Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
2 gior
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
FINLANDIA
4 gior
Sviluppato un nuovo tipo di materiale che in futuro potrebbe sostituire la plastica
Un team di ricercatori finlandesi ha ideato un nuovo materiale basato su fibra di legno e seta di ragnatela con una resistenza e rigidità superiori a quelli sintetici e naturali oggi in commercio
DANIMARCA
1 sett
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
1 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
2 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
2 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
02.10.2019 - 06:000

Astro, il cane-robot da addestramento che impara dall’esperienza

L’Intelligenza Artificiale sviluppata nei laboratori della Florida Atlantic University esegue i comandi e apprende per svolgere azioni aggiuntive

Astro è il nuovo cane-robot creato dal Machine Perception and Cognitive Robotics Laboratory (Mpcr) della Florida Atlantic University che grazie all'intelligenza artificiale di cui sono dotati gli assistenti vocali risponde ai comandi in maniera del tutto originale rispetto ai suoi simili.

Ciò che gli consente di eseguire i comandi che riceve e, al tempo stesso, di apprendere dall’esperienza è ovviamente il suo cervello. La testa, infatti, stampata in 3D per assomigliare alle fattezze di un Dobermann pinscher, contiene un computer Nvidia Jetson TX2 con una potenza di calcolo da 4 teraflop.

In questo senso, Astro non avrà ancora sembianze estetiche del tutto perfette, ma per quanto riguarda il comportamento raffigura bene l'evoluzione degli androidi zoomorfi più avanzati come quelli della Boston Dynamics ed altri. Non a caso, è in grado di processare le informazioni ricevute per svolgere azioni non pre-programmate, ma frutto di un apprendimento basato su una rete neurale “profonda” (deep learning), ovvero una simulazione computerizzata del cervello.

Anche la sua dotazione tecnologica non ha niente da invidiare ai robot più evoluti. Astro, infatti, si muove ed interagisce grazie a sensori, imaging radar, telecamere e un microfono direzionale. È in grado di rispondere ai comandi proprio come un cane: si siede, si alza, si sdraia su richiesta. Inoltre, può arrivare a rispondere ai gesti, capire diverse lingue, coordinare i suoi movimenti con i droni, fino a distinguere i volti umani e a riconoscere altri cani. Tutto ciò, in pratica, fa di lui un perfetto cucciolo di 45 kg da addestramento.

Dotato con più di 12 sensori, Astro può essere il candidato ideale per diventare un fedele aiutante delle forze dell'ordine, collaborare nelle operazioni di salvataggio, oppure come cane-guida capace di imparare a percepire i suoni, attivare i radar in presenza di gas ed esplosivi, apprendere i movimenti utili e, un giorno, arrivare addirittura ad eseguire screening diagnostici.

L’unico vero tallone di Achille di Astro sembra forse essere l’espressività: lo sguardo digitale, in effetti, lo rende ancora parecchio lontano dai suoi simili in carne ossa. Ciò significa che sull’empatia tra uomo-cane per quanto riguarda i robot c’è ancora molto da lavorare.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-23 14:25:10 | 91.208.130.89