ULTIME NOTIZIE Target
Target
1 gior
Digital Marketing, i trend del 2022 / 1 – L’implacabile ascesa dei Creator
Chi crea contenuti e influenza comunità di consumatori piccole, solide e specifiche avrà sempre più potere. Ecco perché
Target
4 gior
La corsa di Instagram contro TikTok: ufficiale l’estensione delle Stories a 1 minuto
Un’ottima notizia per chi le utilizza e vuole evitare la frammentazione dovuta alla durata massima di 15 secondi
Target
1 sett
Travel blogger e influencer: che cosa fanno e quanto sono efficaci nel promuovere il territorio
«Non vendiamo: raccontiamo e siamo credibili. Così influenziamo gli utenti». Ne abbiamo parlato con Veronica Crocitti
Target
2 sett
Come sfruttare il principio di scarsità, una delle leve di marketing più potenti
Paura di perdere un’occasione: perché disponibilità e tempo limitati ci fanno ritenere indispensabili prodotti e servizi
Target
2 sett
8 errori che ostacolano il posizionamento del vostro sito su Google
Sottovalutare alcune regole SEO incide sul valore attribuito alle pagine come risposta alle ricerche degli utenti
Target
3 sett
Più lavoro per gli indipendenti: LinkedIn lancia Service Marketplace
Pensato per professionisti e aziende di consulenza B2B, permetterà di trovare opportunità professionali a breve termine
Target
4 sett
Marketing per il turismo e gli alberghi: errori, opportunità, scenari futuri
«Gli ospiti sono al centro. Ma non tutti lo hanno ancora capito». Stefano Mazzamuto ci svela i nuovi trend del settore
Target
1 mese
La svolta di Instagram: ora chiunque potrà inserire i link nelle Stories
Finisce l’era dell’esclusività, dello “Swipe Up” e dei 10mila follower necessari a collegarle con un contenuto esterno
Target
1 mese
Postare su Instagram da pc: ora (finalmente) sarà possibile per tutti
Dopo Creator Studio per pagine e account business, arriva l’attesissimo Instagram Desktop Posting
Target
1 mese
Addio alle pagine dei risultati di Google: arriva lo scorrimento continuo
Quanto servirà adesso posizionarsi al meglio sui motori di ricerca, e come cambieranno le tecniche SEO per riuscirci?
Target
1 mese
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! (Seconda parte)
Scandali politici, un algoritmo penalizzante, aumento dei costi per l’advertising: il social di Zuckerberg è a rischio?
Target
1 mese
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! Parte 1 di 2
Reach organica ai minimi, problemi di dati e privacy, fuga dei giovani. Ha ancora senso investire su questo social?
Target
1 mese
Il successo su Instagram? È questione di formato
Ogni tipo di contenuto che possiamo pubblicare sulla piattaforma ha degli scopi precisi: scopriamoli tutti insieme
Target
2 mesi
Bias: pregiudizi della mente che ci inducono in errore. E che i marketer utilizzano
Molte scelte quotidiane, anche d’acquisto, sono legate a scorciatoie mentali rapide, impulsive e spesso illogiche.
LUGANO
07.10.2018 - 15:120

Il funzionamento di Google è cambiato: che cos'è il Medic Update

Da pochi mesi, il motore di ricerca più usato al mondo ha annunciato di valutare i siti web e posizionarli tra i risultati sulla base di criteri nuovi e poco conosciuti anche dagli esperti

Agosto 2018: con un semplice tweet , Google annuncia di aver rilasciato un aggiornamento al proprio algoritmo di base, ovvero al modo in cui valuta e posiziona i siti sulle proprie pagine dei risultati. Una notizia apparentemente di scarso rilievo e strettamente tecnica, che però crea il panico tra chi si occupa di web, a qualsiasi livello, come sempre accade quando il più importante motore di ricerca al mondo effettua una modifica sostanziale al proprio funzionamento. Google, infatti, è utilizzato dal 90% delle persone nel globo e che cercano informazioni online. Salvo che per chi abbia particolari interessi in Russia o Cina, dove esistono rispettivamente Yandex e Baidu, posizionarsi su Google equivale a ottenere visibilità globale sul web. Un dato utile a capire quanto profondo, rilevante, significativo sia lo sconvolgimento che segue ad un aggiornamento di “Big G”.

Andiamo per ordine, e cerchiamo brevemente di capire come funzioni Google. Attraverso dei programmi definiti crawler, scansiona tutti i siti presenti nel web, valuta ogni parola e informazione presente in ogni singola pagina, e poi li ordina e li classifica in base alle ricerche effettuate dagli utenti. Viene determinato, quindi, in base alle diverse ricerche di ogni utente (query), il posizionamento di tutte le pagine presenti sul web in una classifica di rilevanza. Graduatoria che determinerà la presenza di una pagina web nella prima pagina dei risultati (se Google la riterrà straordinariamente affidabile e rilevante per la ricerca) o in milionesima (qualora non la ritenesse assolutamente adatta a rispondere all’esigenza di ricerca dell’utente).

Come? Attraverso un algoritmo, quindi a “una sequenza di istruzioni codificate in un linguaggio specifico, finalizzata al raggiungimento di un risultato altrettanto specifico”. Facile, quindi, andare in prima pagina su Google: basterà seguire pedissequamente il contenuto di ogni singolo aggiornamento all’algoritmo!
Caratteristiche dell'algoritmo e contenuti di ogni aggiornamento, però, non sono pubblici e allo stesso tempo i fattori che concorrono a determinare il posizionamento di una pagina web sono oltre 200.

Quanto è importante posizionarsi bene su Google? Un altro dato ci aiuta a fotografare con precisione la rilevanza di questo aspetto: più del 90% delle visite relative a una ricerca, va a quelli presenti nella prima pagina dei risultati. Ecco spiegato perché, ad ogni grande aggiornamento dell’algoritmo di base del colosso di Mountain View, il mondo del web ne risulti sostanzialmente sconvolto.

Come accaduto con l’aggiornamento di fine estate: da un giorno all’altro, alcuni siti hanno perso migliaia, decine di migliaia, fino a milioni di visitatori, a vantaggio di altri portali che hanno improvvisamente scalato le classifiche perché maggiormente conformi ai nuovi parametri scelti da Google.

Ad essere stravolte non sono solo le graduatorie dei risultati di ricerca, ma anche quelle che fino a quel momento erano state considerate delle buone pratiche da seguire per ottenere un buon posizionamento.
Queste le conseguenze del “Medic Update”, com’è stato definito tra addetti ai lavori l’ultimo aggiornamento, alla luce del fortissimo impatto avuto soprattutto su tutti i siti che trattano argomenti come salute e benessere, sebbene i portavoce di Google abbiano smentito si tratti di un update di tipo settoriale.

Il tempo trascorso dall'aggiornamento è ancora troppo breve per poter tracciare con precisione quali siano i parametri modificati e le nuove best practices da seguire. Serviranno mesi e lo studio dei più importanti SEO (Search Engine Optimization) Specialist al mondo per arrivare a delle conclusioni univoche. Ciò che è già intuibile è che Google, con questo aggiornamento, voglia innanzitutto provare a valutare con maggiore severità e attenzione l’affidabilità delle pagine che trattano argomenti cruciali per le persone, come appunto la salute.
Google, peraltro, dispone di un team di valutatori della qualità della ricerca, che esaminano siti e pagine dei risultati manualmente, valutandoli in base a un vademecum anch'esso aggiornato di recente. Ai valutatori infatti, non viene più richiesto soltanto di valutare la qualità del contenuto, ma anche di considerare se la pagina ha un effetto benefico, e quanto e come ne guadagnerebbe un utente visitandola. Da una prima analisi, insomma, sembra che il Medic Update abbia provato a migliorare la corrispondenza tra intento di ricerca e risultati, che è poi la missione di Google fin dal principio: essere la migliore risposta possibile a ciò che cercano gli utenti.

Vuoi che le pagine del tuo sito web siano ottimizzate considerando ciò che si sa, ad oggi, del Medic Update di Google? Rivolgiti a noi per ricevere maggiori dettagli, e un PREVENTIVO GRATUITO PERSONALIZZATO.

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 14:20:17 | 91.208.130.87