Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
DANIMARCA
4 gior
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
1 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
1 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
2 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
2 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
STATI UNITI
4 sett
Colonizzare Marte in futuro potrebbe essere possibile grazie a un materiale chiamato aerogel
Una sperimentazione effettuata da alcuni ricercatori di Harvard e della NASA con un materiale simile al polistirolo ma composto al 99% di aria potrebbe consentire di “terraformare” il Pianeta Rosso
MONDO
25.10.2019 - 15:240

Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati

Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri

Della storia dell’Universo, in realtà, non si sa moltissimo e, dato che non è possibile viaggiare miliardi di anni indietro nel tempo, uno dei modi migliori per capire come si è formato il cosmo è creare simulazioni al computer sulla base di ciò che al momento conosciamo. Sino ad oggi, però, il problema con queste simulazioni era che o erano accurate, ma molto lente, oppure veloci, ma molto meno precise.
Adesso, per la prima volta, un team internazionale di ricercatori ha creato un'intelligenza artificiale in grado di generare rapidamente simulazioni tridimensionali altamente accurate dell'universo.
Inoltre, sembra che questo software sappia persino fare cose che non erano state previste. Infatti, il computer ha iniziato a generare simulazioni tridimensionali dell'universo anche quando si modificano i parametri e li si porta a valori su cui il sistema non è stato addestrato.
Shirley Ho, ricercatore del Flatiron Institute e della Carnegie Mellon University, ha spiegato nel comunicato stampa: «È come addestrare un software di riconoscimento delle immagini mostrandogli cani e gatti, ma poi quello è in grado di riconoscere gli elefanti». Ha poi concluso affermando: «Nessuno al momento sa come funziona, ed è un grande mistero da risolvere».
Gli scienziati, in uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences, descrivono in dettaglio come hanno creato questo simulatore dell'universo, che hanno chiamato Deep Density Displacement Model (D3M). L’obiettivo iniziale era insegnare a D3M come la gravità va a modellare l'universo. A tale scopo, hanno iniziato alimentando il sistema con 8000 diverse simulazioni focalizzate sulla gravità create da un simulatore di universi già esistente ed estremamente accurato. Il sistema precedente, però, aveva bisogno di 300 ore di calcolo per creare solo una delle sue simulazioni.
Dopo l’addestramento sui dati, D3M è stato in grado di produrre le proprie simulazioni di un universo cubico di 600 milioni di anni luce in soli 30 millisecondi. Queste simulazioni erano poi molto più accurate di quelle dei sistemi “veloci” esistenti, che richiedono un paio di minuti per creare una simulazione. Ma la velocità non è l’aspetto più notevole di D3M.
I ricercatori hanno infatti notato che il programma sapeva creare modelli accurati anche se si cambiavano i parametri e se ne inserivano altri non inclusi nei dati di addestramento. Ad esempio, andando a modificare la quantità di materia oscura presente nell'universo simulato, il software lavorava normalmente, anche se in teoria non avrebbe dovuto saperlo fare.
Shirley Ho ha quindi spiegato che, oltre ad aiutare i fisici nella comprensione dell'universo e della sua formazione, questo innovativo software sarà utilissimo anche per studiare “l'apprendimento profondo” e il funzionamento delle intelligenze artificiali.

Guarda le 3 immagini
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-18 16:07:41 | 91.208.130.89