Viaggi & TurismoCandida Höfer: quando l’arte incontra la fotografia

16.01.23 - 15:57
Reportage alla scoperta della nazione più piccola del mondo (quarta parte)
CR
Candida Höfer: quando l’arte incontra la fotografia
Reportage alla scoperta della nazione più piccola del mondo (quarta parte)

VADUZ - Passeggiando nel centro storico della capitale ci si imbatte, sulla via principale, in un moderno cubo nero: si tratta della nuova sede del museo d’arte del Principato. «Nel 1967, lo Stato del Liechtenstein ricevette in dono dieci dipinti. Questa è stata l'occasione per fondare la Collezione d'Arte dello Stato del Liechtenstein l'anno successivo. Il primo curatore della collezione fu il dottor Georg Malin, artista, storico, storico dell'arte e politico del Liechtenstein. Ben presto definì la collezione di Stato come un'area di arte moderna e contemporanea internazionale», mi spiega Franziska Hilbe, la responsabile della comunicazione.

Il Kunstmuseum Liechtenstein così come si presenta oggi è merito di un gruppo di donatori privati. Insieme al governo del Principato del Liechtenstein e al comune di Vaduz, hanno realizzato il moderno edificio del museo. Nell'agosto del 2000, l'edificio è stato consegnato al Principato del Liechtenstein come dono del millennio ed è stata creata una fondazione per gestire il museo. L’inaugurazione ufficiale si è svolta il 12 novembre 2000. Dal 2021 Letizia Ragalia ne ha assunto la direzione, succedendo al Dott. Friedemann Malsch.

Con il Kunstmuseum Liechtenstein, il team di architetti Meinrad Morger e Heinrich Degelo con Christian Kerez ha creato un'architettura di grande complessità e discreta semplicità. La struttura chiusa è una scatola nera realizzata in cemento di colore nero e pietra basaltica nera. I ciottoli di fiume racchiusi conferiscono all'involucro esterno dell'edificio una sottile colorazione e allo stesso tempo stabiliscono un riferimento al paesaggio della Valle del Reno. L'ambiente circostante si riflette anche nella superficie della facciata, tagliata a mano e quindi accattivante. Lunghe strisce di finestre sono subordinate alla compattezza dell'edificio e aprono il cubo nero sia dall'interno che dall'esterno. All'interno, ampie sale espositive si aprono su due piani, mentre il piano superiore è illuminato dalla luce del giorno grazie a un soffitto di vetro.

Nel 2015, il Kunstmuseum è stato ampliato per includere l'edificio espositivo della Hilti Art Foundation. L'importante collezione privata del Liechtenstein comprende opere eccezionali di arte classica, moderna e contemporanea. 130 anni di storia dell'arte aspettano di essere vissuti e scoperti al Kunstmuseum Liechtenstein.

La collezione del museo d’arte, che è anche l’archivio d'arte statale del Principato, si caratterizza soprattutto per le opere d'arte tridimensionali: sculture, installazioni e oggetti. L'arte povera e la post-minimal art sono i punti focali. La collezione viene esposta in presentazioni temporanee per accompagnare le grandi mostre temporanee sull'arte internazionale del XX e XXI secolo.

Per la prima volta, il Kunstmuseum e la Hilti Art Foundation presentano una mostra concepita e integrata congiuntamente. Il punto di partenza e il fulcro sono le esclusive fotografie di Candida Höfer, scattate appositamente per questa mostra: una serie creata nel e per il Liechtenstein.

La rinomata artista Candida Höfer, nata del 1944 a Eberswalde, appartenente alla "Scuola Becher" di Düsseldorf, ha già realizzato diverse volte gruppi di quadri site-specific, ad esempio a Bruxelles o a Düsseldorf. Le fotografie scattate in Liechtenstein nell'autunno e nell'inverno del 2021 rientrano in questa tradizione. Höfer ha fotografato i suoi soggetti prevalentemente con una fotocamera digitale di grande formato: vedute interne ed esterne di architetture museali, biblioteche o sale di deposito che servono a scopi culturali sia in senso stretto che in senso lato.

«I lavori fotografici di Höfer sono caratterizzati da un linguaggio visivo sobrio e materico, da uno spiccato interesse per le strutture e gli ordini dello spazio e da una notevole attenzione ai dettagli», pregue Franziska. Per le sue fotografie utilizza la luce dei luoghi e degli spazi; non usa riflettori per l'illuminazione, il che comporta spesso lunghi tempi di esposizione. Le fotografie di Höfer sono l'opposto di un'istantanea. Sono pianificate con cura e realizzati con precisione. Eppure ciò che viene ritratto parla della presenza e dell'impronta delle persone, anche se l'artista cattura le stanze prevalentemente prive di persone.

Il gruppo di motivi sul Liechtenstein riflette il continuo impegno di Höfer nei confronti degli ambienti della vita pubblica culturale e dell'architettura. Allo stesso tempo, le sue opere più recenti testimoniano una crescente astrazione in cui il colore, la superficie e la forma, così come la loro dissoluzione, acquistano importanza.

Come prima mostra in assoluto, Candida Höfer, copre tutte e quattro le sale del Kunstmuseum e le tre sale espositive della Hilti Art Foundation. Opere d'arte selezionate da entrambe le collezioni sono assegnate alle fotografie di Candida Höfer, creando un dialogo artistico molto interessante. Aprendo ampi e suggestivi campi di associazione, il lavoro fotografico di Höfer può essere messo in relazione con opere d'arte di generi diversi, dal modernismo classico a oggi. Le opere selezionate sono, per esempio, di Josef Albers, Joseph Beuys, Umberto Boccioni, Bill Bollinger, Nina Canell, Andreas Christen, Anna Kołodziejska, René Magritte, Kasimir Malevich. «L’esposizione resta aperta fino al 10 aprile 2023. Diverse sono le attività didattiche che il nostro museo propone regolarmente, in particolare vi sono le visite guidate e le particolari serate tematiche rivolte a un pubblico più giovane», conclude la mia guida.

Il mio viaggio alla scoperta del Liechtenstein non termina qui. La prossima volta vi farò scoprire le specialità della cucina del Principato. Seguitemi!

I precedenti articoli di questo reportage sono stati pubblicati il 6 e 23 dicembre 2022 e 5 gennaio di quest’anno.

Testo a cura di Claudio Rossetti

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE