#NOISIAMOILFUTURO
#NOISIAMOILFUTURO
03.05.2020 - 11:060

Se il vostro vicino ha un impianto solare, ne vorrete uno anche voi

Alcuni studi suggeriscono che nel quadro dell’adozione di nuove tecnologie esista un effetto di imitazione importante all’interno della società. Questo interessa anche il settore delle energie rinnovabili.

In natura, l’energia viene estratta dalla terra sotto forma di petrolio, gas naturale, forza idrica, uranio, energia solare o calore. Prima che queste fonti di energia primarie possano essere utilizzate dai consumatori finali, devono essere trasformate in energia secondaria come elettricità, carburanti, olio da riscaldamento o teleriscaldamento. Questi processi hanno luogo ad esempio in centrali elettriche, raffinerie o centrali di teleriscaldamento. Al di fuori dell’energia idrica e del legno, la Svizzera non dispone di grandi giacimenti di vettori energetici classici. Solo meno di un quarto dell’energia consumata in Svizzera viene prodotta internamente.

Una possibilità per aumentare la produzione interna di elettricità sarebbe promuovere l’utilizzo dell’energia solare. Il sole è una fonte inesauribile di energia e l’energia solare, come tutte le forme di energia rinnovabile, è nettamente più sostenibile dei combustibili fossili dal punto di vista ambientale e climatico. Circa il due per cento dell’elettricità prodotta in Svizzera oggigiorno deriva dall’energia solare. L’irraggiamento annuale varia a seconda della località dai 1050 ai 1550 chilowattora per metro quadrato. Ciò significa che l’intera superficie della Svizzera, con i suoi 41 285 chilometri quadrati, riceve, sotto forma di energia solare, circa il 200 per cento di energia in più rispetto all’energia totale utilizzata in tutto il Paese. Alcune località particolarmente soleggiate come Sion (VS) o Samedan (GR), sono paragonabili alla Toscana in Italia o alla Provenza in Francia per quanto riguarda l’irraggiamento.

Il potenziale di produzione di energia dei tetti svizzeri è elevato

La diffusione dei sistemi fotovoltaici dipende solo in parte dall’intensità dell’irraggiamento solare. Tra i Paesi che utilizzano maggiormente l’energia solare troviamo Paesi meridionali come la Grecia o l’Italia ma anche la Germania, il Belgio e la Repubblica Ceca. L’Ufficio federale dell'energia stima che il potenziale di produzione di energia solare sui tetti e le facciate degli edifici in Svizzera ammonta a 67 terawattora all’anno ossia 40 volte superiore rispetto a quanto possibile oggi.

Da decenni numerosi studi suggeriscono che nell’adozione di nuove tecnologie si crea un effetto di «traboccamento» sociale. Grazie a uno studio effettuato in Svizzera, l’Ufficio federale dell’energia ha potuto verificare che da noi si presenta un effetto di imitazione nel quadro dell’adozione delle tecnologie legate alle energie rinnovabili. «Grazie al meccanismo del contagio sociale, il sovvenzionamento delle energie rinnovabili può provocare un circolo virtuoso di adozione. È più probabile che una tecnologia legata alle energie rinnovabili venga adottata quando il proprio vicino decide di installarla per sé», conclude lo studio. Ciò significa che ad esempio installereste più volentieri un impianto solare se il vostro vicino ne avesse uno.

#NOISIAMOILFUTURO
Il movimento nazionale #NOISIAMOILFUTURO è sostenuto da rinomate imprese svizzere e da SvizzeraEnergia. L’obiettivo è invogliare la popolazione svizzera ad organizzare le proprie giornate in maniera più efficiente dal punto di vista energetico e ad impegnarsi attivamente per i temi dell’energia e della protezione del clima. In qualità di partner media, 20 Minuti sostiene #NOISIAMOILFUTURO con approfondimenti, reportage e quiz.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 16:48:14 | 91.208.130.89