Freepik / Roberto Bernasconi
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
1 sett
Facebook come strumento di vendita: funzioni e opportunità attuali, possibilità future
Tutto il percorso d’acquisto potrà svolgersi sul social, e in modo immersivo. Scopriamo di più con Nicola Fidenzio
TARGET
1 sett
Tutti i segreti di YouTube e YouTube Ads per promuovere la propria attività
Ce li ha rivelati Marco Sepertino, da anni tra i massimi esperti di questi ambiti del digital marketing
TARGET
1 sett
Come si evolveranno i social media nel 2021? La parola agli esperti
Utenti e addetti ai lavori guardano al futuro delle piattaforme online, in una quotidianità ancora in cambiamento
TARGET
2 sett
A lezione di marketing dai pirati: che cos’è il funnel “A.A.R.R.R.”
Apprezzatissimo nel mondo del growth hacking, in cinque step può garantire il successo della nostra strategia online
TARGET
2 sett
Amazon entra in concorrenza con le farmacie: cosa aspettarsi in Svizzera e in Italia?
Dagli USA all’Europa, il passo per Amazon Pharmacy potrebbe essere breve: come possono reagire gli addetti ai lavori?
TARGET
2 sett
Mettere i clienti al centro è il segreto del successo, ma come si fa?
Aba Ferraresi, esperta di Customer Care e Assistenza Post-Vendita, ci ha raccontato come si realizza questa attività
TARGET
3 sett
Digital detox durante le feste: 3 consigli per “disintossicarsi” dalla tecnologia
Sempre connessi, sempre reattivi: come approfittare della pausa natalizia per ribilanciare il rapporto coi nostri device
TARGET
4 sett
L’amore ai tempi del Covid-19: come sono cambiate le app di incontri?
Il desiderio di interagire a fini “sentimentali” è più forte del social distancing: le piattaforme di dating ringraziano
TARGET
1 mese
SMS Marketing: ha ancora senso inviare “messaggini” pubblicitari?
Certo che sì, con la giusta strategia alle spalle. Ecco come possono aumentare le vendite di professionisti e aziende
TARGET
1 mese
Cosa sono le nuove Instagram Guides, e come e perché dovremmo usarle per promuoverci
Dopo una fase di test, l’ennesima novità social è disponibile per tutti gli utenti della popolarissima app
TARGET
1 mese
Come creare Facebook e Instagram Ads last minute per vendere a Natale
È tardi per cominciare a pensarci, ma non ancora tutto è perduto: 3 consigli per fare annunci efficaci in pochi giorni
TARGET
1 mese
YouTube Director Mix: personalizzare le inserzioni video ora è alla portata di tutti
Video pubblicitari adattati ad ogni utente in pochi clic: che cos’è e come funziona il rivoluzionario tool di Google
TARGET
1 mese
Esistono un orario e un giorno perfetto per pubblicare sui social?
Mattina, pausa pranzo, pomeriggio o cena? Lunedì, mercoledì o weekend? La risposta non risiede solo negli insights
TARGET
1 mese
Buyer Personas: che cosa sono, come si creano, a cosa servono
Come tratteggiare aspetti personali, lavorativi e psicologici del pubblico, migliorando l’efficacia della pubblicità
TARGET
1 mese
Al via le newsletter su LinkedIn: come crearle, quali sono i loro vantaggi
Contenuti esclusivi e fidelizzazione: com’è nata e andrà usata la nuova funzionalità del social network professionale
TARGET
2 mesi
A cosa serve un ufficio stampa, che cosa fa e perché dovresti averne uno
Vantaggi noti e meno noti di affidarsi a chi gestisce i rapporti con giornali, portali, radio, tv e influencers
TARGET
2 mesi
I 3 pilastri di una newsletter efficace
Dal tema, all’oggetto, ai contenuti: ecco cosa non puoi non sapere perché le tue e-mail vengano lette e “funzionino”
TARGET
2 mesi
Quando sarà possibile acquistare direttamente qualcosa su Facebook e Instagram?
In Svizzera (e non solo), Shops, la funzione creata per sostenere le vendite online, ha ancora un’importante lacuna
TARGET
2 mesi
Come scrivere inserzioni infallibili su Facebook
Le ads (o sponsorizzazioni) possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, ma solo se pensate e realizzate al meglio
TARGET
2 mesi
Ottenere offerte di lavoro, clienti e visibilità con LinkedIn (e un pizzico di SEO)
Alcuni consigli per lasciare il segno - e avere risultati concreti - utilizzando il social professionale per eccellenza
TARGET
2 mesi
Come scrivere un articolo efficace (e ben posizionato su Google) in 3 step
Rendi il tuo blog a prova di utente (e di motore di ricerca) e trasformalo in una fucina di contatti per il business
TARGET
2 mesi
Avere successo nel 2020? Non è una missione impossibile
Non solo crisi: guardando alla primavera, possiamo ispirarci a settori e strategie vincenti per affrontare il presente
TARGET
2 mesi
Hai aperto un e-commerce e vendi poco? Puoi portarlo al successo in 3 step
Ecco come ottenere più visibilità e soprattutto acquisti, per affrontare autunno e inverno con maggiore serenità
TARGET
2 mesi
Come non far bloccare la nostra attività da un (eventuale) nuovo lockdown
Ecco come molti dei business a rischio possono affrontare le conseguenze di un aumento dei contagi
TARGET
2 mesi
3 step per vendere online oggetti di design e arredamento
Creare un brand e farlo conoscere, raggiungere e assistere i clienti, renderli ambasciatori: ecco da dove cominciare
TARGET
2 mesi
Nel social delle immagini, i testi fanno la differenza: come fare SEO su Instagram
Alcuni consigli per far risaltare i nostri contenuti foto e video, senza sponsorizzazioni, ma grazie alle... parole
TARGET
3 mesi
Architetti e studi di progettazione: come emergere grazie al web marketing?
Ecco 3 idee pronte all’uso per iniziare a costruire la propria reputazione e il proprio business anche online
TARGET
14.01.2021 - 08:000

Come promuovere la nostra attività all’Estero: i consigli dell’esperto

Parla Roberto Bernasconi, già responsabile Sviluppo e Marketing Internazionale di importanti banche e aziende svizzere

Visto che viaggiare per diletto, per adesso, è diventato difficile, viaggiamo nelle esperienze professionali di chi si occupa di marketing internazionale.
Non è raro che il lancio di prodotti di aziende di ogni dimensione riguardi mercati che si trovano oltre ai confini della loro patria. Quando questo succede, sapere come muoversi all’Estero è fondamentale: una strategia scorretta, o peggio ancora inesistente, potrebbe portare business pieni di sogni e speranze a sprecare tempo e denaro con un piano d’azione senza le giuste basi di conoscenza.

Avventurarsi all’Estero in cerca di un nuovo mercato non è impresa da poco, ma non è nemmeno impossibile: fondamentale è sicuramente conoscere il luogo di approdo, il suo territorio e i suoi abitanti sotto ogni aspetto. Dalla demografia alle abitudini culturali, qualsiasi informazione può diventare chiave di lettura fondamentale di una strategia di lancio e promozione efficace.

Lo sa bene - e altrettanto bene ce lo spiega - Roberto Bernasconi, da diversi anni impegnato come responsabile marketing e business development nelle Americas e in altri mercati stranieri, per conto di importanti istituti bancari e imprese elvetici.

Per darci un’idea di come sia meglio muoversi in un ambiente nuovo, oggi ci racconta in cosa consista il suo lavoro, come lo svolga e quali consigli le imprese locali debbano ascoltare, prima di imbarcarsi in un’avventura all’Estero.

 

Perché "fare marketing internazionale" non significa semplicemente tradurre?

Fare marketing all’Estero significa analizzare minuziosamente tutti gli elementi di un mercato differente dalla propria realtà. Per avere successo, bisogna conoscere la cultura e la mentalità delle persone. I valori e la suscettibilità della società e degli individui variano molto nelle varie regioni geografiche. Per questo motivo, diventa essenziale la segmentazione della definizione “Estero”. La mappatura di aree di mercato per zone geografiche, territori nazionali o regioni diventa cruciale per il successo. Questo non solo serve per poter lavorare in modo mirato ed efficace, evitando sprechi di risorse, ma anche per agire rispettando le norme legislative ed i regolamenti vigenti. Anche se viviamo in un mondo globalizzato, non esiste un modo uniforme per giungere al successo.

 

Quando devi elaborare una strategia di marketing per una nuova area, da cosa cominci?

Innanzitutto, è essenziale capire se la proposta di prodotto o servizio può essere interessante e competitiva in quest’area. Per questo, serve uno studio del mercato, la conoscenza dell’attuale offerta, identificare eventuali concorrenti ed individuare potenziali clienti.

 

Come ti muovi in seguito?

Se si arriva alla conclusione che il prodotto o servizio può essere valido per la regione scelta come destinazione, si inizia a definire il lancio dell’offerta. In questa fase, la definizione dell’attività commerciale in base alle normative legali e ai protocolli locali è cruciale. Bisogna porsi domande elementari sulla modalità in cui inserirsi nell’area di mercato.

La prima considerazione diventa se si possa servire la zona dalla struttura già esistente, se si voglia invece essere presenti con una propria struttura in loco, o ancora se si voglia collaborare con un’entità già presente nella zona geografica. Fattori decisionali in questa fase possono essere, a parte i costi, le possibili forme fiscali da adottare, la necessità di licenze particolari per l’attività, l’impatto della tassazione e le implicazioni regolamentari.

In seguito, si calcolano i prezzi dell’offerta e si definisce il posizionamento della marca in confronto ad eventuali concorrenti. A questo punto, vorrei ricordare l’immagine e la reputazione della Svizzera all'Estero. Le aziende Svizzere sono considerate premium ed i potenziali acquirenti sono disposti a pagare un certo surplus per la “Swissness”. Nell’immagine collettiva, le marche svizzere promettono in generale una qualità superiore ed in parecchi casi appaiono come status symbol.

L’importanza della definizione della rete di vendita e distribuzione rientra proprio in questo aspetto: bisogna formare il personale in modo strategico, con collaboratori competenti che rispecchino la promessa della marca, e siano pronti ad affrontare le pretese del mercato.

Per ultimo, si definisce la comunicazione, che dev’essere declinata in ogni aspetto alla realtà locale. La comunicazione è uno strumento estremamente delicato e non dev’essere sottovalutato in nessun momento. Serve come primo contatto con i nostri possibili clienti, fa conoscere la marca e rappresenta la promessa del nostro prodotto. Fa in modo che il potenziale cliente si possa identificare con la qualità del prodotto/servizio e ne possa in seguito considerare l’acquisto.

Trovare il giusto equilibrio tra attrarre l’attenzione, posizionare la marca, far passare il messaggio e rappresentare i valori dell’offerta nella comunicazione, è l’arte di creare un’identità. Se si trova questo equilibrio, si crea la voglia di avvicinarsi al brand.

 

Quali strumenti consiglieresti per gestire al meglio una campagna internazionale?

Non ci sono degli strumenti in particolare che consiglierei. Essenzialmente si tratta di procurarsi la maggior quantità di informazione e contestualizzarla con riguardo alla propria attività.
Viaggiare, passare tempo e parlare con la gente della regione d’interesse serve sicuramente a capire la cultura, mentalità ed esigenze.

Consiglierei inoltre l’appoggio da parte di un’agenzia locale di relazioni pubbliche e comunicazione. Questa può aiutare a raggiungere più efficacemente e nel breve termine le autorità, i media e i potenziali clienti. In più, un’entità esterna aiuta ad individuare ed evitare problematiche causate da diversità culturali ed incomprensioni linguistiche, perché conosce tutte le dinamiche della regione.

 

Con quali condizioni e prerequisiti una piccola attività può scegliere di affacciarsi su un mercato estero?

La condizione principale è avere un prodotto o un servizio che si distingue e può essere competitivo sotto ogni aspetto, nel mercato estero che si sceglie per l’espansione. Una ricerca di mercato preliminare può costare tempo e denaro, ma evitare problemi e costi ben più rilevanti.
Inoltre, ci vuole un’apertura mentale che permetta di comprendere le diversità culturali e sociali: non sempre, quello che funziona in Svizzera o in Italia, deve per forza funzionare all’Estero.

Comunque, credo che le aziende svizzere, ed in particolare quelle Ticinesi, abbiano un vantaggio enorme sotto quest’aspetto. Il fenomeno della diversità, con più lingue e culture, è molto presente e ben compreso nel nostro mercato nazionale. Se si riescono ad utilizzare queste varianti a proprio favore, declinando l’offerta e la comunicazione nella realtà locale, e mantenendo i valori fondamentali dell’azienda, il successo sarà garantito.

 

Qual è il mercato estero in cui preferisci lavorare e perché?

Non vorrei pronunciare delle preferenze per uno stato in particolare, ma piuttosto esprimere la mia gratitudine per le esperienze vissute in generale. Ho acquisito esperienze svolgendo la mia professione in diversi mercati internazionali: in totale, ho gestito progetti in sei paesi europei e tredici nazioni del continente americano. Ogni nazione ha proprie caratteristiche, risorse, bellezze, incertezze e difficoltà. Ho sempre trovato persone entusiaste, dedicate, professionali e competenti, con voglia di collaborare, crescere professionalmente ed impegnarsi per raggiungere l’eccellenza.

La mia esperienza lavorativa nelle Americas sicuramente è stata la più affascinante. La varietà di progetti e la diversità della realtà socioculturale sono molto stimolanti. Inoltre, combattere contro una concorrenza tenace ed intensa, specialmente da parte di aziende basate negli Stati Uniti, richiede una grande flessibilità, un approccio proattivo e spinge a trovare soluzioni innovative.

Tengo a puntualizzare che negli ultimi due anni ho vissuto a Città del Messico. Mi sono occupato di Marketing e ho contribuito alla crescita di attività su territorio nazionale e gestito progetti su tutto il continente americano, precisamente dal Canada fino al Cile. Posso affermare che quest’ultima è stata un’esperienza dal punto di vista lavorativo molto ambiziosa e personalmente molto emozionale, di cui manterrò un indelebile ricordo.

 

Dietro le risposte di Roberto ci sono esperienza, competenza e soprattutto passione. Anche a noi, nel corso delle nostre attività, è capitato di rivolgerci a mercati internazionali, e abbiamo sempre lavorato per farlo nel migliore dei modi, con una mente aperta e una buona ricerca di mercato alle spalle.

Realizzare strategie e business plan efficaci può portare anche le più piccole imprese a grandi risultati, siano essi legati al fatturato generato o all’autorità del proprio brand in destinazioni diverse da quelle di provenienza. Se anche tu sei un/a professionista o fai impresa pensando in grande, contattaci per una consulenza gratuita: potremo aiutarti a concretizzare la tua visione, studiando per te una strategia di comunicazione che ti porti al successo, anche oltre i confini del tuo territorio.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-17 14:04:42 | 91.208.130.86