Segnala alla redazione
Avanti
+1
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
11 ore
Online il primo progetto al mondo di reattore nucleare open source
L’Energy Impact Center ha lanciato il primo progetto open source al mondo per la progettazione di centrali nucleari
STATI UNITI
2 gior
Droni controllati dai soldati tramite le onde cerebrali
Il Pentagono vuole costruire una tecnologia che dia ai soldati la possibilità di guidare con la mente i droni militari
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Sensori per dispositivi indossabili più resistenti grazie al kirigami e al grafene
La tecnica del kirigami applicata al grafene permette ai dispositivi di conformarsi meglio ai movimenti del corpo
GIAPPONE
1 sett
Robot e avatar: il futuro dei viaggi in telepresenza
La compagnia aerea All Nippon Airways ha svelato i robot che fungeranno da avatar per viaggiare al posto nostro
CINA
1 sett
L’Intelligenza Artificiale in campo contro il virus Covid-19
Alibaba ha sviluppato un sistema di Intelligenza Artificiale che esegue il test per il coronavirus in soli 20 secondi
STATI UNITI
1 sett
In arrivo HARP, la super stampante 3D
Gli scienziati americani hanno costruito una stampante 3D capace di creare in due ore oggetti grandi come una persona
VIDEO
GERMANIA
2 sett
H-1: il robot dalla pelle sensibile come quella umana
Grazie a una pelle di ispirazione biologica H-1 può avere una migliore interazione con l’uomo e l’ambiente esterno
STATI UNITI
2 sett
Contaminare Marte con microrganismi per dare avvio alla colonizzazione
Alcuni scienziati propongono di contaminare Marte con microbi terresti per creare l’ambiente adatto a colonizzarlo
AVANTI
02.11.2019 - 18:030

Realizzato un sistema di auto-programmazione modulare per robot sicuri

Un team di ricercatori dell’Università di Monaco ha creato IMPROV, un robot modulare assemblabile a seconda delle esigenze, economico, autoprogrammabile e che può lavorare con le persone senza ferirle

Lavorare a contatto con i robot in una catena di produzione può riservare alcune insidie, si può correre ad esempio il pericolo di essere feriti. Per tale ragione spesso i robot vengono chiusi in gabbie di sicurezza per ridurre il rischio di lesioni alle persone che vi lavorano vicino. Una possibile soluzione a questo problema è stata sviluppata dal professor Matthias Althoff della Technische Universität München (TUM) ed è stata proposta nel documento pubblicato sulla rivista scientifica Science Robotics. Si tratta di IMPROV, ovvero una “cassetta degli attrezzi” per l’assemblaggio di robot sicuri.
Grazie a IMPROV, le aziende potranno ottenere robot personalizzati per eseguire una gran mole di mansioni semplicemente combinando una serie di moduli a seconda delle necessità. Nello specifico, Althoff sostiene che «il nostro design modulare renderà presto più economico costruire robot da lavoro. Il principio della cassetta degli attrezzi offre un vantaggio ancora più grande: con IMPROV si possono sviluppare robot sicuri che reagiscono ed evitano il contatto con le persone nei loro dintorni».
Bisogna dire che i robot configurabili individualmente utilizzando un set di componenti standard non sono una novità. Il problema di tali robot però è che ogni nuovo modello richiede di essere programmato prima di entrare in funzione. IMPROV, invece, dispone in ciascun modulo di un chip incorporato che gli conferisce la capacità di auto-programmarsi. In sostanza, il robot è a conoscenza di tutti i dati relativi alle forze che agiscono al suo interno e anche sulla propria geometria e, adoperandoli, può programmare sé stesso sulla base dei moduli che lo costituiscono e di come sono assemblati.
Per quel che concerne la sicurezza, invece, questa è assicurata dalle telecamere installate nella stanza, di cui il centro di controllo del robot si serve per raccogliere informazioni sui movimenti delle persone che lavorano nelle vicinanze. IMPROV, infatti, regola i suoi spostamenti calcolando le potenziali mosse successive di tutti gli addetti umani, in modo da non urtarli. Può non a caso fermarsi proprio prima di entrare in contatto con una mano o con altri oggetti in avvicinamento.
Come afferma Althoff: «Con IMPROV possiamo garantire che i controlli funzionino correttamente».
Per realizzare questa innovativa “cassetta degli attrezzi”, i ricercatori si sono serviti di moduli industriali standard per alcune parti, integrando i chip necessari. In più hanno costruito nuovi componenti con una stampante 3D. IMPROV è stato sperimentato con successo, dimostrando che i robot da lavoro possono essere meno costosi e più sicuri. Inoltre, sono anche più veloci perché impiegano il 36% di tempo in meno per effettuare i loro compiti rispetto ai robot attuali, che necessitano comunque di una zona di sicurezza attorno a loro.

Avanti
Guarda le 4 immagini
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-30 22:07:27 | 91.208.130.85