Viaggi & TurismoBonifacio, la città sul precipizio!

17.12.22 - 12:43
Reportage alla scoperta della Corsica, ricca di natura, cultura e gastronomia (quinta parte)
CR
Bonifacio, la città sul precipizio!
Reportage alla scoperta della Corsica, ricca di natura, cultura e gastronomia (quinta parte)

Bonifacio è sicuramente una delle principali attrazioni della Corsica. La città vecchia, con le sue stradine strette, sorge su un altopiano calcareo alto 60-80 metri e in parte spazzato via dal mare. Le case di fronte non potrebbero essere più vicine al precipizio. Il porto di Bonifacio si trova alle spalle del fiordo protetto, da sempre un luogo sicuro per le navi.

Prima di iniziare la visita del borgo, vengo accolto da Nathalie Buresi, direttrice del locale ente turistico. Un’occasione preziosa per farmi raccontare di più sulla strategia turistica di Bonifacio e della regione. «Il nostro borgo è il porto di accesso da sud - mi spiega con grande entusiasmo-. Diversi traghetti al giorno garantiscono il collegamento con la Sardegna. Abbiamo molti visititatori di giornata, ma pure, grazie ai 4 alberghi nel centro storico e 10 presso il porto, offriamo un bella accoglienza a coloro che vogliono sfruttare Bonifacio quale punto di partenza per le visite nella regione. La nostra carta da visita sono indubbiamente le numerose spiaggie (bellissime e con il mare turchese, vi assicuro). Abbiamo anche una fitta rete di sentieri lungo le coste che, grazie ad una nuova app gratuista, possono essere scoperti in tutta sicurezza». Quale la futura strategia turistica? «Vogliamo destagionalizzare il turismo, il clima qui sull’isola è davvero mite tutto l’anno. Dalle spaggie lungo la costa si possono raggiungere in poco tempo le piste di sci», conclude orgogliosa Nathalie.

A Bonifacio, sul versante roccioso di Araguina-Sennola, sono stati ritrovati i resti umani più antichi della Corsica. La Dama di Bonifacio è datata all'VIII millennio a.C. ed è oggi esposta nel museo preistorico di Levie nell'Alta Rocca. Anche se la zona di Bonifacio era già abitata in epoca romana, la città fu fondata nell'828, quando il conte Bonifacio di Toscana costruì una cittadella per respingere i Saraceni e diede alla città il suo nome. Nel 1195, i genovesi conquistarono la città con l'inganno. Avevano saputo di un imminente matrimonio di cittadini facoltosi e avevano pensato di festeggiare adeguatamente l'occasione e di non prestare la solita attenzione alla guardia della città quella notte. Questo fu il caso e i genovesi ebbero vita facile. Gli abitanti furono cacciati e insediati da cittadini genovesi. Ancora oggi, si dice che gli abitanti parlino un corso fortemente influenzato dal ligure. I genovesi ampliarono massicciamente la fortezza esistente e diedero alla città il diritto di battere moneta e la propria giurisdizione.

La Montée Rastello conduce alla Chapelle Saint-Roch. Soprattutto in estate, la breve salita è faticosa. Prima di proseguire verso la città alta, vale la pena fare una breve deviazione verso le scogliere a est. Si arriva così a un magnifico punto panoramico da cui si può godere di una splendida vista sulla città. L'ampio sentiero può essere seguito ancora di più e conduce ad altri punti panoramici a picco sul mare. Tornando verso la Chapelle Saint-Roch si entra nella città alta attraverso la Porte de Gênes, la porta cittadina con ponte levatoio, ottimamente conservata. Questa porta è stata l'unico accesso alla cittadella fino al 1854.

Vale la pena passeggiare tra i vicoli in modo incrociato e disordinato. Noterete le scale delle case, a volte incredibilmente strette e ripide. A causa delle scarse possibilità di espansione sull'altopiano calcareo, le case furono costruite in alto. Non c'era spazio per ampi viali. Dai negozi della via più a sud (Rue Doria), a volte si ha una vista spettacolare sul mare attraverso le finestra!

Tra le alte case si trova la chiesa di Saint-Marie-Majeure, costruita nel XIII secolo ma ricostruita più volte. Solo la torre si erge sopra i tetti delle case. La chiesa ha tre navate e una loggia, che in passato era il luogo di riunione. All'interno, oltre a molto barocco, c'è anche un sarcofago romano in marmo (III secolo).

Sotto la loggia coperta, che nel Medioevo era il luogo di ritrovo degli anziani della città, un tempo si trovava una cisterna centrale. Questo assicurava riserve di acqua potabile per molto tempo in tempi di assedio. L'acqua piovana veniva raccolta sui tetti e convogliata nella cisterna centrale attraverso i contrafforti tra le case.

Se seguite le indicazioni per "Escalier du Roi d'Aragon", vi aspetterà una discesa e una salita faticosa ma molto gratificante. Le leggende sono cresciute intorno alla scala, che è scavata nella roccia scoscesa. Si dice che il re Alfonso V la fece scolpire nella roccia in una sola notte durante l'assedio di Bonifacio nel 1420 per conquistare la città dal mare. In Corsica si preferisce dire che sono stati gli stessi abitanti di Bonifacio a costruire la scala. Volevano assicurarsi l'accesso al mare aperto, dato che il re Alfonso stava bloccando l'ingresso del porto con le sue navi. Quando i soccorsi da Genova si avvicinarono, si dice che un coraggioso abitante del luogo abbia slegato le navi, che poi andarono alla deriva. In questo modo l'ingresso era libero per i rinforzi provenienti da Genova. Una volta scesi i 187 gradini, alcuni dei quali particolarment alti, diventa più pianeggiante e comodo. Un bellissimo sentiero, anch'esso scavato nella roccia, conduce a pochi metri di altezza a una piccola grotta.

Poco fuori dal centro storico, presso il parcheggio, si trova il Cimetière Marin. Numerosi mausolei formano una piccola città funeraria. Al centro si trova il vero e proprio cimitero dei marinai. Morirono nell'affondamento della Sémillante il 15 febbraio 1855 e furono sepolti qui. La nave fu colta da una tempesta, finì su una scogliera e affondò con uomini e topi. Nessuno è sopravvissuto alla tragedia. Il cimitero comprende anche la chiesa di Saint-François del XIII secolo.

Una gita in barca è una parte essenziale della visita a Bonifacio. In passato c'erano numerosi fornitori e venivi contattato in ogni occasione. Da quando le quattro aziende più grandi si sono fuse per formare SPMB, la situazione è diventata molto più rilassata. Il tour più grande porta alle isole di Lavezzi e Cavallo e richiede circa un’ora e mezza con la possibilità di scendere all'Isola di Lavezzi e tornare più tardi con la prossima barca.

C'è anche un breve tour (di circa 1 ora) in cui si può ammirare Bonifacio dal mare, le grotte dello Sdragonato, le Iles de Fazzio e alla Baia di Paragan.

Nei prossimi giorni continuerò il mio viaggio lungo il perimetro di quest’isola in previsione di un viaggio in programma nei prossimi anni. Un’occasione per scoprire le città, i monumenti, gli angoli pittoreschi, gli alloggi e i ristoranti tipici. Seguitemi!

I precedenti articoli di questo reportage sono stati pubblicati il 31 ottobre, il 12, 17 e 27 novembre.

Testo a cura di Claudio Rossetti

 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE