Unsplash / Glenn Carstens Peters
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
4 ore
Marketing e Intelligenza Artificiale: quali opportunità per le attività locali?
Tecnologia e comunicazione crescono a braccetto: ecco come l’AI contribuisce a promuovere prodotti, servizi e vendite
Target
3 gior
Per una comunicazione (online e offline) senza discriminazioni di genere
Elena Ciprietti, Alessia Rotondo e Laura Losito ci spiegano come raccontare un mondo che sta cambiando
Target
1 sett
I contenuti commerciali sui social sono troppi: il solo modo per farsi notare è creare valore
Catturare l’utente in 3 secondi di attenzione si può, se siamo utili, belli e impegnati. Scopriamo il Social Media Value
Target
1 sett
Twitch Marketing: il futuro della tua attività è in streaming?
Tutte le risorse e i segreti che la piattaforma ha da offrire, anche per chi fa business (non solo con i videogiochi)
Target
1 sett
Rendere i clienti protagonisti della propria storia: cos’è, come e quanto funziona lo Storydoing
Dal successo dello Storytelling e dalle generazioni più giovani emerge un nuovo, efficace trend del marketing
Target
2 sett
Telegram Marketing: come usare i canali per promuovere la tua attività locale
Non solo app di messaggistica: l’aeroplanino ha un incredibile potenziale comunicativo per ogni business
TARGET
2 sett
Come scegliere i giusti fornitori e negoziare il miglior prezzo: la parola all’esperto
Appalti e digitale anche per piccole ditte, ma non solo. Per Slav Vasilevski, gestire le spese è la chiave del successo
TARGET
2 sett
Questo NON è l’ennesimo articolo sullo Smart Working
A parlarcene, stavolta, sono i fondatori dell’unica accademia che insegna a organizzare al meglio il lavoro da remoto
Target
3 sett
Gamification: come, dove e quando marketing e gioco si incontrano
Dalla pubblicità alla didattica, tutto può trarre forza dai meccanismi ludici: ce ne parla l’esperto Mauro Longo
Target
1 mese
Lifecycle Engagement: la chiave del successo dell’E-mail Marketing
L’analisi degli utenti e dei risultati è fondamentale per fare newsletter efficaci. Ecco il metodo per riuscirci
Target
1 mese
Annunci pubblicitari su Gmail: come funzionano e quanto sono efficaci?
Caratteristiche e segreti delle Gmail Ads, ennesima intrigante variante del search advertising targato Google
TARGET
1 mese
Aiutare le attività locali e il territorio con Sustainability Marketing e Brand Activism
Efficacia della promozione a impatto sociale, spunti pratici per attuarla: a tu per tu con la Prof.ssa Lucia Gatti
TARGET
1 mese
3 consigli per gestire al meglio le video-call di lavoro
Una checklist per chi si sente insicuro nell’organizzazione delle videochiamate e nell’uso degli strumenti per farle
TARGET
1 mese
Che cos’è la User Experience e perché determina il successo o l’insuccesso di un progetto web
Quante volte ci è capitato di abbandonare un acquisto online o di disinstallare un’app? Luca Longo spiega come evitarlo
TARGET
1 mese
Che cos’è l’Account Based Marketing e come aumenta il fatturato delle aziende B2B
Ribaltamento del funnel e molto altro: ecco i meccanismi di una strategia vincente per chi vende ad altre attività
TARGET
1 mese
LinkedIn Stories: Cosa sono? A cosa servono? Sono davvero utili?
Dalla loro introduzione, suscitano pareri discordanti: vediamo insieme quali sono le loro potenzialità e i loro limiti
TARGET
1 mese
Come promuovere la nostra attività all’Estero: i consigli dell’esperto
Parla Roberto Bernasconi, già responsabile Sviluppo e Marketing Internazionale di importanti banche e aziende svizzere
TARGET
1 mese
Facebook come strumento di vendita: funzioni e opportunità attuali, possibilità future
Tutto il percorso d’acquisto potrà svolgersi sul social, e in modo immersivo. Scopriamo di più con Nicola Fidenzio
TARGET
1 mese
Tutti i segreti di YouTube e YouTube Ads per promuovere la propria attività
Ce li ha rivelati Marco Sepertino, da anni tra i massimi esperti di questi ambiti del digital marketing
TARGET
2 mesi
Come si evolveranno i social media nel 2021? La parola agli esperti
Utenti e addetti ai lavori guardano al futuro delle piattaforme online, in una quotidianità ancora in cambiamento
TARGET
2 mesi
A lezione di marketing dai pirati: che cos’è il funnel “A.A.R.R.R.”
Apprezzatissimo nel mondo del growth hacking, in cinque step può garantire il successo della nostra strategia online
TARGET
04.11.2020 - 15:250

Come scrivere un articolo efficace (e ben posizionato su Google) in 3 step

Rendi il tuo blog a prova di utente (e di motore di ricerca) e trasformalo in una fucina di contatti per il business

In un'epoca in cui il digitale sta “contaminando” tutti i canali di comunicazione e informazione, è essenziale imparare a conoscerlo bene, per usarlo in modo corretto, anche e soprattutto se una parte della nostra strategia promozionale da commercianti, imprenditori o professionisti dipende da esso.

La correttezza, in questo senso, non si limita semplicemente a un uso funzionale ai nostri obiettivi. Ci riferiamo anche, infatti, al rispetto dell’utente e del valore che gli si vuole offrire, tenendo presente - ma in secondo piano - la volontà di vendere un prodotto o un servizio.

Motori di ricerca, social media, piattaforme online di ogni genere, infatti, premiano ormai non solo i contenuti tecnicamente ben fatti, ma soprattutto quelli coerenti con gli interessi degli utenti e che ne suscitano esplicitamente l’interesse (espresso in reactions, condivisioni o tempo di fruizione).

Quelli che, insomma, rispondono alle domande, ai bisogni delle persone mettendo a disposizione una risposta utile ed entertaining. E quale contenuto ci dà migliore occasione di sperimentare le nostre capacità tecniche e comunicative insieme, in tal senso, di un articolo per un blog?

Aggiungere una sezione blog sul proprio sito è un elemento portante di qualunque strategia di web marketing, laddove le risorse ce lo permettano. Questo tipo di contenuti, infatti, rende i brand più accessibili, ne migliora la visibilità sui motori di ricerca, permette loro di dare dimostrazione di disponibilità e professionalità nel proprio campo.

Com’è possibile scriverli al meglio? Oggi lo spieghiamo in tre semplici step.

 

Trova argomenti e organizza i tuoi articoli: temi, scaletta e piano editoriale

Dopo aver pensato ad alcuni argomenti notiziabili, pensa da subito che dovrai strizzare l’occhio alle buone pratiche della Search Engine Optimization. Per fare ciò, potrà farti comodo individuare da subito alcune keywords con il Keyword Planner di Google Ads (o altri tool gratuiti), premurandoti di capire, quindi, come gli utenti ne parlano.

Se utilizzano vari modi diversi per cercare quel preciso tema sul web, prova a capire come trattarne vari aspetti, scrivendo così più articoli, in ognuno dei quali inserire una keyword in varie parti del tuo testo: nella URL, nei meta-elementi, nei titoli e nei paragrafi principali, senza però ripeterli in modo ridondante ed eccessivo.

Organizzare il lavoro, dunque, è importante nell’ambito dei contenuti web, e ci permette di tenere il controllo su ciò che vogliamo dire, a chi e quando vogliamo dirlo.

Sulla base di ciò che possiamo investire, anche e soprattutto in termini di tempo da dedicare alla scrittura, potremo innanzitutto decidere ogni quanto realizzare un articolo di questo tipo, sulla base delle nostre possibilità e dei nostri obiettivi. Con un calendario definito - o piano editoriale - anche chi ci legge sarà più interessato a seguirci, consapevole del fatto che nuovi contenuti saranno messi a sua disposizione con una cadenza regolare. Ciò implica, ovviamente, la necessità, anche nel medio-lungo termine, di mantenere i ritmi definiti con costanza, pena l’interruzione della relazione con il lettore/potenziale cliente.

Inoltre, così come è bene fare anche per le pubblicazioni destinate ai social media, un piano editoriale per i post blog sarà di grande aiuto a ottimizzare lo sforzo che vi si dedica. Se identifichiamo gli argomenti che ci interessano e il momento in cui vogliamo scriverne, sarà più semplice sapere in che modo effettuare le ricerche sull’argomento, quando esse siano necessarie, o quando cominciare a preparare una scaletta dei temi da affrontare.

Anche questo aspetto è parte di una programmazione produttiva: essere consapevoli di ciò che desideriamo approfondire ci permetterà di mantenere la coerenza complessiva del nostro lavoro, di regolare la lunghezza e il format di ogni contenuto e di non perdere di vista eventuali domande a cui rispondere.

 

Attira l’attenzione con titoli e immagini

Chi si occupa di questo tipo di contenuti lo ha già imparato da tempo, e a volte a proprie spese: l’occhio e la mente del lettore tendono a soffermarsi molto, almeno inizialmente, sugli elementi di superficie. Per questo scegliere un titolo accattivante - e non solo SEO-friendly - è di primaria importanza: quelle prime poche righe potrebbero portarci dei clic incuriositi e non relegare il nostro contenuto come ennesimo tra quelli ignorati. Anche nel titolo, quindi, offriamo una parte della risposta a una domanda, esponiamo pochi ma significativi dati, proviamo a interessare il lettore attraverso leve emotive.

Lo stesso discorso varrà per le immagini: a dipendenza del “mood” che cerchiamo per la nostre copertina o le foto interne, valutiamo se sia meglio averne di seriose, colorate, divertenti o specifiche. Anche all’interno di un articolo, infatti, i contenuti visivi giocano una parte importante, integrando il testo, alleggerendo la lettura, contribuendo alla comprensione dei concetti esposti o attirando lettori mediante la funzione ricerca di Google Immagini (attenzione, quindi, a usare le keywords anche negli alt-tag delle foto!)

 

I “dettagli”: ortografia e call to action

Non saltare mai un’attenta rilettura finale del tuo articolo: per quanto gli strumenti che correggono automaticamente i refusi possano essere precisi, nulla sostituirà l’occhio attento di un autore competente. Non dimentichiamo che i contenuti pubblicati online, infatti, devono essere di qualità, non solo in termini di valore aggiunto del significato, ma anche in termini di cura squisitamente grammaticale del significante.

Quando concludi il tuo blog post, inoltre, lascia sempre spazio a una call to action a lato o in coda: se stai scrivendo questi contenuti per promuovere la tua attività, ad esempio, sicuramente avrai un invito da fare ai tuoi lettori, sia esso quello di visitare una determinata pagina del tuo sito, di scrivere una mail al tuo indirizzo, di chiamarti o - speriamo presto, vista la situazione - di venirti a trovare in sicurezza. Approfitta dell’attenzione di chi è arrivato a leggere il tuo articolo fino alla fine per mettere a frutto la loro disponibilità nei tuoi confronti.

 

Scoprirai che tenere conto di tutti questi aspetti, nel tempo, diventerà progressivamente sempre più semplice e spontaneo. Nel frattempo, potrai divertirti a trovare nuovi argomenti e nuove curiosità per i tuoi contenuti, sfogando la tua vena creativa con tanti, brevi articoli di importanza strategica. Visto che te ne abbiamo parlato, anche a noi fa piacere riservarti una degna call to action finale: contattaci per una consulenza gratuita, se vuoi approfondire questi o altri temi nel campo del web marketing, per utilizzare gli strumenti di internet al meglio, e cioè per aumentare il successo del tuo business.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-06 19:18:17 | 91.208.130.85