Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile
L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche
STATI UNITI
5 gior
Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica
Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo
STATI UNITI
1 sett
Secondo gli scienziati di Harvard le radiazioni emesse dai buchi neri potrebbero creare la vita
In base a un recente studio i ricercatori di Harvard hanno scoperto che alcune zone intorno ai buchi neri potrebbero essere in grado di supportare la vita
AvanTI
1 sett
IBM partner di Fraunhofer per promuovere la ricerca sul quantum computing in Europa
La Germania ha stanziato un budget biennale di 650 milioni di euro per finanziare progetti di ricerca nel campo del calcolo quantistico e realizzare il super computer Q System One
STATI UNITI
2 sett
Gli scienziati prevedono i salti quantici e possono risolvere il paradosso del gatto di Schrödinger
Alcuni fisici dell’Università di Yale hanno immaginato di poter salvare il famoso felino, simbolo di imprevedibilità, anticipando in tempo reale i salti quantici
STATI UNITI
3 sett
Astro, il cane-robot da addestramento che impara dall’esperienza
L’Intelligenza Artificiale sviluppata nei laboratori della Florida Atlantic University esegue i comandi e apprende per svolgere azioni aggiuntive
GERMANIA
3 sett
Un nuovo esperimento per stabilire una volta per tutte se l’EmDrive è realizzabile
In caso di successo si potrebbe finalmente realizzare un motore in grado di far volare i veicoli spaziali senza l’utilizzo di carburante
STATI UNITI
3 sett
Un viaggio alla scoperta dell’universo delle interfacce neurali
Alcuni impianti cerebrali adoperano l’elettricità, altri la luce, altri ancora la chimica. Quali sono gli sviluppi e le prospettive in questo campo scientifico?
STATI UNITI
1 mese
Presto i medici potrebbero prescrivere ai pazienti robot sessuali
I robot potrebbero aiutare le persone a superare le disfunzioni sessuali, ma la preoccupazione è che possano rappresentare un rischio per chi non ne sia affetto
AVANTI
1 mese
Le lenti a contatto ad alta tecnologia che fanno lo zoom con due battiti di ciglia
Arriva dai ricercatori dell’Università di San Diego il sistema che mima i movimenti oculari permettendo alle lenti biometriche di rispondere agli impulsi modificando la lunghezza focale
AVANTI
1 mese
Creata un’Intelligenza Artificiale in grado di generare testi falsi ma altamente credibili
GPT2, il generatore di testi più evoluto di sempre potrebbe creare seri problemi se finisse nelle mani sbagliate. Per tale motivo per il momento resterà segreto
AVANTI
1 mese
Gli scienziati stanno crescendo piccoli cervelli umani da collegare ai robot
In un laboratorio della Stazione Spaziale Internazionale gruppi di cellule nervose chiamate mini-cervelli si stanno sviluppando in modi che in precedenza gli scienziati non pensavano fosse possibile
AVANTI
1 mese
Creato dalla tossina di un ragno un fungo transgenico che uccide le zanzare
Un fungo modificato geneticamente per uccidere la zanzara anofele, responsabile della trasmissione della malaria, causa di morte per mezzo milione di persone all’anno
AVANTI
1 mese
Taxi volanti a guida autonoma disponibili per il prossimo decennio
La prospettiva di salire a bordo di un “taxi volante” non è poi così lontana. Nuovi concetti, progetti e investimenti stanno infatti accelerando gli sviluppi in questo settore
AVANTI
1 mese
Il Pentagono ha un laser che identifica le persone dal battito del cuore
Può riconoscere una persona fino a 200 metri di distanza con una precisione del 95% ed è molto meglio del “facial recognition system”
GIAPPONE
08.10.2019 - 08:000

In arrivo Arque, la coda robotica utile per migliorare l’equilibrio e gestire carichi pesanti

Alcuni ricercatori giapponesi hanno creato un’appendice robotica che promette di aumentare le capacità di chi la indossa, migliorandone l’equilibrio e l’agilità

 

L’uomo ha perso la coda ormai milioni di anni fa, quando ci siamo allontanati dalle scimmie diventando australopitechi, e poi umani. Ma non è detto che oggi l’appendice perduta potrebbe tornarci ancora utile in alcune situazioni. In base a questo presupposto, un gruppo di ricercatori della Keio University Graduate School of Media Design, in Giappone, sembra aver trovato il modo per permetterci di recuperare questa mancanza.
Il team di ricercatori, costituito per lo più da artisti e creativi, ha infatti ideato una vera e propria coda artificiale che potrebbe essere utilizzata dall’uomo per mantenersi in equilibrio in situazioni particolari, come il trasporto di pesi e l'esecuzione di movimenti altrimenti impossibili. Il progetto si chiama Arque ed è stato presentato in occasione della Conferenza Siggraph 2019 a Los Angeles.
Il design è ispirato alla coda dei cavallucci marini, resistente abbastanza per evitare i predatori ma flessibile tanto da potersi aggrappare ai coralli. La coda robotica si fissa al corpo attraverso una serie di lacci regolabili legati alla vita e alle spalle. È composta da una serie di giunture, in pratica delle vertebre, tenute insieme da una struttura flessibile e mosse da quattro muscoli pneumatici.
Le vertebre contengono degli alloggiamenti che possono essere caricati con pesi da 24 a 184 grammi ciascuno, mentre i muscoli entrando in funzione esercitano una spinta in otto direzioni diverse. Il movimento determinato dai muscoli artificiali, congiunto al peso di Arque, sposta dinamicamente il baricentro dell'utente rispondendo in automatico agli stimoli comunicati al sistema da una serie di accelerometri. Il processo modifica l'equilibrio di chi indossa il congegno, aiutandolo a rimanere in piedi anche in situazioni in cui normalmente sarebbe sbilanciato.
Nelle intenzioni dei creatori, Arque può essere utile per dare assistenza ai lavoratori incaricati di sollevare o trasportare oggetti pesanti. Infatti, proprio come una tuta esoscheletro che migliora le capacità dei muscoli di chi la indossa, la coda funziona come un contrappeso, quindi è necessaria meno forza per sollevare qualcosa da terra. A differenza di un esoscheletro però, la coda è molto meno complicata e più facile da indossare e da togliere.
Gli ideatori di Arque pensano anche che la coda artificiale possa essere un modo efficace per aggiungere feedback tattili su tutto il corpo alle persone che esplorano i mondi virtuali, come ad esempio i videogiochi, alterando il loro equilibrio e lo slancio per imitare ciò che il loro corpo sta vivendo in quel momento nella realtà virtuale.
L’unico problema è che la coda robotica al momento è solo un prototipo e per trasformarla in un prodotto commerciale occorrerà innanzitutto trovare un modo di farla funzionare con un sistema di alimentazione autonomo, ma soprattutto cercare clienti disposti ad acquistarla per poter iniziare a pensare ad una produzione in serie.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 11:05:07 | 91.208.130.85