Tanja Keisha
1'500 sciatori e snowborder a Saas-Fee
VALLESE
03.11.2020 - 09:280

Riaperta la stagione sciistica nell’anno del Corona

Il Vallese fissa i "paletti" su piste e fuori, tra mascherine e "funghi"

SION - Mentre la spada di Damocle pende sulla Svizzera su un secondo lockdown, i sciatori hanno preso le loro tavole dalla cantina. Lo scorso finesettimana, varie località invernali hanno aperto ufficialmente la stagione invernale: a Les Diablerets, la pista Dôme e lo snowpark sono operativi, a Zermatt si svolge una grande giornata di test sugli sci, e il comprensorio sciistico di Saas-Fee, dove prima si sciava solo sul ghiacciaio, hanno ripreso a funzionare gli impianti a 2’550 metri di altitudine.

A Saas-Fee si parla di un buon fine settimana. Circa 1’500 sciatori erano in movimento sabato: «Nelle ultime settimane è caduta un'enorme quantità di neve, per cui le funivie della Valle di Saas sono già riuscite ad aprire la stazione intermedia del Felskinn», dice la portavoce dell’organizzazione Saas-Fee Tourismus.

I responsabili dei comprensori Glacier 3000 a Les Diablerets, sono soddisfatti dell'andamento degli affari: «Le condizioni meteorologiche sono state migliori del previsto», affermano. Circa 900 ospiti sono saluti sugli impianti, 500 di loro sugli sci. «Il bel tempo ha attirato anche molti escursionisti invernali».

Quasi all'ultimo minuto, il Canton Vallese ha stabilito le regole per l'inverno nell’anno del Corona. Da novembre e fino alla fine di aprile, i gestori di strutture pubbliche sono autorizzati ad installare il riscaldamenti elettrici, i famosi ‘funghi’ su terrazze e in tende o snack bar. L'obiettivo è quello di generare più spazio in modo che gli ospiti possano rispettare le regole della distanza. A differenza di quanto avviene in Austria, in Vallese l'après-ski è generalmente consentito, ma solo fino all'una del mattino! L'unica eccezione è il Capodanno, quando i ristoranti possono rimanere aperti fino alle 3. Tuttavia, gli ospiti devono indossare una mascherina quando si spostano nei locali e possono consumare solo al tavolo o al bar. Il Cantone esige inoltre che i concetti di protezione per gli impianti di risalita organizzino l'arrivo e la partenza degli utenti in coda per evitare congestioni. «Seguendo l'esempio delle code ai controlli di sicurezza negli aeroporti», dice la direttiva corrispondente.

Le mascherine sono obbligatorie in tutte le code e in tutti i punti d’incontro, come le casse, ma anche alle fermate degli autobus e sono accettate anche le nuove sciarpe conformi alle norme federali.

Damian Constantin, direttore della Valais/Wallis Promotion, elogia il «senso delle proporzioni» che il Cantone ha dimostrato con questo regolamento. «Le misure rigorose sono necessarie perché, visto il numero crescente di casi, si tratta ora di rendere possibile l'inverno», dice. Tuttavia, alcune località di villeggiatura avrebbero voluto misure più drastiche e hanno criticato, ad esempio, l'orario di chiusura. Constantin controbatte la critica: «Non è una questione di tempo, ma del modo in cui le misure vengono attuate - e, soprattutto, osservate», dice l'esperto di turismo.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-26 08:26:04 | 91.208.130.87