Immobili
Veicoli

SOLETTA Nel silenzio dell’eremo della Santa Verena

13.04.22 - 07:53
A pochi chilometri dalla città di Soletta si trova un luogo magico e carico di energia
Foto CR
SOLETTA
13.04.22 - 07:53
Nel silenzio dell’eremo della Santa Verena
A pochi chilometri dalla città di Soletta si trova un luogo magico e carico di energia

Sempre più persone oggi cercano un luogo di fuga dove trovare pace dall'eterno trambusto, dallo stress dell'ufficio e dalla crescente accelerazione della vita. Invece di essere costantemente disponibili, consegnano la loro vita per un certo tempo al cancello di un monastero e ritrovano se stessi.

L'eremo di Santa Verena - come bene culturale d'importanza nazionale sotto protezione federale dei monumenti - si trova a circa due chilometri a nord-est della città di Soletta nella gola di Verena, che è una riserva naturale cantonale. Il nucleo dell'eremo è l'entrata nord della gola con la Cappella Verena, la Cappella Martin, la capanna dell'eremita e la Grotta Magdalena e la Grotta Oelberg.

Come ogni luogo di forza sulla terra, anche l'eremo di Santa Verena attrae persone che cercano il silenzio. Nella cappella di San Martino, nella Grotta della Maddalena o nella Cappella Verena, si sente quello stato d'animo che si perde sempre più nella vita moderna. Le viste sul posto le permettono di fare riferimento a ciò che è essenziale nella vita.

Un luogo energetico come l'eremo di Santa Verena le restituisce la consapevolezza che ci sono altre alternative oltre a guadagnare e funzionare. Seguendo il sentiero di meditazione vicino all'eremo di Santa Verena, si può ottenere una soluzione personale dal luogo del potere. Forse oggi abbiamo bisogno della consolazione che la religione può fornire molto più di quanto sospettiamo. Non deve iniziare un grande pellegrinaggio sul Cammino di Santiago, ma può anche ritrovare la sua strada vicino all'eremo di Santa Verena.

La reputazione e i miracoli di Verena attirarono anche l'attenzione e il disfavore dei romani. Poiché la santa attirava così tanta gente, fu arrestata dai romani. Tuttavia Verena fu molto fortunata: il governatore romano la liberò dopo averla convocata per curarlo da una febbre. Poi è tornata alla gola. Ma la sua crescente popolarità la tentò a lasciare il suo eremo di nascosto. Verena fuggì dalla fama e dagli ammiratori e vagò a valle lungo l'Aare. Per un po' visse su un'isola nel Reno, dove guarì anche molti malati, ciechi e zoppi. Le sue peregrinazioni terminarono a Bad Zurzach, dove si stabilì. Si è presa cura dei malati e dei poveri fino alla fine della sua vita.

Un eremita vive ancora oggi nell'eremo e la comunità civica di Solothurn paga il suo mantenimento. Secondo la leggenda, fu nella grotta dietro la chiesa che Santa Verena, proveniente dal popolo tebano in Egitto e arrivata a Solothurn via Roma intorno al 300 d.C., compì i suoi miracoli e guarigioni. In realtà dobbiamo ringraziare la Rivoluzione Francese per l'idilliaco sentiero attraverso la gola: dopo essere fuggito dalla Francia, il barone Louis-Auguste de Breteuil raggiunse Solothurn e nel 1791 tracciò il sentiero di circa due chilometri in stile romantico lungo il torrente tra le rocce torreggianti coperte di verde fino all'eremo.

L'escursione, che dura circa 40 minuti, è considerata facile ed è adatta a persone di tutte le età e può essere percorsa in qualsiasi stagione. Tradizionalmente i visitatori spargono candele lungo il percorso, dando al luogo un'atmosfera ancora più potente e calmante - davvero bella da ammirare.

Il mio reportage da Soletta termina qui, ma non finisce l’interesse a questa città e alla sua regione. Tornerò prima o poi!

Altri articoli di questo reportage su Soletta sono stati pubblicati il 28 gennaio, il 5 e il 10 febbraio 2022 e il 2 marzo.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

ULTIME NOTIZIE VIAGGI & TURISMO