida autonoma fino ai robot. Anche se bisogna dire che questo vetro “intelligente” potrebbe non essere in grado di completare calcoli abbastanza complessi per tali scopi. Tuttavia, il team ha già ben in mente una possibile applicazione, ovvero la sicurezza degli smartphone.

Attualmente, infatti, quando si tenta di sbloccare un telefono tramite Face ID, un'intelligenza artificiale all'interno del dispositivo deve eseguire un calcolo, consumando inevitabilmente la batteria durante il processo. Applicando invece un foglio di vetro intelligente sulla parte anteriore del dispositivo, questo sarà in grado di eseguire l’operazione senza estrarre energia dalla batteria del telefono.

“Potremmo potenzialmente usare il vetro come una serratura biometrica, regolato per riconoscere il volto di una sola persona”, ha detto Yu. “Una volta costruito, durerebbe per sempre senza bisogno di energia o di internet, il che significa che potrebbe mantenere qualcosa di sicuro per te anche dopo migliaia di anni”.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 16:27:10 | 91.208.130.85