freepik
ULTIME NOTIZIE Target
Target
9 ore
Che cos’è il Nudge Marketing e perché le aziende devono usarlo
Scopriamo i segreti delle tattiche derivate da esso che molti professionisti mettono in pratica con successo
Target
1 sett
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 2
Torniamo ad approfondire gli aspetti più importanti della Search Engine Optimization con l’aiuto di Max Del Rosso.
Target
1 sett
3 consigli per ottenere più recensioni online
Se buone o cattive, dipenderà da voi, ma ecco come spingere gli utenti a scrivere di voi e crearvi una reputazione
Target
2 sett
Newsjacking Marketing: che cos'è e come usarlo al meglio
Come aumentare la visibilità online di un’attività commerciale tenendo d’occhio e commentando le notizie del giorno
Target
2 sett
Creator Economy: come monetizzare la nostra presenza online
Da utenti a realizzatori di contenuti il passo è breve. Ed è possibile (facilmente) costruirne un mestiere. Vediamo come
Target
3 sett
La fine di un’era? Cosa aspettarsi dall’eliminazione dei cookies di terze parti
Google ha annunciato che su Chrome, dal 2022, verrà eliminata questa modalità di tracciamento utenti.
Target
3 sett
Ottenere visibilità e contatti con le LinkedIn Ads: 3 consigli utili
I nostri suggerimenti per valorizzare al meglio le inserzioni a pagamento sulla piattaforma più “professionale”
Target
3 sett
Come la comunicazione (interna) influenza la produttività dei collaboratori
Anche il marketing verso i collaboratori è fondamentale: ne abbiamo parlato con l’esperto SUPSI Antonio Amendola
Target
1 mese
Marchi di successo e consumer trends: questione di identità (e non solo)
Con Monica Mendini, Docente-ricercatrice SUPSI, approfondiamo le ragioni della forza dei brand svizzeri più celebri
Target
1 mese
Marketing digitale per aziende e professionisti del design: quando la creatività è tutto
Ne abbiamo parlato con Camilla Bellini e Paola Leo, che ci hanno guidato nel loro - letteralmente - bellissimo settore
Target
1 mese
I segreti della SEO Off-Page secondo gli esperti. Episodio 1
Scopriamo un aspetto fondamentale delle strategie digitali con i nostri collaboratori Michele Sabatini e Stefano Schirru
Target
1 mese
Lead generation su TikTok? Per le aziende, ora è possibile
Anche il giovanissimo social ha lanciato una funzionalità che permette agli inserzionisti di raccogliere contatti
Target
1 mese
Google Optimize: un aiuto per migliorare l’efficacia di siti web ed e-commerce
Lo strumento che ci aiuta a capire come migliorare l’esperienza degli utenti e il tasso di conversione
Target
1 mese
LinkedIn Marketplaces: che cos’è, perché dovresti conoscerlo e quando verrà lanciato
Ecco come funzionerà la nuova funzionalità della piattaforma che incentiverà il contatto tra aziende e professionisti
Target
1 mese
Digitalizzazione, customer experience, sostenibilità: cosa aspettarsi dal futuro (e dal presente)
Abbiamo fatto il punto su ciò che sappiamo (e non sappiamo) con la docente ricercatrice SUPSI Daina Matise Schubiger
Target
1 mese
3 trend di digital marketing da cui ci aspettavamo di più
Ogni momento è buono per fare un bilancio e capire quali tendenze abbiano sortito meno effetti del previsto
Target
1 mese
ROI, questo (s)conosciuto: che cos’è e come prevederlo
Tra le metriche di marketing, ci concentriamo sul Ritorno sull’Investimento insieme a Francesco Micali e Daniele Vinci
Target
2 mesi
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 2
Abbiamo fatto qualche domanda ad altri tre esperti: Matteo Cremaschi, Simone Intelisano e Cecilia Brenni
Target
2 mesi
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
2 mesi
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
2 mesi
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
24.10.2020 - 12:300

3 step per vendere online oggetti di design e arredamento

Creare un brand e farlo conoscere, raggiungere e assistere i clienti, renderli ambasciatori: ecco da dove cominciare

ll pensiero creativo è parte fondamentale del modus operandi di chi lavora nel design, in particolare di chi si occupa di oggetti per interni: questo settore, infatti, sta diventando, in alcuni casi, una vera e propria emanazione dell’arte, unendo la funzionalità necessaria alle applicazioni alla vita quotidiana alle suggestioni concettuali e agli aspetti prettamente economici e manageriali di ogni business.

Le aziende che si occupano della realizzazione e della vendita di prodotti di design devono tenere conto di diversi aspetti, dalla fase di ideazione vera e propria alla produzione, fino alla distribuzione e alla vendita.

In un ambito dinamico e cangiante quello del design, quindi, una buona strategia di marketing digitale può rivelarsi un alleato potente ed efficace per assicurarsi una sicura riconoscibilità e dei mercati obiettivo. Gli strumenti digitali, oltre che efficaci, consentono infatti di essere innovativi anche nella proposizione di sé e dei propri oggetti e progetti, trasmettendo, quindi, anche in rete, lo spirito che li caratterizza.
Per questo, abbiamo pensato di suggerire, a chi opera nel settore, alcune delle tante possibili direzioni da percorrere, in tal senso, online.

 

Creare un brand e conferirgli awareness

Così come le correnti artistiche nella storia, spesso anche chi si occupa di design ha una propria poetica, che si riflette sui prodotti, e perfino sulle modalità con cui conduce l’azienda, piccola o grande che sia. Tutto questo può contribuire all’identificazione del proprio brand, ovvero l’immagine dell’impresa - e degli oggetti - da proiettare all’esterno, un insieme di valori ed elementi visivi da mostrare al pubblico che ci segue, sulla cui base costruire, mediante i canali di comunicazione, un rapporto via via sempre più stretto con clienti e potenziali tali.

D’altro canto, generare e far crescere la sua awareness significa raggiungere le nostre target audiences con contenuti che la evochino, portandole poi, sempre di più, verso la considerazione e l’intento di acquisto di ciò che l’azienda o il professionista realizza: gli strumenti digitali, grazie alla loro immediatezza e versatilità, si prestano proprio a puntare a questi obiettivi e a misurarne il livello di raggiungimento.

Dal punto di vista pratico, si può cominciare da subito a riflettere, ad esempio, sui contenuti da pubblicare sui propri social account o sul sito corporate. Prevedere dei momenti di presentazione dello staff, dal team tecnico e produttivo a quello creativo, o raccontare la storia del lavoro o dell’organizzazione per conferirle più tridimensionalità dal punto di vista emotivo. Coinvolgere il nostro pubblico facendolo entrare dietro alle quinte dei processi operativi, parlargli di come nascono le idee e del perché si distinguono da quelle dagli altri. Mettere in campo tante possibilità, a costo zero, per definire la propria immagine agli occhi degli interlocutori.

 

Disporre di una piattaforma e-commerce e organizzare al meglio il customer care

Se ci occupiamo anche della fase di retail al pubblico, valutare l’apertura di un canale per la vendita online è doveroso, non solo consigliabile. Questo vale soprattutto per chi si occupa di oggetti di taglia media o piccola, per pure ragioni logistiche di comodità nell’organizzazione di eventuali spedizioni, ma l’esperienza dell’anno in corso ci ha insegnato che ormai qualsiasi cosa è acquistabile in rete, compreso l’arredamento più abbondante.

Dunque, perché non approfittare di una strada nuova e dinamica attraverso cui intercettare nuovi clienti e appassionati di design? L’investimento economico, con un po’ d’intraprendenza, può essere affrontato con un budget di partenza contenuto: molte piattaforme per l’autoproduzione di e-commerce, infatti, sono gratuite o quasi. Anche rivolgendosi a un esperto per la parte tecnica della costruzione del sito, utilizzare strumenti di questo genere aiuterà comunque a contenere i costi iniziali. Le risorse risparmiate potranno essere subito investite in annunci a pagamento mirati su Google e in inserzioni sui canali social, assolutamente essenziali a stimolare le vendite.

Proprio questi ultimi, oltre ai canali di contatto standard ed eventuali chat sulla piattaforma e-commerce, saranno elementi chiave nel completamento della strategia, facendo da tramite tra l’azienda e gli acquirenti. Questi, infatti, dovranno sempre essere consapevoli che il servizio clienti è a loro disposizione, reattivo e facilmente contattabile in ogni fase dell’acquisto, allo scopo di assistere negli aspetti tecnici e di garantire sicurezza e professionalità.

 


User generated content: il passaparola digitale

Come abbiamo scritto poco sopra, per entrare in contatto su un piano emotivo con i nostri clienti dobbiamo lavorare sul loro coinvolgimento attivo, affinché si affezionino al nostro brand e siano ben disposti, dopo l’acquisto, a parlarne bene con altri, o a promuoverlo attraverso i propri canali social. Proprio così: chiunque compri i nostri prodotti o i servizi correlati dovrebbe diventare un nostro advocate, ovvero un sostenitore spontaneo, che diffonde l’immagine del marchio volontariamente, poiché profondamente soddisfatto di ciò che ha ricevuto.

Per fare questo, solitamente, i nostri advocates parlano alla propria rete di contatti condividendo con loro contenuti che poi, per l’impresa, saranno i cosiddetti UGC, ovvero user generated content. Quando sono gli utenti stessi a produrre foto, video o semplici commenti che riguardano la tessa e i suoi prodotti, è bene considerarli delle importanti risorse, poiché, nella loro semplicità, funzionano in due direzioni differenti: da una parte, aumentano la visibilità “non sponsorizzata” su feed di utenti che potrebbero non conoscere ancora l’azienda, o non sapere esattamente di cosa si occupa e cosa offre; dall’altra, quando è un cliente a lodare il marchio, la credibilità del brand agli occhi del pubblico cresce, e si rivela spesso più immediata ed efficace di costose campagne con testimonial, perché vista come un’esperienza più genuina e sincera.

Se anche voi vi occupate di design, questi pochi e significativi consigli potrebbero aver acceso qualche lampadina. Così come dietro il vostro lavoro, anche alle spalle delle strategie di digital marketing - apparentemente - più semplici, c’è l’elaborata tessitura di un lavoro che unisce idee, competenze e professionalità. Per questo, molti brand scelgono di affidarsi a degli esperti della comunicazione online, per assicurarsi che le proprie risorse siano investite in maniera ottimale. Volete saperne di più? Contattateci per una consulenza gratuita: vi spiegheremo più approfonditamente di cosa ci occupiamo e come possiamo aiutarvi a far crescere il vostro business.


Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 19:32:01 | 91.208.130.87