Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CITTÀ DEL VATICANO
7 min
Abusi sessuali, due preti rinviati a giudizio
STATI UNITI
1 ora
Ubriaca, va a prendere il fidanzato fermato per guida in stato di ebrezza: arrestata
ALBANIA
1 ora
Tusk: «L'Albania merita l'avvio dei negoziati per l'adesione all'Ue»
STATI UNITI
2 ore
Per 1 americana su 16 il primo rapporto sessuale è stato uno stupro
STATI UNITI
3 ore
Sigarette elettroniche: negli Stati Uniti la settima vittima
ITALIA
3 ore
Autobus va fuori strada e finisce contro un albero: 30 feriti
STATI UNITI
4 ore
Manifestazioni per il clima: a New York 1 milione di scolari potranno saltare la scuola
BRASILE
4 ore
Amazzonia: il capo indigeno Raoni proposto per il Nobel per la Pace
ARGENTINA
4 ore
Allarme femminicidio, uccise quattro donne nel fine settimana
ITALIA
6 ore
Greta non è una bimba di Bibbiano
REGNO UNITO
6 ore
«Clamoroso» sgarbo del Lussemburgo contro Boris Johnson
UNIONE EUROPEA
6 ore
Bce: ok del Parlamento europeo alla nomina di Lagarde
STATI UNITI
6 ore
TripAdvisor apre un'indagine sulle sue recensioni: 1 milione sono false
STATI UNITI
7 ore
WeWork rinvia ancora l'esordio in borsa
GERMANIA
7 ore
In Germania allarme per boom di bebé nati con malformazioni alle mani
FRANCIA
22.05.2019 - 12:230

Unesco: «Le assistenti vocali rafforzano gli stereotipi di genere»

Secondo una ricerca, le voci femminili preimpostate restituiscono l'immagine di una donna servile e remissiva

PARIGI - Le voci femminili preimpostate per gli assistenti vocali - Siri di Apple, Alexa di Amazon e Cortana di Microsoft, ma anche Google Assistente nella versione originale in lingua inglese - rafforzano gli stereotipi di genere. A dirlo è una ricerca pubblicata dall'Unesco, secondo cui le risposte spesso sottomesse o civettuole che vengono date dagli assistenti vocali anche a domande inopportune, volgari o allusive restituiscono l'immagine di una donna servile e remissiva.

Lo studio si intitola "I'd blush if I could", "Arrossirei se solo potessi", che è la risposta fornita fino a qualche tempo fa da Siri a chi la insultava dandole della poco di buono. Attualmente, invece, l'assistente replica: "Non so proprio cosa rispondere".

A sviluppare questi sistemi di intelligenza artificiale sono team composti prevalentemente da uomini (tra i ricercatori in AI, le donne sono solo il 12%), si osserva nell'indagine. I ricercatori evidenziano le potenziali implicazioni negative a lungo termine soprattutto nei bambini, che cresceranno interfacciandosi con gli assistenti vocali.

«Macchine obbedienti e cortesi che fingono di essere donne stanno entrando nelle nostre case, auto e uffici», ha osservato Saniye Gulser Corat, direttrice per l'Uguaglianza di genere all'Unesco. «La sottomissione che è inculcata in loro influenza il modo in cui le persone parlano alle voci femminili, e modella il modo in cui le rispondono alle richieste e si esprimono».
 
 

Commenti
 
albertolupo 3 mesi fa su tio
E se si imposta la voce maschile, risponde a tono agli insulti? Non ho mai provato ...se qualcuno volesse assumermi come assistente vocale scortese, credo che mi divertirei.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 19:19:19 | 91.208.130.87