Freepik
ULTIME NOTIZIE Target
Target
4 gior
Local SEO: quando la promozione online comincia “da casa propria”
L’attenzione per i commerci vicini non diminuirà con la pandemia. Scopriamo il loro principale alleato sul web
Target
5 gior
Che cos’è il Nudge Marketing e perché le aziende devono usarlo
Scopriamo i segreti delle tattiche derivate da esso che molti professionisti mettono in pratica con successo
Target
2 sett
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 2
Torniamo ad approfondire gli aspetti più importanti della Search Engine Optimization con l’aiuto di Max Del Rosso.
Target
2 sett
3 consigli per ottenere più recensioni online
Se buone o cattive, dipenderà da voi, ma ecco come spingere gli utenti a scrivere di voi e crearvi una reputazione
Target
3 sett
Newsjacking Marketing: che cos'è e come usarlo al meglio
Come aumentare la visibilità online di un’attività commerciale tenendo d’occhio e commentando le notizie del giorno
Target
3 sett
Creator Economy: come monetizzare la nostra presenza online
Da utenti a realizzatori di contenuti il passo è breve. Ed è possibile (facilmente) costruirne un mestiere. Vediamo come
Target
4 sett
La fine di un’era? Cosa aspettarsi dall’eliminazione dei cookies di terze parti
Google ha annunciato che su Chrome, dal 2022, verrà eliminata questa modalità di tracciamento utenti.
Target
1 mese
Ottenere visibilità e contatti con le LinkedIn Ads: 3 consigli utili
I nostri suggerimenti per valorizzare al meglio le inserzioni a pagamento sulla piattaforma più “professionale”
Target
1 mese
Come la comunicazione (interna) influenza la produttività dei collaboratori
Anche il marketing verso i collaboratori è fondamentale: ne abbiamo parlato con l’esperto SUPSI Antonio Amendola
Target
1 mese
Marchi di successo e consumer trends: questione di identità (e non solo)
Con Monica Mendini, Docente-ricercatrice SUPSI, approfondiamo le ragioni della forza dei brand svizzeri più celebri
Target
1 mese
Marketing digitale per aziende e professionisti del design: quando la creatività è tutto
Ne abbiamo parlato con Camilla Bellini e Paola Leo, che ci hanno guidato nel loro - letteralmente - bellissimo settore
Target
1 mese
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 1
Scopriamo un aspetto fondamentale delle strategie digitali con i nostri collaboratori Michele Sabatini e Stefano Schirru
Target
1 mese
Lead generation su TikTok? Per le aziende, ora è possibile
Anche il giovanissimo social ha lanciato una funzionalità che permette agli inserzionisti di raccogliere contatti
Target
1 mese
Google Optimize: un aiuto per migliorare l’efficacia di siti web ed e-commerce
Lo strumento che ci aiuta a capire come migliorare l’esperienza degli utenti e il tasso di conversione
Target
1 mese
LinkedIn Marketplaces: che cos’è, perché dovresti conoscerlo e quando verrà lanciato
Ecco come funzionerà la nuova funzionalità della piattaforma che incentiverà il contatto tra aziende e professionisti
Target
2 mesi
Digitalizzazione, customer experience, sostenibilità: cosa aspettarsi dal futuro (e dal presente)
Abbiamo fatto il punto su ciò che sappiamo (e non sappiamo) con la docente ricercatrice SUPSI Daina Matise Schubiger
Target
2 mesi
3 trend di digital marketing da cui ci aspettavamo di più
Ogni momento è buono per fare un bilancio e capire quali tendenze abbiano sortito meno effetti del previsto
Target
2 mesi
ROI, questo (s)conosciuto: che cos’è e come prevederlo
Tra le metriche di marketing, ci concentriamo sul Ritorno sull’Investimento insieme a Francesco Micali e Daniele Vinci
Target
2 mesi
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 2
Abbiamo fatto qualche domanda ad altri tre esperti: Matteo Cremaschi, Simone Intelisano e Cecilia Brenni
Target
2 mesi
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
2 mesi
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
TARGET
20.01.2021 - 09:560

Che cos’è l’Account Based Marketing e come aumenta il fatturato delle aziende B2B

Ribaltamento del funnel e molto altro: ecco i meccanismi di una strategia vincente per chi vende ad altre attività

Come sappiamo, un business non sempre si rivolge esclusivamente al cliente finale, all’individuo. Molte imprese di ieri e di oggi, per il tipo di offerta e prodotto che proponevano e propongono, hanno esigenza di rivolgersi direttamente alle imprese, inserendosi nella logica del B2B, Business to Business.

A chi si occupa di marketing, è ben chiaro che, in quest’ambito, devono essere formulate strategie ad hoc, che spesso si differenziano da ciò che si fa solitamente nel Business to Consumer, cioè quando il target è rappresentato da un utente che consuma beni e servizi a scopi “privati”.

Quando parliamo di Account Based Marketing ci troviamo proprio all’interno dell’ambito B2B. Questo termine settoriale, spesso abbreviato in ABM, rappresenta una serie di strategie il cui obiettivo è attirare l’attenzione e l’interesse di una persona chiave, operante per conto di un’azienda o una realtà di business che vogliamo ci presti attenzione.

Tutto il ragionamento si basa su un concetto tanto semplice quanto fondamentale per chi si occupa della materia: il fatto che, così come i pubblici che targetizziamo attraverso i social media, anche le aziende e le imprese siano prima di tutto gruppi di persone reali, con uno spettro emotivo, degli interessi, delle abitudini professionali e non solo.

Una specifica importante è che questa persona, individuata all’interno dell’azienda con cui vorremmo stabilire un rapporto professionale, dovrebbe essere di “alto profilo”. Ciò significa che, se ben individuati gli obiettivi e stabiliti i contatti in maniera funzionale, grazie alla sua influenza all’interno della propria realtà, la sua opinione potrebbe avere peso nell’inserirci tra i propri fornitori o collaboratori.

Se provassimo a contestualizzare questo concetto nella logica del funnel, potremmo dire che affidarsi all’ABM significa ribaltarne la struttura tradizionale. Quando formuliamo un funnel classico, rivolto ai clienti “privati”, il primo step consiste nel raccogliere leads con campagne piuttosto collettive, per poi personalizzare la loro esperienza, coinvolgerli, fino a guidarli all’effettiva conversione. Attraverso l’Account Based Marketing, in sostanza, il punto di partenza è proprio l’aggancio di un soggetto interno alla realtà di business che abbiamo individuato, a partire dal quale l’esperienza di collaborazione si amplia e si sviluppa, fino a darci accesso a delle relazioni di lavoro più elaborate e stabili.

 

Come si realizza una strategia ABM?

Come per tutte le strategie di marketing, per ottimizzare il nostro percorso e aumentare le nostre probabilità di successo ci sono alcuni step da tenere presenti, la cui cura può davvero fare la differenza nel raggiungimento dei nostri obiettivi.

Tutto ciò, come sempre, è necessario per valorizzare al meglio anche le nostre risorse: dal tempo di chi si occupa di eseguire in pratica la strategia, al denaro speso per formulare eventuali campagne a pagamento. Meglio farsi trovare preparati, e partire altrettanto preparati.

 

  • 1) Individuare il target e organizzare la ricerca

Come per ogni strategia di marketing, uno degli step di partenza è proprio individuare i soggetti a cui vogliamo rivolgerci. Nell’ABM questo processo non è escluso, anzi, si sviluppa oltre i limiti delle buyer personas. Quest’ultimo strumento sarà comunque da comprendere mentre svolgiamo il lavoro: come detto, infatti, il nostro obiettivo è arrivare alle aziende grazie alla “mediazione” dei singoli individui che vi lavorano.

Di conseguenza, procederemo a realizzare tutte le buyer personas che riteniamo interessanti per il nostro servizio. Parallelamente, però, dovremo anche riflettere sulle tipologie di aziende che ci interessano: dopo aver definito i soggetti, dovremo anche individuare le realtà professionali in cui trovarli. Inutile dire che, nel nostro caso, la sezione relativa alla vita lavorativa delle nostre buyer personas sarà particolarmente importante.

Per questo, LinkedIn potrà tornarci molto utile: attraverso il suo database, in questa fase, potremo orientarci tra le persone concrete a cui rivolgere la nostra strategia. Specialmente se si può beneficiare di un account business, la ricerca potrà essere ancora più articolata e i filtri a disposizione faciliteranno ulteriormente il nostro lavoro.

 

  • 2) Creare la tua strategia

Probabilmente starai pensando alle classiche campagne di social advertising: lungi da noi sostenere che non possano essere utili allo scopo, ma avrai ben capito che l’individualità delle persone a cui dobbiamo rivolgerci è fondamentale nell’ABM.

Ecco perché, per quanto le inserzioni di questo tipo possano giocare a nostro favore, dobbiamo essere creativi su come rivolgerci ai soggetti che abbiamo individuato: se avremo svolto bene il lavoro di ricerca, infatti, dovremmo trovarci con una bella lista, non necessariamente lunghissima, di potenziali contatti di valore.

Come possiamo avvicinarli al nostro brand? Cosa potremmo proporre per interessarli? Mettiamo caso che si disponga di un blog aziendale, una strategia potrebbe consistere nell’invitarli a scrivere un guest post, oppure a pubblicare una loro intervista. Potremmo stabilire un contatto anche creando contenuti multimediali ad hoc, video o brevi eBook compatibili con i loro interessi, per poi alimentare lo scambio con altri contenuti personalizzati. Si tratta di un’attività che richiede struttura e costanza, senza dubbio, ma offre anche risultati solidi.

 

  • 3) Misurare e analizzare i risultati

Non soltanto affidandoci agli insights dei vari social su cui, eventualmente, organizzeremo delle campagne a pagamento, ma anche osservando i risultati ottenuti attraverso le singole azioni di cui abbiamo scritto poco fa.

Prerogativa di una strategia di marketing che porti frutto è proprio il monitoraggio dei risultati ottenuti, dato per scontato che, come premessa, gli obiettivi che ci poniamo siano misurabili. Anche senza disporre di statistiche tecniche e dettagliate, tenere semplicemente traccia dei contatti che proviamo a stabilire e delle risposte che ci vengono restituite può essere già un’operazione utile per capire come organizzare le nostre mosse future.

 

Insomma, B2C o B2B, la strategia giusta per far crescere ogni tipo di business esiste ed è là fuori. Per aiutarti a scovarla, puoi rivolgerti direttamente a noi: siamo esperti di marketing digitale per attività di ogni dimensione, dalle piccole attività locali alle più grandi multinazionali. Contattaci per richiedere una consulenza gratuita: ci impegneremo da subito per individuare la strategia migliore per te, per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 17:37:31 | 91.208.130.87