Freepik / Nicola Fidenzio
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
5 ore
Che cos’è la User Experience e perché determina il successo o l’insuccesso di un progetto web
Quante volte ci è capitato di abbandonare un acquisto online o di disinstallare un’app? Luca Longo spiega come evitarlo
TARGET
4 gior
Che cos’è l’Account Based Marketing e come aumenta il fatturato delle aziende B2B
Ribaltamento del funnel e molto altro: ecco i meccanismi di una strategia vincente per chi vende ad altre attività
TARGET
6 gior
LinkedIn Stories: Cosa sono? A cosa servono? Sono davvero utili?
Dalla loro introduzione, suscitano pareri discordanti: vediamo insieme quali sono le loro potenzialità e i loro limiti
TARGET
1 sett
Come promuovere la nostra attività all’Estero: i consigli dell’esperto
Parla Roberto Bernasconi, già responsabile Sviluppo e Marketing Internazionale di importanti banche e aziende svizzere
TARGET
2 sett
Tutti i segreti di YouTube e YouTube Ads per promuovere la propria attività
Ce li ha rivelati Marco Sepertino, da anni tra i massimi esperti di questi ambiti del digital marketing
TARGET
2 sett
Come si evolveranno i social media nel 2021? La parola agli esperti
Utenti e addetti ai lavori guardano al futuro delle piattaforme online, in una quotidianità ancora in cambiamento
TARGET
3 sett
A lezione di marketing dai pirati: che cos’è il funnel “A.A.R.R.R.”
Apprezzatissimo nel mondo del growth hacking, in cinque step può garantire il successo della nostra strategia online
TARGET
3 sett
Amazon entra in concorrenza con le farmacie: cosa aspettarsi in Svizzera e in Italia?
Dagli USA all’Europa, il passo per Amazon Pharmacy potrebbe essere breve: come possono reagire gli addetti ai lavori?
TARGET
3 sett
Mettere i clienti al centro è il segreto del successo, ma come si fa?
Aba Ferraresi, esperta di Customer Care e Assistenza Post-Vendita, ci ha raccontato come si realizza questa attività
TARGET
1 mese
Digital detox durante le feste: 3 consigli per “disintossicarsi” dalla tecnologia
Sempre connessi, sempre reattivi: come approfittare della pausa natalizia per ribilanciare il rapporto coi nostri device
TARGET
1 mese
L’amore ai tempi del Covid-19: come sono cambiate le app di incontri?
Il desiderio di interagire a fini “sentimentali” è più forte del social distancing: le piattaforme di dating ringraziano
TARGET
1 mese
SMS Marketing: ha ancora senso inviare “messaggini” pubblicitari?
Certo che sì, con la giusta strategia alle spalle. Ecco come possono aumentare le vendite di professionisti e aziende
TARGET
1 mese
Cosa sono le nuove Instagram Guides, e come e perché dovremmo usarle per promuoverci
Dopo una fase di test, l’ennesima novità social è disponibile per tutti gli utenti della popolarissima app
TARGET
1 mese
Come creare Facebook e Instagram Ads last minute per vendere a Natale
È tardi per cominciare a pensarci, ma non ancora tutto è perduto: 3 consigli per fare annunci efficaci in pochi giorni
TARGET
1 mese
YouTube Director Mix: personalizzare le inserzioni video ora è alla portata di tutti
Video pubblicitari adattati ad ogni utente in pochi clic: che cos’è e come funziona il rivoluzionario tool di Google
TARGET
1 mese
Esistono un orario e un giorno perfetto per pubblicare sui social?
Mattina, pausa pranzo, pomeriggio o cena? Lunedì, mercoledì o weekend? La risposta non risiede solo negli insights
TARGET
2 mesi
Buyer Personas: che cosa sono, come si creano, a cosa servono
Come tratteggiare aspetti personali, lavorativi e psicologici del pubblico, migliorando l’efficacia della pubblicità
TARGET
2 mesi
Al via le newsletter su LinkedIn: come crearle, quali sono i loro vantaggi
Contenuti esclusivi e fidelizzazione: com’è nata e andrà usata la nuova funzionalità del social network professionale
TARGET
2 mesi
A cosa serve un ufficio stampa, che cosa fa e perché dovresti averne uno
Vantaggi noti e meno noti di affidarsi a chi gestisce i rapporti con giornali, portali, radio, tv e influencers
TARGET
2 mesi
I 3 pilastri di una newsletter efficace
Dal tema, all’oggetto, ai contenuti: ecco cosa non puoi non sapere perché le tue e-mail vengano lette e “funzionino”
TARGET
2 mesi
Quando sarà possibile acquistare direttamente qualcosa su Facebook e Instagram?
In Svizzera (e non solo), Shops, la funzione creata per sostenere le vendite online, ha ancora un’importante lacuna
TARGET
2 mesi
Come scrivere inserzioni infallibili su Facebook
Le ads (o sponsorizzazioni) possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, ma solo se pensate e realizzate al meglio
TARGET
2 mesi
Ottenere offerte di lavoro, clienti e visibilità con LinkedIn (e un pizzico di SEO)
Alcuni consigli per lasciare il segno - e avere risultati concreti - utilizzando il social professionale per eccellenza
TARGET
2 mesi
Come scrivere un articolo efficace (e ben posizionato su Google) in 3 step
Rendi il tuo blog a prova di utente (e di motore di ricerca) e trasformalo in una fucina di contatti per il business
TARGET
2 mesi
Avere successo nel 2020? Non è una missione impossibile
Non solo crisi: guardando alla primavera, possiamo ispirarci a settori e strategie vincenti per affrontare il presente
TARGET
2 mesi
Hai aperto un e-commerce e vendi poco? Puoi portarlo al successo in 3 step
Ecco come ottenere più visibilità e soprattutto acquisti, per affrontare autunno e inverno con maggiore serenità
TARGET
3 mesi
Come non far bloccare la nostra attività da un (eventuale) nuovo lockdown
Ecco come molti dei business a rischio possono affrontare le conseguenze di un aumento dei contagi
TARGET
3 mesi
3 step per vendere online oggetti di design e arredamento
Creare un brand e farlo conoscere, raggiungere e assistere i clienti, renderli ambasciatori: ecco da dove cominciare
TARGET
07.01.2021 - 14:270

Facebook come strumento di vendita: funzioni e opportunità attuali, possibilità future

Tutto il percorso d’acquisto potrà svolgersi sul social, e in modo immersivo. Scopriamo di più con Nicola Fidenzio

Specialmente nell’anno che abbiamo appena vissuto, la velocità dei cambiamenti del web è stata incoraggiata dalla situazione globale, che ha trovato nei suoi strumenti delle soluzioni eccellenti per salvare molti aspetti della quotidianità, dalla socialità allo shopping.

Proprio in quest’ultimo ambito, Facebook e i suoi illustri colleghi hanno aperto le porte a un nuovo modo di concepire vendite e acquisti online, elaborando pubblicamente nuove funzionalità “Shop” - ancora disponibili in versione completa esclusivamente negli USA - che permetteranno agli utenti di conoscere e consultare prodotti e servizi, sceglierli e comprarli direttamente, senza cambiare piattaforma.

I social media sembrano non avere limiti nella versatilità d’uso, e sono sicuramente ben lontani dall’essere esclusivamente uno strumento per la brand awareness.

Ci siamo quindi chiesti: quando questa rivoluzione sarà effettivamente compiuta, come cambieranno le prospettive degli utenti, delle imprese e dei marketers che operano su queste piattaforme?

Nicola Fidenzio, nostro collaboratore, docente ed esperto di funnel marketing ha soddisfatto tutte le nostre curiosità.

Che cosa significa che "Facebook è uno strumento full-funnel", e perché è importante che le aziende locali lo sappiano (e lo sappiano usare)?

Domanda interessante, la cui risposta ha una doverosa premessa da fare. Che cos’è un funnel?
Online si legge di tutto, ma la definizione più gettonata parte dalla traduzione della parola inglese: il funnel è un “imbuto” di marketing… una descrizione che dice tutto e niente.

Io preferisco definire i funnel dei processi di marketing che partono dall’analisi del target di riferimento e lo accompagnano, per step crescenti di consapevolezza/avvicinamento al brand, nella direzione delle azioni di conversione da noi desiderate.

Sono un’attività di marketing innovativa? No: i funnel venivano utilizzati offline ben prima che gli venisse attribuito questo nome e, certamente, tutti noi ne abbiamo percorsi molteplici durante le nostre quotidiane esperienze di consumatori.

Quindi, torniamo alla domanda iniziale: che significa che “Facebook è uno strumento full-funnel”?
Parlando del brand Facebook, dobbiamo sempre rammentare che si tratta di un ecosistema pubblicitario estremamente ampio e articolato in cui rientrano, solo a titolo di esempio, WhatsApp, Instagram e Oculus (e diverse altre realtà!), ed è proprio a questa vastità di offerta per le aziende che dobbiamo guardare per comprendere il concetto di “full-funnel”.

Infatti, senza mai uscire dall’ecosistema Facebook, un’azienda ha la possibilità di analizzare nuovi potenziali clienti, profilarli, incontrarli, educarli per step di consapevolizzazione circa il proprio prodotto/servizio, accompagnarli verso un acquisto, far loro provare il prodotto attraverso la realtà virtuale e/o aumentata, seguirli con il customer care, ottenere referenze e recensioni e trasformarli in brand ambassador per ingaggiare nuovi prospects… il tutto sempre utilizzando prodotti marchiati Facebook.

Ora che abbiamo descritto il concetto, dobbiamo fare una precisazione: Facebook, oggi, è uno strumento quasi full-funnel, nel senso che è ancora mozzo di un’importantissima feature, la funzione Shop completa, che qui da noi non è ancora stata rilasciata.

 

Quando arriverà la funzione Shops completa, in Svizzera e in Italia, secondo te?

Credo presto, ma non mi risulta ci sia ancora una data certa per l’arrivo della completa funzionalità di Shops. Oggi, le aziende hanno la possibilità di creare una piccola vetrina e-commerce associata alle proprie pagine Facebook e Instagram, attraverso cui gli utenti possono visionare i prodotti e, cliccando sul tasto “Acquista”, venire reindirizzati verso l’e-commerce aziendale vero e proprio (esterno a Facebook).

Questo accade perché le transazioni di denaro necessarie all’acquisto attualmente vengono gestite da Facebook solamente negli USA, mentre nel resto del mondo siamo tutti in fremente attesa di poter sfruttare questa funzione.

 

Come se ne può fare a meno, al momento?

Al momento le aziende hanno necessità di disporre di un sito e-commerce proprietario, all’interno del quale portare gli utenti che scoprono i prodotti su Facebook o Instagram, per far loro completare l’acquisto.

Alternativamente, vediamo anche clienti, specialmente piccole attività locali, che gestiscono la cosa in maniera molto creativa, mostrando i prodotti sulla vetrina Facebook, per poi portare gli utenti all’interno di una chat WhatsApp attraverso la quale il customer care segue la trattativa e completa la transazione inviando un link PayPal.

Si tratta chiaramente di un processo un pochino macchinoso e poco scalabile, almeno finché l’azienda non potrà fare affidamento su chatbot evoluti in grado di gestire il cliente al 100% ed elaborare la transazione economica direttamente all’interno di WhatsApp.

Anche questa funzionalità, per ora disponibile solo in Brasile, dimostra chiaramente come Facebook si stia sempre più strutturando per diventare davvero full-funnel!

 

Come cambieranno le cose, a tua parere, quando arriverà la funzione Shops?

Si tratterà di una vera rivoluzione perché il customer journey ne risulterà estremamente arricchito, e le aziende non dovranno più “forzare” gli utenti a uscire dal terreno che ben conoscono e di cui si fidano (Facebook) per fare un primo acquisto su un sito e-commerce a loro sconosciuto, su cui probabilmente devono registrarsi e lasciare i dati della propria carta di credito… avverrà tutto in un luogo estremamente familiare, in cui si sentono “a casa”.
Ma, come in tutto, ci sono dei limiti.

Infatti, chi ha un e-commerce ben conosce l’importanza del fare azioni di remarketing basate sul comportamento di navigazione degli utenti: se hai aggiunto un prodotto alla tua WishList sul mio e-commerce, potrò mostrarti determinati tipi di inserzioni, se invece hai tot prodotti nel carrello, potrò mostrartene altre per ricordarti di completare l’acquisto.
Ecco, questo tipo di remarketing non sarà possibile attraverso gli Shops.

Analogamente, dovremo fare i conti con un catalogo di prodotti limitato e che, per ora, non prevede la possibilità di introdurre prodotti digitali, come videocorsi o musica.
Insomma, ritengo che il customer journey nella fase alta del nostro funnel sarà molto più semplice quando verrà rilasciata la funzione Shops completa anche da noi, ma le imprese avranno comunque la responsabilità di diventare proprietarie del proprio traffico e di fidelizzare i clienti utilizzando altre vie, sicuramente esterne al mondo Facebook.

 

Che cosa ha rappresentato per gli addetti ai lavori, e cosa rappresenta per i clienti l'acquisto di Kustomer da parte di Facebook?

Facebook ha speso un bel po’ di soldini (un miliardo di dollari, si vocifera) per acquistare Kustomer. Non è certo una sorpresa che l’azienda di Menlo Park voglia mettere le mani su quelli che prima abbiamo definito “chatbot evoluti in grado di gestire il cliente al 100%”.

Perché di questo si occupa Kustomer: creare degli operatori virtuali, operativi 24/7, capaci di gestire il dialogo coi clienti a 360°, che si tra ti di concludere un acquisto o di assistenza clienti.
Anche in questo senso, appare chiaro come Facebook voglia essere in grado di gestire l’intera filiera del customer journey mantenendo sempre gli utenti (e le aziende!) all’interno del proprio ecosistema.

Per gli addetti ai lavori tutto ciò significa che… c’è un mercato ancora vastissimo di aziende a cui fornire i propri servizi.

Per le aziende, significa che sarà sempre più facile a livello tecnico (attenzione, non a livello marketing!) vendere i propri prodotti online.

Per i clienti, significa che potranno fare affidamento a ogni ora del giorno a un’assistenza efficace ed efficiente per vivere al meglio la propria esperienza d’acquisto o di utilizzo dei prodotti acquistati.

 

Quale sarà il prossimo step per questo social media a livello advertising, secondo te?

Credo moltissimo negli investimenti che Facebook ha fatto e sta facendo sul terreno della Realtà Virtuale. In pochi sanno, infatti, che Facebook è proprietaria di Oculus (società produttrice di visori per la VR), una tecnologia che, nel 2020, ha visto esponenzialmente crescere i propri utenti.

Parliamo di un cambio di paradigma, sia nel mondo dei social network (e quindi dell'advertising) che nel mondo della gestione del customer journey, perché con la VR abbiamo la possibilità di abbattere virtualmente i limiti fisici, potenzialmente incontrando persone dall’altra parte del Mondo e interagendo con esse come se ci si trovasse nella stessa stanza.

Immaginate un social network in cui non stiamo davanti a uno schermo, ma immersi in un ambiente che sembra reale in tutto per tutto… e immaginate quanto sarebbero potenti le pubblicità se si inserissero in questo contesto! Ma sapete cosa c’è di bello? Che non serve nemmeno immaginarlo, perché è qualcosa che esiste già e si chiama Facebook Horizon!

Come avrete capito, di prospettive e potenzialità per questi strumenti non si vede la fine, e ci affascinano da quando hanno fatto il loro primo ingresso in rete. Da allora, le nostre abitudini sono cambiate profondamente, insieme alle nostre esigenze come utenti e professionisti.

Se avete un’impresa, siete retailer o professionisti, e vorreste promuovere prodotti e servizi online, potete rivolgervi a noi da subito: contattateci per una consulenza gratuita; come e con il nostro amico e collega Nicola Fidenzio, lavoriamo ogni giorno per seguire i nostri clienti e migliorare il loro business con il digitale.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 14:53:46 | 91.208.130.85