Freepik / Roberto Bernasconi
ULTIME NOTIZIE Target
Target
1 gior
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
2 gior
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
5 gior
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
1 sett
I tre pilastri degli e-commerce nel 2021
Ad anno ormai inoltrato, scopriamo che cosa sta determinando maggiormente gli acquisti online degli utenti
Target
1 sett
Vita da cani? Non proprio: ecco come e quanto guadagnano i Pet Influencers
Stimolando le interazioni positive degli utenti, hanno presto attirato l’attenzione (e i soldi) dei brand più importanti
Target
2 sett
Fare il copywriter per i social media? Non basta saper scrivere
Alessia Abrami racconta cosa significhi creare contenuti badando a differenze di canale, tone of voice e obiettivi
Target
2 sett
Comunicare sui social con le immagini: la grafica web secondo gli addetti ai lavori
Deborah Giofrè e Salvatore Di Bella raccontano il backstage delle realizzazioni visive per Facebook e compagnia postante
Target
3 sett
Social Listening: come ascoltare bene per comunicare meglio
Ciò che interessa ai clienti è fondamentale per il successo di un business: ecco come ottenere le informazioni giuste
Target
3 sett
Quanto inquiniamo quando siamo online? C’è da restarne sconvolti. 3 consigli per evitarlo
Il modo in cui usiamo internet ha un impatto negativo sull'ambiente: ecco cosa possiamo fare perché non succeda
Target
3 sett
Ads su Facebook, Instagram e LinkedIn: consigli utili ed errori più comuni
Come possiamo assicurarci che le inserzioni funzionino? Ce lo spiega il nostro Social Ads Specialist, Marco Evangelisti
Target
1 mese
Il rapporto tra Digital Marketing e Sport, secondo l’esperto FIFA
Quanto un ambito sosterrà l’altro e viceversa? Che cosa ci aspetta in futuro? Ne abbiamo parlato con Dario Salvelli
Target
1 mese
Come si fa Instant Marketing e che risultati si ottengono: la parola a Migros Ticino e Unieuro
Perché legare un brand all’attualità? Lo spiegano Piergiorgio Adragna e i responsabili social del gigante arancione
TARGET
1 mese
Marketing e Intelligenza Artificiale: quali opportunità per le attività locali?
Tecnologia e comunicazione crescono a braccetto: ecco come l’AI contribuisce a promuovere prodotti, servizi e vendite
Target
1 mese
Per una comunicazione (online e offline) senza discriminazioni di genere
Elena Ciprietti, Alessia Rotondo e Laura Losito ci spiegano come raccontare un mondo che sta cambiando
Target
1 mese
I contenuti commerciali sui social sono troppi: il solo modo per farsi notare è creare valore
Catturare l’utente in 3 secondi di attenzione si può, se siamo utili, belli e impegnati. Scopriamo il Social Media Value
Target
1 mese
Twitch Marketing: il futuro della tua attività è in streaming?
Tutte le risorse e i segreti che la piattaforma ha da offrire, anche per chi fa business (non solo con i videogiochi)
Target
1 mese
Rendere i clienti protagonisti della propria storia: cos’è, come e quanto funziona lo Storydoing
Dal successo dello Storytelling e dalle generazioni più giovani emerge un nuovo, efficace trend del marketing
Target
1 mese
Telegram Marketing: come usare i canali per promuovere la tua attività locale
Non solo app di messaggistica: l’aeroplanino ha un incredibile potenziale comunicativo per ogni business
TARGET
1 mese
Come scegliere i giusti fornitori e negoziare il miglior prezzo: la parola all’esperto
Appalti e digitale anche per piccole ditte, ma non solo. Per Slav Vasilevski, gestire le spese è la chiave del successo
TARGET
1 mese
Questo NON è l’ennesimo articolo sullo Smart Working
A parlarcene, stavolta, sono i fondatori dell’unica accademia che insegna a organizzare al meglio il lavoro da remoto
Target
1 mese
Gamification: come, dove e quando marketing e gioco si incontrano
Dalla pubblicità alla didattica, tutto può trarre forza dai meccanismi ludici: ce ne parla l’esperto Mauro Longo
Target
2 mesi
Lifecycle Engagement: la chiave del successo dell’E-mail Marketing
L’analisi degli utenti e dei risultati è fondamentale per fare newsletter efficaci. Ecco il metodo per riuscirci
Target
2 mesi
Annunci pubblicitari su Gmail: come funzionano e quanto sono efficaci?
Caratteristiche e segreti delle Gmail Ads, ennesima intrigante variante del search advertising targato Google
TARGET
2 mesi
Aiutare le attività locali e il territorio con Sustainability Marketing e Brand Activism
Efficacia della promozione a impatto sociale, spunti pratici per attuarla: a tu per tu con la Prof.ssa Lucia Gatti
TARGET
2 mesi
3 consigli per gestire al meglio le video-call di lavoro
Una checklist per chi si sente insicuro nell’organizzazione delle videochiamate e nell’uso degli strumenti per farle
TARGET
2 mesi
Che cos’è la User Experience e perché determina il successo o l’insuccesso di un progetto web
Quante volte ci è capitato di abbandonare un acquisto online o di disinstallare un’app? Luca Longo spiega come evitarlo
TARGET
2 mesi
Che cos’è l’Account Based Marketing e come aumenta il fatturato delle aziende B2B
Ribaltamento del funnel e molto altro: ecco i meccanismi di una strategia vincente per chi vende ad altre attività
TARGET
2 mesi
LinkedIn Stories: Cosa sono? A cosa servono? Sono davvero utili?
Dalla loro introduzione, suscitano pareri discordanti: vediamo insieme quali sono le loro potenzialità e i loro limiti
TARGET
14.01.2021 - 08:000

Come promuovere la nostra attività all’Estero: i consigli dell’esperto

Parla Roberto Bernasconi, già responsabile Sviluppo e Marketing Internazionale di importanti banche e aziende svizzere

Visto che viaggiare per diletto, per adesso, è diventato difficile, viaggiamo nelle esperienze professionali di chi si occupa di marketing internazionale.
Non è raro che il lancio di prodotti di aziende di ogni dimensione riguardi mercati che si trovano oltre ai confini della loro patria. Quando questo succede, sapere come muoversi all’Estero è fondamentale: una strategia scorretta, o peggio ancora inesistente, potrebbe portare business pieni di sogni e speranze a sprecare tempo e denaro con un piano d’azione senza le giuste basi di conoscenza.

Avventurarsi all’Estero in cerca di un nuovo mercato non è impresa da poco, ma non è nemmeno impossibile: fondamentale è sicuramente conoscere il luogo di approdo, il suo territorio e i suoi abitanti sotto ogni aspetto. Dalla demografia alle abitudini culturali, qualsiasi informazione può diventare chiave di lettura fondamentale di una strategia di lancio e promozione efficace.

Lo sa bene - e altrettanto bene ce lo spiega - Roberto Bernasconi, da diversi anni impegnato come responsabile marketing e business development nelle Americas e in altri mercati stranieri, per conto di importanti istituti bancari e imprese elvetici.

Per darci un’idea di come sia meglio muoversi in un ambiente nuovo, oggi ci racconta in cosa consista il suo lavoro, come lo svolga e quali consigli le imprese locali debbano ascoltare, prima di imbarcarsi in un’avventura all’Estero.

 

Perché "fare marketing internazionale" non significa semplicemente tradurre?

Fare marketing all’Estero significa analizzare minuziosamente tutti gli elementi di un mercato differente dalla propria realtà. Per avere successo, bisogna conoscere la cultura e la mentalità delle persone. I valori e la suscettibilità della società e degli individui variano molto nelle varie regioni geografiche. Per questo motivo, diventa essenziale la segmentazione della definizione “Estero”. La mappatura di aree di mercato per zone geografiche, territori nazionali o regioni diventa cruciale per il successo. Questo non solo serve per poter lavorare in modo mirato ed efficace, evitando sprechi di risorse, ma anche per agire rispettando le norme legislative ed i regolamenti vigenti. Anche se viviamo in un mondo globalizzato, non esiste un modo uniforme per giungere al successo.

 

Quando devi elaborare una strategia di marketing per una nuova area, da cosa cominci?

Innanzitutto, è essenziale capire se la proposta di prodotto o servizio può essere interessante e competitiva in quest’area. Per questo, serve uno studio del mercato, la conoscenza dell’attuale offerta, identificare eventuali concorrenti ed individuare potenziali clienti.

 

Come ti muovi in seguito?

Se si arriva alla conclusione che il prodotto o servizio può essere valido per la regione scelta come destinazione, si inizia a definire il lancio dell’offerta. In questa fase, la definizione dell’attività commerciale in base alle normative legali e ai protocolli locali è cruciale. Bisogna porsi domande elementari sulla modalità in cui inserirsi nell’area di mercato.

La prima considerazione diventa se si possa servire la zona dalla struttura già esistente, se si voglia invece essere presenti con una propria struttura in loco, o ancora se si voglia collaborare con un’entità già presente nella zona geografica. Fattori decisionali in questa fase possono essere, a parte i costi, le possibili forme fiscali da adottare, la necessità di licenze particolari per l’attività, l’impatto della tassazione e le implicazioni regolamentari.

In seguito, si calcolano i prezzi dell’offerta e si definisce il posizionamento della marca in confronto ad eventuali concorrenti. A questo punto, vorrei ricordare l’immagine e la reputazione della Svizzera all'Estero. Le aziende Svizzere sono considerate premium ed i potenziali acquirenti sono disposti a pagare un certo surplus per la “Swissness”. Nell’immagine collettiva, le marche svizzere promettono in generale una qualità superiore ed in parecchi casi appaiono come status symbol.

L’importanza della definizione della rete di vendita e distribuzione rientra proprio in questo aspetto: bisogna formare il personale in modo strategico, con collaboratori competenti che rispecchino la promessa della marca, e siano pronti ad affrontare le pretese del mercato.

Per ultimo, si definisce la comunicazione, che dev’essere declinata in ogni aspetto alla realtà locale. La comunicazione è uno strumento estremamente delicato e non dev’essere sottovalutato in nessun momento. Serve come primo contatto con i nostri possibili clienti, fa conoscere la marca e rappresenta la promessa del nostro prodotto. Fa in modo che il potenziale cliente si possa identificare con la qualità del prodotto/servizio e ne possa in seguito considerare l’acquisto.

Trovare il giusto equilibrio tra attrarre l’attenzione, posizionare la marca, far passare il messaggio e rappresentare i valori dell’offerta nella comunicazione, è l’arte di creare un’identità. Se si trova questo equilibrio, si crea la voglia di avvicinarsi al brand.

 

Quali strumenti consiglieresti per gestire al meglio una campagna internazionale?

Non ci sono degli strumenti in particolare che consiglierei. Essenzialmente si tratta di procurarsi la maggior quantità di informazione e contestualizzarla con riguardo alla propria attività.
Viaggiare, passare tempo e parlare con la gente della regione d’interesse serve sicuramente a capire la cultura, mentalità ed esigenze.

Consiglierei inoltre l’appoggio da parte di un’agenzia locale di relazioni pubbliche e comunicazione. Questa può aiutare a raggiungere più efficacemente e nel breve termine le autorità, i media e i potenziali clienti. In più, un’entità esterna aiuta ad individuare ed evitare problematiche causate da diversità culturali ed incomprensioni linguistiche, perché conosce tutte le dinamiche della regione.

 

Con quali condizioni e prerequisiti una piccola attività può scegliere di affacciarsi su un mercato estero?

La condizione principale è avere un prodotto o un servizio che si distingue e può essere competitivo sotto ogni aspetto, nel mercato estero che si sceglie per l’espansione. Una ricerca di mercato preliminare può costare tempo e denaro, ma evitare problemi e costi ben più rilevanti.
Inoltre, ci vuole un’apertura mentale che permetta di comprendere le diversità culturali e sociali: non sempre, quello che funziona in Svizzera o in Italia, deve per forza funzionare all’Estero.

Comunque, credo che le aziende svizzere, ed in particolare quelle Ticinesi, abbiano un vantaggio enorme sotto quest’aspetto. Il fenomeno della diversità, con più lingue e culture, è molto presente e ben compreso nel nostro mercato nazionale. Se si riescono ad utilizzare queste varianti a proprio favore, declinando l’offerta e la comunicazione nella realtà locale, e mantenendo i valori fondamentali dell’azienda, il successo sarà garantito.

 

Qual è il mercato estero in cui preferisci lavorare e perché?

Non vorrei pronunciare delle preferenze per uno stato in particolare, ma piuttosto esprimere la mia gratitudine per le esperienze vissute in generale. Ho acquisito esperienze svolgendo la mia professione in diversi mercati internazionali: in totale, ho gestito progetti in sei paesi europei e tredici nazioni del continente americano. Ogni nazione ha proprie caratteristiche, risorse, bellezze, incertezze e difficoltà. Ho sempre trovato persone entusiaste, dedicate, professionali e competenti, con voglia di collaborare, crescere professionalmente ed impegnarsi per raggiungere l’eccellenza.

La mia esperienza lavorativa nelle Americas sicuramente è stata la più affascinante. La varietà di progetti e la diversità della realtà socioculturale sono molto stimolanti. Inoltre, combattere contro una concorrenza tenace ed intensa, specialmente da parte di aziende basate negli Stati Uniti, richiede una grande flessibilità, un approccio proattivo e spinge a trovare soluzioni innovative.

Tengo a puntualizzare che negli ultimi due anni ho vissuto a Città del Messico. Mi sono occupato di Marketing e ho contribuito alla crescita di attività su territorio nazionale e gestito progetti su tutto il continente americano, precisamente dal Canada fino al Cile. Posso affermare che quest’ultima è stata un’esperienza dal punto di vista lavorativo molto ambiziosa e personalmente molto emozionale, di cui manterrò un indelebile ricordo.

 

Dietro le risposte di Roberto ci sono esperienza, competenza e soprattutto passione. Anche a noi, nel corso delle nostre attività, è capitato di rivolgerci a mercati internazionali, e abbiamo sempre lavorato per farlo nel migliore dei modi, con una mente aperta e una buona ricerca di mercato alle spalle.

Realizzare strategie e business plan efficaci può portare anche le più piccole imprese a grandi risultati, siano essi legati al fatturato generato o all’autorità del proprio brand in destinazioni diverse da quelle di provenienza. Se anche tu sei un/a professionista o fai impresa pensando in grande, contattaci per una consulenza gratuita: potremo aiutarti a concretizzare la tua visione, studiando per te una strategia di comunicazione che ti porti al successo, anche oltre i confini del tuo territorio.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-10 14:02:32 | 91.208.130.87