Monica Mendini
ULTIME NOTIZIE Target
Target
4 gior
Local SEO: quando la promozione online comincia “da casa propria”
L’attenzione per i commerci vicini non diminuirà con la pandemia. Scopriamo il loro principale alleato sul web
Target
5 gior
Che cos’è il Nudge Marketing e perché le aziende devono usarlo
Scopriamo i segreti delle tattiche derivate da esso che molti professionisti mettono in pratica con successo
Target
2 sett
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 2
Torniamo ad approfondire gli aspetti più importanti della Search Engine Optimization con l’aiuto di Max Del Rosso.
Target
2 sett
3 consigli per ottenere più recensioni online
Se buone o cattive, dipenderà da voi, ma ecco come spingere gli utenti a scrivere di voi e crearvi una reputazione
Target
3 sett
Newsjacking Marketing: che cos'è e come usarlo al meglio
Come aumentare la visibilità online di un’attività commerciale tenendo d’occhio e commentando le notizie del giorno
Target
3 sett
Creator Economy: come monetizzare la nostra presenza online
Da utenti a realizzatori di contenuti il passo è breve. Ed è possibile (facilmente) costruirne un mestiere. Vediamo come
Target
4 sett
La fine di un’era? Cosa aspettarsi dall’eliminazione dei cookies di terze parti
Google ha annunciato che su Chrome, dal 2022, verrà eliminata questa modalità di tracciamento utenti.
Target
1 mese
Ottenere visibilità e contatti con le LinkedIn Ads: 3 consigli utili
I nostri suggerimenti per valorizzare al meglio le inserzioni a pagamento sulla piattaforma più “professionale”
Target
1 mese
Come la comunicazione (interna) influenza la produttività dei collaboratori
Anche il marketing verso i collaboratori è fondamentale: ne abbiamo parlato con l’esperto SUPSI Antonio Amendola
Target
1 mese
Marketing digitale per aziende e professionisti del design: quando la creatività è tutto
Ne abbiamo parlato con Camilla Bellini e Paola Leo, che ci hanno guidato nel loro - letteralmente - bellissimo settore
Target
1 mese
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 1
Scopriamo un aspetto fondamentale delle strategie digitali con i nostri collaboratori Michele Sabatini e Stefano Schirru
Target
1 mese
Lead generation su TikTok? Per le aziende, ora è possibile
Anche il giovanissimo social ha lanciato una funzionalità che permette agli inserzionisti di raccogliere contatti
Target
1 mese
Google Optimize: un aiuto per migliorare l’efficacia di siti web ed e-commerce
Lo strumento che ci aiuta a capire come migliorare l’esperienza degli utenti e il tasso di conversione
Target
1 mese
LinkedIn Marketplaces: che cos’è, perché dovresti conoscerlo e quando verrà lanciato
Ecco come funzionerà la nuova funzionalità della piattaforma che incentiverà il contatto tra aziende e professionisti
Target
2 mesi
Digitalizzazione, customer experience, sostenibilità: cosa aspettarsi dal futuro (e dal presente)
Abbiamo fatto il punto su ciò che sappiamo (e non sappiamo) con la docente ricercatrice SUPSI Daina Matise Schubiger
Target
2 mesi
3 trend di digital marketing da cui ci aspettavamo di più
Ogni momento è buono per fare un bilancio e capire quali tendenze abbiano sortito meno effetti del previsto
Target
2 mesi
ROI, questo (s)conosciuto: che cos’è e come prevederlo
Tra le metriche di marketing, ci concentriamo sul Ritorno sull’Investimento insieme a Francesco Micali e Daniele Vinci
Target
2 mesi
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 2
Abbiamo fatto qualche domanda ad altri tre esperti: Matteo Cremaschi, Simone Intelisano e Cecilia Brenni
Target
2 mesi
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
2 mesi
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
2 mesi
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
2 mesi
I tre pilastri degli e-commerce nel 2021
Ad anno ormai inoltrato, scopriamo che cosa sta determinando maggiormente gli acquisti online degli utenti
Target
2 mesi
Vita da cani? Non proprio: ecco come e quanto guadagnano i Pet Influencers
Stimolando le interazioni positive degli utenti, hanno presto attirato l’attenzione (e i soldi) dei brand più importanti
Target
2 mesi
Fare il copywriter per i social media? Non basta saper scrivere
Alessia Abrami racconta cosa significhi creare contenuti badando a differenze di canale, tone of voice e obiettivi
Target
3 mesi
Comunicare sui social con le immagini: la grafica web secondo gli addetti ai lavori
Deborah Giofrè e Salvatore Di Bella raccontano il backstage delle realizzazioni visive per Facebook e compagnia postante
Target
10.05.2021 - 08:000

Marchi di successo e consumer trends: questione di identità (e non solo)

Con Monica Mendini, Docente-ricercatrice SUPSI, approfondiamo le ragioni della forza dei brand svizzeri più celebri

Che cosa rende “di successo” un brand? Esistono delle formule magiche che le maggiori aziende della Confederazione utilizzano? Non proprio, ma certamente ci sono una serie di best practices a cui possiamo ispirarci. E le strategie si evolvono continuamente, perché i consumatori cambiano spesso le proprie preferenze di acquisto.

Ecco perché abbiamo pensato di rivolgerci a chi ha gli occhi ben puntati sui trend più interessanti del branding: Monica Mendini, Docente-ricercatrice in Marketing presso la SUPSI, ci ha accompagnato in un interessante percorso alla scoperta dei marchi che stanno operando meglio in Svizzera, dei prossimi consumer trends e dell’importanza del fare ricerche di mercato.

 

Quali sono i brand più popolari in Svizzera e perché? Secondo quali fattori si possono classificare i migliori?

Secondo Brand Finance, che ogni anno stila una classifica dei brand più forti e che producono maggiore valore economico, tra i brand svizzeri più di valore figurano Nestlé, UBS, Rolex e Roche.

Nestlé, per esempio, ha recentemente concluso un accordo per la commercializzazione dei prodotti di Starbucks al di fuori dei negozi del gruppo statunitense. Inoltre, l’azienda ha ampliato la sua offerta plant-based (prodotti a base vegetale e non processati industrialmente), capitalizzando il trend in crescita dei movimenti vegani e vegetariani. Nestlé compare inoltre anche nella classifica di Havas dei brand più “meaningful”, ovvero quei marchi che hanno una forte propensione a contribuire al benessere del consumatore e della società.

Un altro brand popolare e forte è sicuramente Rolex, da sempre sinonimo di vero lusso, ottima qualità e affidabilità. Il brand gode infatti di un’ottima reputazione (ad esempio si è classificato sempre ai primissimi posti nel ranking mondiale RepTrak, che guarda ai brand con la reputazione migliore), ed è estremamente conosciuto dai consumatori, i quali tendono a raccomandarne l’acquisto a familiari, amici e colleghi nel tempo.
Senza dubbio, oggigiorno i brand migliori sono quelli che riescono ad avere un posizionamento e valori chiari, e che riescono mettere il cliente al centro del proprio business, cercando di capire quali sono le aspettative e i desideri del cliente stesso, monitorandone eventuali mutamenti nel corso del tempo e adattando la propria offerta di conseguenza.

In quest’ottica di centralità del cliente, risulta quindi importante anche raggiungere il cliente target attraverso diversi canali o punti di contatto, cercando di migliorare sempre di più l’esperienza brand-consumatore e cercando di far vivere al consumatore finale esperienze che siano considerate come eventi memorabili.

 

Quali tra di loro si sono distinti particolarmente in termini comunicativi? Che cos'hanno in comune?

I brand migliori riescono sempre, con la loro comunicazione, a esprimere con chiarezza la propria identità di marca, un determinato posizionamento e i valori caratterizzanti il marchio stesso. Sia che la comunicazione viene fatta attraverso canali offline o online (ad esempio attraverso i social o tramite sponsorizzazioni o eventi), sia che risulti più o meno convenzionale (semplici pubblicità su riviste o installazioni “guerilla” in luoghi affollati), è importante che rispecchi ciò che il brand rappresenta.

Oltre a ciò, rimane cruciale che la comunicazione riesca a coinvolgere i consumatori, spingendoli a provare o comprare un determinato marchio, a parlarne con amici o addirittura a co-creare assieme al marchio qualcosa di valore. I migliori brand sono solitamente quelli che riescono a condividere emozioni tramite la loro comunicazione e che riescono a sorprendere il consumatore con l’ormai molto sdoganato, ma sempre efficace “effetto WOW”.

Rolex, ad esempio, continua a porsi in prima linea nelle menti dei consumatori attraverso sponsorizzazioni in linea con l’identità, la qualità e il prestigio del brand. Infatti, da anni, Rolex sponsorizza sportivi di alto livello quali Roger Federer ed è partner di eventi sportivi o culturali globali guardati da milioni di persone, tra cui il torneo di tennis di Wimbledon, la Formula 1 e le opere liriche del Teatro alla Scala.

Nestlé comunica ai propri consumatori attraverso pubblicità create con l’aiuto di influencer quali George Clooney e proponendo attività sensoriali e divertenti di vario tipo per far vivere ai consumatori esperienze indimenticabili. Ad esempio, in passato Nescafè ha distribuito mille tazze rosse legandole con un lucchetto a quattro cifre. Una volta trovata la tazza, i passanti potevano connettersi alla pagina Facebook di Nescafè e ricevere il codice che apriva il lucchetto. A questo punto, recandosi allo stand del noto brand di caffè, potevano scambiare il lucchetto con un caffè caldo, ricevendo in regalo un’altra tazza per condividere la bevanda con amici o partner. Questo ha creato un forte senso di eccitazione, con consumatori divertiti e volenterosi di condividere l’esperienza sui propri canali social, alimentando un passaparola positivo.

 

Come si distingue un consumer trend e quali di questi osserveremo, secondo te, in questo 2021?

I comportamenti, le aspettative e le esigenze dei consumatori cambiano continuamente. Le aziende devono quindi sempre essere pronte rapidamente ad affrontare cambiamenti e ad adattare i loro brand, la loro comunicazione e, più in generale, la loro strategia aziendale di conseguenza. Un consumer trend è una tendenza osservata nel mercato in riferimento al comportamento dei consumatori e che si può manifestare in diverse forme, ad esempio nuovi prodotti e servizi acquistati, diverse modalità di utilizzo dei canali, frequenza delle interazioni con un marchio.

Ogni anno, ad esempio, Euromonitor International, una delle principali società di ricerche di mercato del mondo, identifica le tendenze emergenti e in rapida evoluzione nei consumi a livello globale. Queste tendenze forniscono informazioni sul cambiamento dei valori dei consumatori, esplorando come il comportamento dei consumatori sta evolvendo e verso cosa si sta orientando. Cosa osserveremo quindi in questo 2021?

Per prima cosa, i consumatori, soprattutto i più giovani, saranno ancora più coinvolti da tematiche di sostenibilità rispetto al passato, aspettandosi che le aziende agiscano in maniera sostenibile verso il pianeta ed empatica verso le comunità locali. Durante quest’annata e in seguito alla pandemia, ci sarà ampio spazio per prodotti e servizi che garantiscono alti standard igienico-sanitari, come prodotti igienizzanti e pagamenti contactless. Oltre a ciò, il consumatore userà sempre di più strumenti digitali di ogni tipo sia in casa che nei negozi, per cercare di instaurare una relazione più immersiva con i vari brand e per provare procedure di acquisto variegate.

In aggiunta, il consumatore sarà sempre più alla ricerca di una maggiore connessione con la natura e con gli spazi aperti, per trascorrere il tempo libero e socializzare in sicurezza. Avremo infine un consumatore che sempre più cercherà di costruirsi un nuovo equilibrio tra lavoro (magari smart working) e vita privata, mondi sempre più complementari e sempre meno definiti, in una continua ridefinizione degli ambienti di lavoro e di vita.

 

Che vantaggi può avere una ricerca di mercato periodica per un brand?

Le ricerche di mercato periodiche, siano esse interviste, focus group, esperimenti, questionari o altro, ricoprono un ruolo fondamentale per i brand. Le aziende possono infatti stabilire i propri punti di forza e di debolezza, oppure le opportunità e le minacce presenti nel mercato di riferimento, capendo come migliorarsi nel tempo, come adattare l’offerta alle nuove aspettative ed esigenze dei consumatori, nonché come ridefinire i propri obiettivi di marketing, di comunicazione e di business in generale.

Ad esempio, le ricerche di mercato a cadenza regolare consentono di scoprire i trend futuri in fase nascente e dunque di adeguarsi in tempo a essi, consentono di stilare un identikit dei clienti target, capendo le loro preferenze, i canali corretti da utilizzare per comunicare loro in maniera efficace. Consentono di analizzare la concorrenza e di differenziarsi dalla stessa puntando ad esempio su elementi distintivi. Fanno sì che si riesca a capire la notorietà di un marchio, i valori caratterizzanti lo stesso e le percezioni dei consumatori. Oltre a ciò, sono indispensabili per prevenire e/o gestire crisi di reputazione. E molto altro ancora.

Sono quindi una fonte di informazione inestimabile per chi, all’interno di un’azienda, deve prendere decisioni di marketing e strategia, quali ad esempio decisioni legate all’indirizzo futuro da dare al proprio marchio.

 

__________

Il mondo del marketing digitale cambia costantemente e lo fa a gran velocità, di pari passo con le numerose novità che emergono ogni giorno, e con i nuovi strumenti a disposizione di chi si occupa di questo lavoro strategico. Le informazioni sono talmente tante da essere diventate da tempo materia di studio da parte degli esperti, argomento di elaborazione da parte di software e di intelligenze artificiali, nonché oggetto di corsi di formazione professionale avanzata.

Per questo, molte aziende e molti imprenditori scelgono di affidarsi agli addetti ai lavori per fare marketing, sia offline che online. È proprio ciò di cui ci occupiamo noi: se sei curioso/a di scoprire come possiamo aiutarti a ottenere più visibilità, contattaci per una consulenza gratuita.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 15:37:28 | 91.208.130.87