Cerca e trova immobili

MOBILITÀ«Nell’80 per cento dei casi, le nostre auto sono troppo grosse»

26.09.23 - 11:00
Micro Mobility Systems
Il Microlino dovrebbe andare a sostituire le classiche auto nella routine quotidiana. Visivamente ricorda la Isetta di BMW degli anni ‘50.
Il Microlino dovrebbe andare a sostituire le classiche auto nella routine quotidiana. Visivamente ricorda la Isetta di BMW degli anni ‘50.
«Nell’80 per cento dei casi, le nostre auto sono troppo grosse»
Con i suoi monopattini, Wim Ouboter ha rivoluzionato gli spostamenti sulle brevi distanze. Ora il CEO di Micro ha deciso di lanciarsi sul mercato delle auto per liberare le città dagli ingombranti generatori di CO2.

In breve

    • L’impresa Micro Mobility Systems di Küsnacht vende da 3 a 4 milioni di monopattini all’anno in tutto il mondo.
    • Con il Microlino, un veicolo da due posti con motore a batteria, il CEO Wim Ouboter è pronto a lanciarsi nel mercato delle auto.
    • Ritiene che le auto classiche siano costruite per le lunghe distanze e siano troppo ingombranti per l’utilizzo quotidiano.
    • Per rendere attrattiva la riduzione del CO2 ma anche del comfort del Microlino, Ouboter punta su design e marketing.

 

Interview: Adrian Schräder

 

Signor Ouboter, da poco è entrato a far parte dei produttori di auto. Come ci è arrivato?

Wim Ouboter: Sviluppando un’idea di marketing. Volevamo chiarire che i nostri monopattini sono mezzi di trasporto e non giocattoli e abbiamo quindi sviluppato un concetto di vettura di piccole dimensioni. Quando l’abbiamo presentato a Ginevra, i giornalisti hanno scritto che si tratta del veicolo ideale. Da lì, abbiamo deciso di lanciarci per davvero.

 

Ciò significa che esiste un mercato per queste vetture.

Ne sono convinto, è chiaro. Per me, le piccole vetture come il nostro Microlino sono la soluzione. Credo che sia possibile convincere anche la popolazione. La distanza media percorsa giornalmente dagli svizzeri in auto ammonta a 32 chilometri. Per farlo, abbiamo la motorizzazione più elevata subito dietro il Principato di Monaco. Non è proprio un vanto per il nostro Paese. Provate a guardare quante auto circolano con a bordo una sola persona. Ognuno di noi potrebbe dare un contributo rinunciando a utilizzare le ingombranti auto pensate per le lunghe distanze sui tragitti brevi. Allo stesso modo, non usciamo di casa ogni giorno con un’enorme valigia perché ci diciamo «oggi potrei darmi allo shopping selvaggio».

 

Come si presenta secondo lei il parco auto ideale per una famiglia svizzera?

Al massimo un’auto per i lunghi viaggi. Non ne servono di più. Per il resto è possibile utilizzare un Microlino, i mezzi pubblici o, volendo, un monopattino. L’auto per i lunghi tragitti serve davvero solo per il weekend o per le vacanze.

 

Non vende semplicemente un prodotto ma proprio uno stile di vita. Era l’idea fin dall’inizio?

Sì. Senza marketing e senza lifestyle non avrebbe funzionato. Con il Microlino si rinuncia a una parte del comfort e a tanto spazio.

 

E cosa si ottiene in cambio?

Un veicolo cool a forma di goccia che si guida come un go-kart, che semplifica la ricerca di un posteggio, che è anni luce meno caro per quanto riguarda la manutenzione e che dà un importante contributo nella risoluzione dei problemi di traffico e ambientali. In Italia vi fischieranno dietro quando passerete con il vostro Microlino gridando «bella macchina!»

 

Per le auto elettriche, i temi principali sono sempre autonomia e tempi di ricarica. Come si piazza il Microlino in questi campi?

Senza batteria, l’auto pesa solo 450kg. Necessita quindi solo di una piccola, leggera batteria da 48 volt con la quale è possibile percorrere fino a 130km. Con la nostra batteria più grossa si arriva a un’autonomia di 240km. Ma non viene utilizzata spesso. E una volta terminata la carica, basta collegare il Microlino a una normale presa domestica e in 4 ore sarete di nuovo al 100 per cento.

 

Si tratta di un veicolo a due posti con spazio di carico. È possibile anche installare un seggiolino per bambini?

Sì, è possibile. Ma chiaramente di tratta di una microcar per gli spostamenti quotidiani e non di un’auto per famiglie.

 

Si è rivolto anche alla politica. Il Microlino riceve sovvenzioni? 

Solo in Italia e in Grecia. In Germania e in Svizzera nemmeno un centesimo. La politica ritiene di poter risolvere il problema del traffico con biciclette cargo e mezzi pubblici. Ma si tratta di un’illusione. Spesso il Microlino si trova tra l’incudine e il martello perché tecnicamente non di tratta di un’auto ma di un «Heavy Quadricycle» e se ci si attiene rigidamente alle direttive UE, allora non sono necessari incentivi. Per fare un confronto: Tesla non viene solo sovvenzionata ma ottiene anche un corposo contributo dagli importatori di auto perché Tesla aiuta a migliorare il bilancio di CO2 della flotta.

 

Un Microlino con autonomia e dotazioni classiche costa 20 000 franchi. Un prezzo importante per un mezzo ausiliario. Una Citroën Ami o una Renault Twizy costano meno della metà.

Offrono però anche molto meno. Il Microlino viaggia fino a 90 chilometri orari, protegge dalle intemperie e per essere così compatto offre uno spazio di carico di dimensioni adeguate.

 

Cosa ne pensa dei monopattini in sharing che si possono prendere a noleggio ormai un po’ dappertutto?

Non è il concetto su cui noi facciamo affidamento. Noi vendiamo monopattini che possono essere piegati e trasportati ovunque. Non ritengo che il modello dello sharing sia particolarmente efficiente. Molti li considerano addirittura una seccatura perché vengono abbandonati ovunque.

 

Qualche tempo fa, in questa serie abbiamo intervistato lo sviluppatore Frank M. Rinderknecht che ha dichiarato che nel settore della mobilità e della sostenibilità non esistono verità. Cosa ne pensa?

C’è sicuramente una verità: per l’80 per cento dei nostri spostamenti, le nostre auto sono troppo grosse. Auto più piccole con batterie più piccole sarebbero più che sufficienti per la maggior parte dei tragitti quotidiani.

 

Parla sempre di seconda auto ma avendo un Microlino e magari un monopattino elettrico e facendo affidamento sui mezzi pubblici, allora non varrebbe la pena di sobbarcarsi l’acquisto e i costi di manutenzione di una grossa auto.

Naturalmente no. Mia moglie e io viaggiamo da circa un anno esclusivamente con il Microlino e i mezzi pubblici. Con una sola eccezione: quando facciamo gite fuori porta nel weekend. In quel caso prendo in prestito una delle auto della ditta. In alternativa si potrebbe chiaramente sfruttare un’offerta di sharing o noleggiare un’auto.

COMMENTI
 

Hammer 5 mesi fa su tio
tra una scatola di sardine simile e una moto, il rischio di farsi male è uguale

Hammer 5 mesi fa su tio
Io continuo ad andare in moto....

Mattt 5 mesi fa su tio
idee elettrizzante... dimensioni compatte... costi di gestione bassi...prezzo d'acquisto...così così....design anonimo se non per nulla attraente... secondo me.... sarà un flop... vedi che fine ha fatto la Opel Karl...

Hammer 5 mesi fa su tio
Viva il Piranha!!!!

Granzio 5 mesi fa su tio
.... In Italia vi fischieranno dietro quando passerete con il vostro Microlino gridando «bella macchina!». I. Di. ota, qui siamo in Svizzera

Mattt 5 mesi fa su tio
Risposta a Granzio
perché è lì che danno incentivi... sveglione...

cama70 5 mesi fa su tio
Risposta a Mattt
il fatto che diano incentivi cosa centra con "vi fischieranno dietro dicendo bella macchina"? la macchina fa ca.ga.re anche se incentivata

sirio 5 mesi fa su tio
Il Microlino se lo tengano loro!

Jacko67 5 mesi fa su tio
Segnalazione di servizio alla redazione, stare attenti ai filtri perché non potete mettere fuori legge il nome di una nazione 🙀🙀🙀

Jacko67 5 mesi fa su tio
Festeggiano Cina e India (più grandi produttori di carbone), …… (non posso scrivere il nome di questa nazione per il filtro me lo blocca, incredibile) e Canada (più grandi produttori di uranio) per la gioia degli ecologisti.

curiuus 5 mesi fa su tio
Tutti avanti con l'elettrico.... le aziende elettriche stanno già stappando le bottiglie... 🤣🤣🤣

Lukas82 5 mesi fa su tio
Risposta a curiuus
E mica tanto.... Il potenziamento della rete di è a carico di quest ultime

curiuus 5 mesi fa su tio
Risposta a Lukas82
E dove vedi il problema... basta aumentare le tariffe ! 🤣🤣🤣

resiga 5 mesi fa su tio
Ma bene ... e allora tutti con l'auto piccola ... ma munita però di rimorchio !

Gus 5 mesi fa su tio
a Bellinzona regolarmente dei Suv occupano due parcheggi per paura degli altri. Ne pagano uno solo e la polizia non fa niente. Se tu invece sei fuori di 5 minuti dal tempo, ti multano. Forti coi deboli; deboli coi forti!

L HOST 5 mesi fa su tio
Risposta a Gus
A bellinzona in provincia di cuneo? Non che mi freghi qualcosa dei suv ma io trovo più utilitarie a fare quel lavoro

Scorpion1065 5 mesi fa su tio
l'idea di base è nobile...non è però pratica.. non tutti hanno una villetta dove si può facilmente accedere a delle prese di corrente..

teamsabotage 5 mesi fa su tio
Sí ok, con sta moda dei SUV che poi fatichi ad aprire le portiere quando vai a fare la spesa e che se acquisti una normale stationwagon hai più capacità di carico l'affermazione può avere senso ma tra i mega SUV e questa costosa scatola di fiammiferi ci sono le più classiche, economiche e super collaudate citycar nel mezzo che sono ben più ragionevoli come acquisto.

DS 5 mesi fa su tio
una polo oggi è grande come una golf degli anni 90

Braun30 5 mesi fa su tio
La stragrande maggioranza delle auto viene acquistata con la teoria del "sai quando vado in vacanza ho bisogno di mettere anche il triciclo di mio figlio" o "se devo fare un trasporto di un mobile così sono a posto". Queste auto per 350 giorni all'anno sono trasporto di aria, metri cubi di aria portati qui e li in previsione di una necessità ipotetica.

L HOST 5 mesi fa su tio
Risposta a Braun30
Perchè le 4 posti girano sempre a pieno carico immagino

Mattt 5 mesi fa su tio
Risposta a Braun30
si certo.... però quando hai bisogno e nn hai lo spazio che ti serve????

Trombo 5 mesi fa su tio
Risposta a L HOST
A volte basta poco per fare la differenza...

Lukas82 5 mesi fa su tio
A sto punto acquisto una Fiat panda e so che, anche se stretti, in 4 ci stiamo. 20000 Fr per sto coso no grazie, dove metto la cassa di Feldi???

Tshakra 5 mesi fa su tio
Risposta a Lukas82
Se digiti microlino Kofferraum la vedi

Vallocavallo 5 mesi fa su tio
adoro il mio biturbo.grazie

L HOST 5 mesi fa su tio
Non è che le nostre macchine sono troppo grosse, siete voi ingegneri che pensate ancora che girano solo smart e isetta e fate i parcheggi con delle dimensioni ridicole solo per potercene fare state il più possibile per generare quella cosa li che vi fa tanto schifo ma che chiamate comunque soldi. A parte questo fin che ci si fa profitto lasciate targare abomini del consumo senza alcun ritegno e con dimensioni che manco i mecha giapponesi. Per quel che riguarda l articolo penso che nessuno lo abbia letto tutto dato che fate perdere la pazienza al lettore già solo con il titolo

Arnold 5 mesi fa su tio
20 mila fr?? Ma ci crede sul serio?Trovi auto piccole nuove per quasi la metà. Parcheggio poi è lo stesso qualsiasi auto uno abbia.

Mattt 5 mesi fa su tio
Risposta a Arnold
eeeeeesatto

Fiamma77 5 mesi fa su tio
E si… tutti solo per moda in giro con i SUV e spesso non sono nemmeno capaci di fare retromarcia o posteggi laterali… un’idiozia che costa, che inquina, che non ti garantisce sempre di avere più spazio (ho visto bauli di suv meno capienti della mia vecchietta fiesta. Ma sono di moda… sono In se ho un’auto grande…. In poche parole… il riflesso di una società che vuole solo apparire!

L HOST 5 mesi fa su tio
Risposta a Fiamma77
Mi sa che confondi i suc con le biciclette

L HOST 5 mesi fa su tio
Risposta a L HOST
Suv*

Znec 5 mesi fa su tio
Un water su 4 ruote

Mattt 5 mesi fa su tio
Risposta a Znec
ahahah

sbomba 5 mesi fa su tio
ahahahahahahaha

francox 5 mesi fa su tio
Ce ne sono di cinesi, che costano la metà. Però non le si importano, darebbero concorrenza alla VW e a tutte le altre.

cama70 5 mesi fa su tio
Ne ho incrociato uno l’altro giorno…..se dovessi averne uno davanti a 30 km/h in salita (perché di più non va….) in una strada di valle gli do un “trussone” che se lo ricorda per 10 anni Cessi con 4 ruote, ma dove stiamo andando a finire……

Lukas82 5 mesi fa su tio
Risposta a cama70
Hahaha... Magari dopo una giornata di m... Al lavoro con la voglia di tornare a casa. :)