tipress
GRIGIONI
26.04.2018 - 07:190
Aggiornamento : 14:27

La COMCO individua dei cartelli sugli appalti nella Bassa Engadina

Le imprese discutevano sui prezzi e determinavano chi otteneva l’appalto. Manipolati centinaia di appalti pubblici

COIRA - La COMCO ha concluso una nuova inchiesta nel Canton dei Grigioni. Le autorità della concorrenza hanno stabilito che delle imprese di costruzione hanno manipolato alcune centinaia di appalti pubblici nel settore del genio civile e della costruzione edilizia dando origine a diversi cartelli sugli appalti. Le imprese di costruzione decidevano tra di loro chi si aggiudicava il mandato. Molto spesso, i prezzi delle offerte venivano stabili in quello stesso momento.

Le imprese di costruzione grigionesi hanno sistematicamente organizzato una parte dei cartelli sugli appalti su un periodo di più anni. Questi accordi illeciti sono stati organizzati in parte in occasione delle riunioni organizzate dalla Società grigionese degli impresari costruttori.

I cartelli sugli appalti hanno colpito concorsi pubblici del Canton dei Grigioni, dei Comuni della Bassa Engadina e dei privati. Il valore dei contratti manipolati varia tra qualche decina di migliaia di franchi fino ad alcuni milioni.

La COMCO ha multato le seguenti imprese per un importo totale di più di CHF 7.5 milioni: Foffa Conrad AG, Bezzola Denoth AG, Zeblas Bau AG, Lazzarini AG, Koch AG Ramosch, Alfred Laurent AG e René Hohenegger Sarl. Le sanzioni a carico di ciascuna impresa variano tra i diecimila franchi e i 5 milioni a seconda della gravità e del numero di infrazioni. Un’impresa ha avuto una riduzione della sanzione in quanto ha collaborato con la COMCO. L’impresa Impraisa da fabrica Margadant non ha ricevuto nessuna sanzione data la prescrizione delle sue infrazioni. La Società grigionese degli impresari costruttori non riceve nessuna sanzione ma deve farsi carico delle spese di procedura vista la sua partecipazione all’organizzazione del cartello.

Le decisioni della COMCO possono essere oggetto di ricorso presso il Tribunale amministrativo federale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 16:35:31 | 91.208.130.86