Unsplash / Adam Jang
ULTIME NOTIZIE Target
Target
2 gior
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 2
Abbiamo fatto qualche domanda ad altri tre esperti: Matteo Cremaschi, Simone Intelisano e Cecilia Brenni
Target
5 gior
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
6 gior
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
1 sett
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
2 sett
I tre pilastri degli e-commerce nel 2021
Ad anno ormai inoltrato, scopriamo che cosa sta determinando maggiormente gli acquisti online degli utenti
Target
2 sett
Vita da cani? Non proprio: ecco come e quanto guadagnano i Pet Influencers
Stimolando le interazioni positive degli utenti, hanno presto attirato l’attenzione (e i soldi) dei brand più importanti
Target
3 sett
Fare il copywriter per i social media? Non basta saper scrivere
Alessia Abrami racconta cosa significhi creare contenuti badando a differenze di canale, tone of voice e obiettivi
Target
3 sett
Comunicare sui social con le immagini: la grafica web secondo gli addetti ai lavori
Deborah Giofrè e Salvatore Di Bella raccontano il backstage delle realizzazioni visive per Facebook e compagnia postante
Target
4 sett
Social Listening: come ascoltare bene per comunicare meglio
Ciò che interessa ai clienti è fondamentale per il successo di un business: ecco come ottenere le informazioni giuste
Target
1 mese
Quanto inquiniamo quando siamo online? C’è da restarne sconvolti. 3 consigli per evitarlo
Il modo in cui usiamo internet ha un impatto negativo sull'ambiente: ecco cosa possiamo fare perché non succeda
Target
1 mese
Ads su Facebook, Instagram e LinkedIn: consigli utili ed errori più comuni
Come possiamo assicurarci che le inserzioni funzionino? Ce lo spiega il nostro Social Ads Specialist, Marco Evangelisti
Target
1 mese
Il rapporto tra Digital Marketing e Sport, secondo l’esperto FIFA
Quanto un ambito sosterrà l’altro e viceversa? Che cosa ci aspetta in futuro? Ne abbiamo parlato con Dario Salvelli
Target
1 mese
Come si fa Instant Marketing e che risultati si ottengono: la parola a Migros Ticino e Unieuro
Perché legare un brand all’attualità? Lo spiegano Piergiorgio Adragna e i responsabili social del gigante arancione
TARGET
1 mese
Marketing e Intelligenza Artificiale: quali opportunità per le attività locali?
Tecnologia e comunicazione crescono a braccetto: ecco come l’AI contribuisce a promuovere prodotti, servizi e vendite
Target
1 mese
Per una comunicazione (online e offline) senza discriminazioni di genere
Elena Ciprietti, Alessia Rotondo e Laura Losito ci spiegano come raccontare un mondo che sta cambiando
Target
1 mese
Twitch Marketing: il futuro della tua attività è in streaming?
Tutte le risorse e i segreti che la piattaforma ha da offrire, anche per chi fa business (non solo con i videogiochi)
Target
1 mese
Rendere i clienti protagonisti della propria storia: cos’è, come e quanto funziona lo Storydoing
Dal successo dello Storytelling e dalle generazioni più giovani emerge un nuovo, efficace trend del marketing
Target
1 mese
Telegram Marketing: come usare i canali per promuovere la tua attività locale
Non solo app di messaggistica: l’aeroplanino ha un incredibile potenziale comunicativo per ogni business
Target
26.02.2021 - 08:000

I contenuti commerciali sui social sono troppi: il solo modo per farsi notare è creare valore

Catturare l’utente in 3 secondi di attenzione si può, se siamo utili, belli e impegnati. Scopriamo il Social Media Value

“A cosa stai pensando?”. Così Facebook ci spronava, anni fa, a scrivere un post, ma mai come oggi i social media non sono più esclusivamente piattaforme in cui gli utenti condividono le loro opinioni. Nel corso degli anni, sono diventati più elaborati, sono cresciuti nei numeri a livello globale e certamente non si sono limitati ad avere come unico scopo il favorire la connessione tra persone vicine e lontane.

Da sempre, infatti, queste piattaforme sono aperte non soltanto agli utenti privati, ma anche ad aziende e attività che vogliono essere reperibili sul web, comunicare usando questi strumenti e cercando strategie efficaci per trasmettere il loro messaggio anche online.

E usare i social media come realtà di business lascia spazio anche all’aspetto etico della comunicazione: come possiamo promuoverci agli occhi dei nostri potenziali clienti, premurandoci che i nostri contenuti siano anche una risorsa per loro?

È in questa logica, sebbene espressa con estrema sintesi, che si inserisce il cosiddetto “Social Media Value”, ovvero il valore che ogni utente può trarre dal tempo che trascorre collegato su queste piattaforme. La sensibilità al tema, già forte e presente prima del 2020, è diventata sicuramente più acuta durante la pandemia mondiale. In una situazione di grande disagio, che ha accomunato - e accomuna tuttora - numerosi Paesi nel mondo, i social media e la dimensione web in generale sono stati una preziosa risorsa per non rinunciare alla sfera sociale e di svago. Aumentando il tempo che vi abbiamo trascorso, abbiamo anche imparato a essere degli utenti più proattivi nel cercare i contenuti che gradiamo, mostrando un deciso interesse nei confronti di chi è in grado di darci “qualcosa in più”: indizio che ogni business dovrebbe tenere ben presente, per comprendere i trend di questo periodo e adattarvisi di conseguenza.

 

Qual è il Social Media Value che gli utenti si aspettano di ricevere?

L’aspettativa di valore da parte degli utenti non è una semplice attesa passiva: tra home di Facebook, feed di Instagram e tutto il resto, le persone si avventurano in modo attivo soprattutto alla ricerca di informazioni.

Un trend sviluppato nel corso della pandemia consiste proprio in questo: le piattaforme social sono diventate un punto di riferimento a cui gli utenti si affidano, così come avviene con i motori di ricerca, per trovare risposte alle loro domande. Questo per quanto riguarda in particolare l’ambito sanitario, soprattutto negli ultimi mesi, ma non solo. Se un brand condivide sulle proprie pagine dei consigli, gli utenti pretendono - giustamente - che essi siano affidabili e approfonditi. Ne va, in caso contrario, dell’autorità del marchio stesso, la cui reputazione potrebbe essere severamente penalizzata dalle logiche conversazionali della rete.

Volendo guardare oltre la mera ricerca di informazioni, nel corso del 2020 è diventato sempre più palese, da parte degli utenti, l’esigenza che i propri brand di riferimento prendessero anche posizione sui grandi temi dell’attualità. Questo tipo di strategia, definita “brand activism” (e di cui abbiamo parlato più in dettaglio sempre su queste pagine), consiste nello stimolare un’immagine positiva dell’azienda facendo sentire la propria voce su argomenti che i nostri potenziali clienti possono avere a cuore: dalla tutela del territorio a quella dell’ambiente, dalla parità di genere all'inclusività sociale. Dedicarsi a queste tematiche contribuisce a consolidare il Social Media Value, aggiungendo valore ai contenuti specifici dell’attività anche sul piano emozionale.

 

Social Media Value e importanza della forma

Ebbene sì, la “sostanza” che condividiamo con i nostri utenti può essere densissima ma, se essa non viene presentata nel modo giusto, rischia di passare inosservata e, di conseguenza, di non apportare alcun valore reale.

L’attenzione che una persona presta a un singolo post sui social, infatti, è inferiore ai 3 secondi: un dato che contribuisce a farci capire quanto sia essenziale essere incisivi nella forma. È ormai risaputo anche che il successo di un contenuto è determinato in gran parte dalla creatività che lo accompagna, da come abbiamo scelto di veicolare il messaggio, da cosa abbiamo scritto e cosa stiamo mostrando.

Insomma, prima di pensare a cosa vogliamo comunicare, facciamo una riflessione strategica anche su come il pubblico vorrebbe vederlo. Concentrando la nostra attività online sul veicolare il Social Media Value, il ritorno positivo sarà bilaterale: l’utente, come detto, sarà ben felice di fruire dei nostri contenuti; l’attività, d’altro canto, consoliderà la propria brand awareness e imparerà a creare materiale utile e condivisibile, che contribuirà indirettamente ad ampliare una vera e propria community foriera di passaparola e conversioni.

 

Non sempre è semplice, per chi non lavora quotidianamente con questi strumenti, riuscire a comprenderne da subito dinamiche e best practices. Per questo, numerose attività di ogni dimensione scelgono di affidarsi ad agenzie specializzate nel web marketing, proprio come la nostra: ci occupiamo ogni giorno di ottimizzare le risorse che i nostri clienti desiderano investire nella comunicazione online, gestendo ogni fase dell’operazione, dalla scelta dei canali, alla creazione dei contenuti, all’attivazione di campagne ads, al monitoraggio di commenti, contatti e vendite. Contattaci per una consulenza gratuita, se vuoi, e ti spiegheremo ancora meglio come e in che misura il nostro aiuto potrà far crescere il tuo business.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-15 06:58:02 | 91.208.130.89