deposit
SVIZZERA
03.07.2020 - 18:300

Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri

Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.

Il sindacato Unia ritiene che i bonus offerti ai dipendenti dei grandi magazzini siano generalmente scarsi.

GINEVRA - Altamente esposti al coronavirus, in un supermercato in cui i clienti affluivano durante il semi-contenimento causa la chiusura dei confini e il blocco del turismo degli acquisti, i dipendenti Aligro speravano in una ricompensa. E l'hanno ottenuta: un buono di 200 franchi valido nei ristoranti clienti del grande distributore. Un gesto «scioccante e umiliante», secondo un dipendente.

Soprattutto perché questo bonus non è stato concesso a coloro che hanno mancato anche solo una giornata di lavoro. «I malati, compresi quelli colpiti da Covid-19, o le persone che hanno trascorso una giornata a casa a prendersi cura dei propri figli, non hanno ottenuto nulla». Per solidarietà, decine di persone hanno rifiutato il voucher, ha spiegato il dipendente.

«Un bonus simile è un gesto avaro», afferma Anne Rubin, responsabile della vendita al dettaglio di Unia Svizzera. La sindacalista denuncia i casi presso altre filiali di Aligro: «I dipendenti in disoccupazione parziale sono stati richiamati quando la società ha rinunciato a questa misura. Ha dedotto le assenze dalle loro vacanze o le ha trasformate in ore negative. Tutto ciò è illegale». Aligro si difende, parlando di risultati nelle vendite «complicati».

Unia vuole aumenti salariali - In generale, di fronte ai rischi associati al Covid-19 e al lavoro dello staff che ha accumulato straordinari, Unia considera «insufficienti» i bonus concessi.

«I lavoratori, molti dei quali ci hanno interpellato, hanno ricevuto i ringraziamenti da parte della clientela. Meno dai loro datori di lavoro». Rubin aggiunge: «Per il periodo di lockdown avevamo richiesto premi di 2'000 franchi. I distributori sono scesi a 350/500 franchi. È meglio di niente».

Resta il fatto che per il sindacato c'è ancora molta strada da fare per il «corretto salario e la riqualificazione sociale» di cassiere o commesse, il cui lavoro è essenziale per la popolazione.

Aligro respinge le critiche e spiega: «Volevamo ringraziare il nostro staff con questi 200 franchi da spendere presso i ristoratori legati al nostro gruppo. Ma non solo - spiega Roberto De Vito, direttore delle vendite per la Svizzera -. È stato anche un modo per mostrare solidarietà e rilanciare queste attività che più di altre hanno sofferto finanziariamente la pandemia».

Per quanto riguarda l'importo del premio, il gruppo spiega che le difficoltà del settore della ristorazione, il principale cliente di Aligro, hanno influito negativamente sul fatturato del marchio.

Sugli esclusi dal bonus a causa delle assenze, Roberto De Vito specifica: «hanno la possibilità di scegliere: recuperare le ore durante l'anno o convertirle in vacanze».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 13:26:11 | 91.208.130.87