Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
DANIMARCA
4 gior
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
1 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
1 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
2 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
2 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
STATI UNITI
4 sett
Colonizzare Marte in futuro potrebbe essere possibile grazie a un materiale chiamato aerogel
Una sperimentazione effettuata da alcuni ricercatori di Harvard e della NASA con un materiale simile al polistirolo ma composto al 99% di aria potrebbe consentire di “terraformare” il Pianeta Rosso
GERMANIA
1 mese
Gli aerei a guida autonoma diventano realtà e potrebbero decollare già nei prossimi anni
Una tecnologia di visione artificiale insieme a un sistema di guida autonoma hanno permesso a un aereo di trovare la pista di atterraggio e toccare terra senza l’ausilio di un pilota umano
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 mese
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
STATI UNITI
05.10.2019 - 08:000

Gli scienziati prevedono i salti quantici e possono risolvere il paradosso del gatto di Schrödinger

Alcuni fisici dell’Università di Yale hanno immaginato di poter salvare il famoso felino, simbolo di imprevedibilità, anticipando in tempo reale i salti quantici

Nel 1935 il fisico Erwin Schrödinger ideò un esperimento mentale per illustrare il concetto di superposizione (cioè l’abilità di due stati opposti di esistere simultaneamente) e di imprevedibilità nella fisica dei quanti. Tale esperimento è passato alla storia come “il gatto di Schrödinger”, diventato ormai una pietra angolare della fisica quantistica.
Il paradosso prevede che un gatto sia sigillato all’interno di una scatola insieme ad una fonte radioattiva e ad una dose di veleno che si attiva nel caso in cui un atomo della sostanza radioattiva decade. La teoria della superposizione dei quanti suggerisce che, finché qualcuno non apra la scatola, il gatto possa essere contemporaneamente sia vivo che morto. L’apparente paradosso scaturisce dal fatto che in meccanica quantistica non è possibile descrivere classicamente gli oggetti e si ricorre così ad una rappresentazione probabilistica.
Ad esempio, per mostrare il fatto che una particella può collocarsi in diverse posizioni la si descrive come se essa sia contemporaneamente in tutte le posizioni che può assumere. Ad ogni posizione possibile corrisponde la probabilità che, osservando la particella, essa si trovi proprio in quella posizione. L’operazione di osservazione, tuttavia, modifica irrimediabilmente il sistema poiché, una volta osservata in una posizione, la particella assume definitivamente quella posizione  e quindi non si trova più in una sovrapposizione di stati. Allo stesso modo, aprire la scatola significa causare un cambiamento casuale dello stato, forzando il gatto ad essere morto oppure vivo. Il salto quantico, allora, è il discreto (non continuo) e casuale cambiamento dello stato quando viene osservato.
Prevedere quando un sistema quantistico “salterà” da uno stato all'altro è impossibile, almeno così era fino a qualche mese fa. I ricercatori di Yale, infatti, a giugno di quest’anno hanno pubblicato uno studio sulla rivista Nature che spiega la loro scoperta di un sistema di allarme precoce per i salti quantistici. L’esperimento è stato effettuato irradiando con tre generatori di microonde un atomo artificiale superconduttore racchiuso in una cavità di alluminio. Le radiazioni a microonde agitano l’atomo artificiale mentre viene osservato simultaneamente, rilevando la presenza dei salti quantici. Il piccolo segnale quantico di questi salti può essere amplificato e monitorato in tempo reale, consentendo ai ricercatori di notare dei momenti di improvvisa assenza dei fotoni emessi dall’atomo eccitato dalle microonde. Questa piccola assenza è risultata l’avvertimento di un salto quantico imminente.
L’effetto rivelato da questo esperimento, spiegano gli scienziati, è l’aumento della coerenza durante il salto, nonostante la sua osservazione. Questa caratteristica può essere utilizzata non solo per predire il salto stesso, ma addirittura per invertirlo. Si tratta, in effetti, di una scoperta molto importante perché, mentre il salto quantico sembra essere casuale e non prevedibile, poter invertire un salto quantico significa che l’evoluzione dello stato quantico della materia possiede in parte una natura deterministica e non casuale: il salto accade sempre nello stesso prevedibile modo, nonostante il suo casuale punto di partenza.
Questa capacità di invertire i salti quantici rivela come questa nuova scoperta possa essere profondamente utile nello sviluppo dei computer quantistici. Le unità di base delle informazioni nei sistemi di calcolo quantistico sono note come qubit. Sono analoghi ai bit utilizzati nel calcolo tradizionale, ma anziché essere 1 o 0, un qubit può trovarsi contemporaneamente in entrambi gli stati. I quibit cambiano stato nei sistemi di calcolo quantistico a seguito di errori di calcolo. Ora che i ricercatori hanno un modo per prevedere i salti, si possono correggere più rapidamente gli errori e gestire i dati quantistici, rendendo una delle sfide chiave per creare validi computer quantistici un po’ meno stimolante.
«I salti quantici di un atomo sono in qualche modo analoghi all'eruzione di un vulcano», ha detto Zlatko Minev, uno dei ricercatori impegnati nell’esperimento. «Sono completamente imprevedibili a lungo termine. Tuttavia, con il corretto monitoraggio possiamo rilevare con certezza un avviso anticipato di un disastro imminente e agire su di esso prima che si verifichi».
Nel caso del famoso paradosso del gatto di Schrödinger, l’implicazione della scoperta consiste nel fatto che si possa indirettamente intuire la transizione del gatto tra lo stato “vivo” e lo stato simultaneo “vivo e morto”, intervenendo in tempo per salvare il felino.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-18 15:35:00 | 91.208.130.87