Pixabay / Hebi B
ULTIME NOTIZIE Target
Target
6 ore
Novità in casa LinkedIn: Newsletter e Video Live finalmente a disposizione di tutti gli utenti
Attivando la “Modalità Creator”, possiamo sfruttare nuovi formati e opportunità di promozione. Ecco come e perché farlo
Target
6 gior
Digital Marketing, i trend del 2022 / 1 – L’implacabile ascesa dei Creator
Chi crea contenuti e influenza comunità di consumatori piccole, solide e specifiche avrà sempre più potere. Ecco perché
Target
1 sett
La corsa di Instagram contro TikTok: ufficiale l’estensione delle Stories a 1 minuto
Un’ottima notizia per chi le utilizza e vuole evitare la frammentazione dovuta alla durata massima di 15 secondi
Target
2 sett
Travel blogger e influencer: che cosa fanno e quanto sono efficaci nel promuovere il territorio
«Non vendiamo: raccontiamo e siamo credibili. Così influenziamo gli utenti». Ne abbiamo parlato con Veronica Crocitti
Target
2 sett
Come sfruttare il principio di scarsità, una delle leve di marketing più potenti
Paura di perdere un’occasione: perché disponibilità e tempo limitati ci fanno ritenere indispensabili prodotti e servizi
Target
3 sett
8 errori che ostacolano il posizionamento del vostro sito su Google
Sottovalutare alcune regole SEO incide sul valore attribuito alle pagine come risposta alle ricerche degli utenti
Target
4 sett
Più lavoro per gli indipendenti: LinkedIn lancia Service Marketplace
Pensato per professionisti e aziende di consulenza B2B, permetterà di trovare opportunità professionali a breve termine
Target
1 mese
Marketing per il turismo e gli alberghi: errori, opportunità, scenari futuri
«Gli ospiti sono al centro. Ma non tutti lo hanno ancora capito». Stefano Mazzamuto ci svela i nuovi trend del settore
Target
1 mese
La svolta di Instagram: ora chiunque potrà inserire i link nelle Stories
Finisce l’era dell’esclusività, dello “Swipe Up” e dei 10mila follower necessari a collegarle con un contenuto esterno
Target
1 mese
Postare su Instagram da pc: ora (finalmente) sarà possibile per tutti
Dopo Creator Studio per pagine e account business, arriva l’attesissimo Instagram Desktop Posting
Target
1 mese
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! (Seconda parte)
Scandali politici, un algoritmo penalizzante, aumento dei costi per l’advertising: il social di Zuckerberg è a rischio?
Target
1 mese
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! Parte 1 di 2
Reach organica ai minimi, problemi di dati e privacy, fuga dei giovani. Ha ancora senso investire su questo social?
Target
2 mesi
Il successo su Instagram? È questione di formato
Ogni tipo di contenuto che possiamo pubblicare sulla piattaforma ha degli scopi precisi: scopriamoli tutti insieme
Target
2 mesi
Bias: pregiudizi della mente che ci inducono in errore. E che i marketer utilizzano
Molte scelte quotidiane, anche d’acquisto, sono legate a scorciatoie mentali rapide, impulsive e spesso illogiche.
Target
2 mesi
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
2 mesi
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
Target
22.10.2021 - 11:020

Addio alle pagine dei risultati di Google: arriva lo scorrimento continuo

Quanto servirà adesso posizionarsi al meglio sui motori di ricerca, e come cambieranno le tecniche SEO per riuscirci?

Ogni SEO specialist - compresi quelli che collaborano quotidianamente con la nostra agenzia – sostiene, da sempre, che il posto migliore in cui nascondere un cadavere sia la seconda pagina di Google. Ergo: è assai raro che l’utente, alla ricerca di qualcosa nel motore di ricerca numero uno al mondo - cioè autore di una domanda consapevole - si spinga oltre la prima pagina di risultati prodotti dalla query di ricerca (l’insieme di parole chiave) utilizzata (“search intent”). Per farsi notare, su Google, serve insomma posizionarsi in prima pagina. Ma non basta: possibilmente, meglio piazzarsi tra le prime posizioni, nella sua parte superiore: “above the fold”, sopra la piega.

 

Il CTR: che cos’è e perché è indispensabile tenerlo in considerazione

In tal senso, ci vengono in soccorso i dati. E, nello specifico, una delle metriche maggiormente tenute in considerazione dai marketer, cioè il CTR (Click-Through-Rate), quindi il rapporto tra il numero di click generati da un risultato e il numero di volte che questo viene visualizzato (impression).

Qualche anno fa, sul tema, attirò l’interesse di molti addetti ai lavori un’analisi condotta da Backlinko su 5.079.491 query di ricerca e quasi 900mila pagine.

L’analisi in questione rilevava alcuni dati interessanti:

  • Il CTR delle pagine in prima posizione su Google ha un tasso di click del 31,7%;
  • il primo risultato ha una probabilità 10 volte superiore rispetto all’ultimo della prima pagina di ricevere un click;
  • i tag title che contengono una domanda hanno un CTR di oltre il 14% più elevato rispetto ai titoli che non contengono una domanda;
  • gli URL che contengono una parola chiave utilizzate dall’utente nella ricerca hanno una percentuale di click superiore del 45%.

Tali dati, poi rivisti da altre ricerche, ma simili negli esiti, hanno rappresentato per molto tempo una bussola per chi si occupa di posizionare al meglio i siti web sui motori di ricerca. Ma c’è una novità, recentemente introdotta da Google, che potrebbe sparigliare le carte: lo scorrimento continuo sui dispositivi mobile.

 

Che cos’è lo scorrimento continuo di Google?

Con l’obiettivo di migliorare l’esperienza di navigazione dei risultati di ricerca degli utenti che si connettono con il proprio smartphone, Google ha scelto di cambiare rotta e di mettere in archivio, perlomeno da mobile, la logica delle SERP numerate. Sostanzialmente, si tratta di replicare la prassi ormai consolidata nella user experience dei principali social network, cioè il news feed a scorrimento verticale. Dopo il quarto risultato, quindi, l’utente potrà cliccare sull’opzione “vedi altro”. Google ha presentato questa novità come una «riprogettazione della pagina dei risultati di ricerca su mobile per un’esperienza più moderna e più facile da scansionare e navigare». La nuova funzionalità, per il momento in fase di test, sarà inizialmente a disposizione di un numero limitato di utenti statunitensi. Quindi per ricerche – sia con dispositivi Android che iOS – effettuate in lingua inglese. Superata questa fase, però, è abbastanza verosimile che lo scrolling infinito diventi normalità per ogni tipologia di utente, di ricerca e per ogni Paese.

 

Come inciderà questa novità sulla SEO?

Domanda interessante, soprattutto se valutata nell’ottica che ha contrassegnato la prima parte di questo articolo, in cui si partiva dal presupposto che - praticamente dalle origini di Google – il mantra è sempre stato “posizionarsi in seconda pagina vuol dire, in sostanza, essere invisibile”. Ora, che su mobile la logica “gerarchica”, quindi delle pagine 1, 2, 3 ecc., verrà archiviata, cosa potrebbe accadere in termini di CTR, quindi di percentuale di click sui risultati e dunque di effetti sulla SEO?

Ancora, chiaramente, l’inedita stagione dell’esperienza di ricerca su Google dagli smartphone è a uno stato embrionale. Saranno i dati a chiarire quale sarà l’impatto di questa nuova funzionalità. Tendenzialmente, però, gli addetti ai lavori sono portati a pensare che lo scorrimento continuo potrebbe produrre una distribuzione più ampia e meno selettiva del volume di click ricevuti da pagine web e blog su determinate query di ricerca. Gli utenti, quindi, potranno individuare con maggiore semplicità diverse opzioni, cioè anche quei risultati che fino a questo momento erano penalizzati, e quindi ignorati, proprio a causa della “ratio” delle pagine numerate.

 

Il posizionamento organico dei siti nel futuro prossimo

Potrebbe delinearsi, pertanto, uno scenario completamente nuovo verso il quale la nostra agenzia sta cercando di proiettarsi, per tentare di anticipare linee strategiche che potranno aiutare i siti web dei nostri clienti, presenti e futuri, a ottenere alti indici di competitività in ottica di posizionamento. Una componente fondamentale per chi, come noi, si pone ogni giorno l’obiettivo di migliorare e rendere profittevole la presenza online di aziende e professionisti, cercando sempre d’individuare l’alchimia perfetta tra conoscenza e tecnica: elementi cruciali che possono migliorare la percezione del vostro brand e incidere sul vostro business.

Contattateci per una consulenza gratuita personalizzata.

Articolo a cura di Piero Rizzo per Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino

Target
Ingrandisci l'immagine

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 21:19:07 | 91.208.130.86