ULTIME NOTIZIE Target
Target
3 gior
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
1 sett
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
Target
4 sett
Aumentare le vendite online curando lo ZMOT: che cos’è il Momento Zero della Verità
Le regole di base da seguire per trarre il meglio quando un potenziale cliente si informa su di noi
Target
1 mese
Come curare la propria immagine sul web
Come ci presentiamo, offline e online, fa la differenza: ce lo ha raccontato Michele Di Paolo, consulente d’immagine
Target
1 mese
Parola d’ordine? I termini più persuasivi del copywriting
Scopriamo insieme come e perché alcune espressioni incoraggiano a compiere determinate azioni.
Target
1 mese
Quando la musica fa la differenza: marketing e sound design
I componenti di 8 Hz ci hanno raccontato in che modo il suono sta cambiando le regole del gioco in comunicazione
Target
2 mesi
Conversational Marketing: non solo comunicazione, ma dialogo
Lo scambio di feedback tra cliente e brand è al centro di questo approccio orientato a creare relazioni di valore
Target
2 mesi
Advergame: quando il marketing incontra i videogiochi
Divertenti, mai invasivi e molto coinvolgenti: ecco in cosa consiste questa interessante categoria del gaming
Target
2 mesi
Ristoranti e hotel in Ticino: che cosa è cambiato negli ultimi 18 mesi?
Ne abbiamo parlato con l’esperto Gzim Sinani, che ci ha raccontato il suo punto di vista sull’argomento
Target
2 mesi
Come gestire progetti digitali complessi? La parola agli esperti
Fare il Project Manager è un’avventura sfidante e articolata: ce la raccontano Emanuele De Pasquale e Marziale Brusini
Target
2 mesi
L’arcobaleno dei brand: 3 iniziative di digital marketing nel mese del Pride
“Rainbow washing” o sostegno sincero alla causa LGBTQ+? Ecco cos’hanno fatto alcuni grandi marchi.
Target
2 mesi
Digital Marketing per le università? Si può: vediamo come
L’esperto Francesco Laezza ci ha aiutato a scoprire di più sulla comunicazione delle istituzioni di alta formazione.
Target
2 mesi
La bellezza del digitale: come si fa web marketing per il settore Beauty?
Lo abbiamo chiesto a chi se ne intende: il consulente e docente Francesco Laezza ci ha raccontato alcune curiosità.
LUGANO
29.08.2018 - 09:230

Come creare un fenomeno social: 10 consigli per realizzare contenuti “virali”

Esiste davvero una ricetta far parlare migliaia... milioni di persone di ciò che vogliamo, o avviene solo per caso? Seguite queste regole, e avrete delle chances di farcela!

Video da milioni di visualizzazioni, foto e meme che tutti commentano: contenuti, insomma, che sembrano avere qualcosa di “speciale”, capace di provocare negli utenti un bisogno irresistibile di condividerli con i loro amici. È il mito della viralità: espressione di rara bruttezza, mutuata dall'epidemiologia, ma capace di fotografare in modo fedele e immediato lo sviluppo di un fenomeno che si propaga attraverso il contatto, la condivisione, la rete tra le persone: tutti elementi che permettono ai contenuti di diffondersi in modo veloce, incontrollato, esponenziale.

La magia del viral marketing è che messaggi e annunci passano di persona in persona, di bacheca in bacheca, semplicemente perché suscitano amore e interesse, odio, disgusto o forte discussione, e infine perché conquistano talmente la scena da divenire argomenti di conversazione, di attualità. Le persone stesse, i consumatori della campagna, quindi, ne sono gli attori principali attraverso reazioni (es. like), commenti, visualizzazioni, condivisioni. In questo caso, dopo il lancio della campagna, l’inserzionista non deve far altro che aspettare, leggere e misurare i risultati, orientare di conseguenza la comunicazione, raccogliere dei nuovi risultati e così via proseguendo.
Fantastico, vero? Peccato che non sia così semplice ottenere questo risultato. Anzi, meno dell’1% dei contenuti è in grado di raggiungere lo stato di “virale”.
Iniziamo allora a chiederci che cosa possa rendere vincente una campagna pubblicitaria che abbia questo scopo.

  • 1) Il primo passaggio fondamentale per creare contenuti potenzialmente virali è capire in modo preciso e preventivo il proprio pubblico di destinazione. Solo se il post/video/meme parlerà alle persone giuste e in modo unico, convincente e memorabile, queste saranno desiderose di condividerlo. Creare l’identikit del proprio utente tipo renderà molto più semplice questa operazione: vanno raccolte le informazioni demografiche e psicografiche, va definito il tipo di contenuti verso i quali normalmente è più ricettivo, va individuato cosa sia importante per lui (il motivo scatenante) quando considera un acquisto e/o condivide contenuti online.
  • 2) Ogni piattaforma social è diversa, va scelta quella più appropriata ed il contenuto creato dovrà essere differente a dipendenza del canale scelto. Su Instagram una foto con didascalia accattivante o una stories, su LinkedIn un articolo, su Facebook un video (il formato più premiato nella diffusione dall'algoritmo)...
  • 3) L’orario di pubblicazione è cruciale. Ogni audience ha i propri ritmi, e individuare i periodi di tempo durante i quali i propri clienti passino maggior tempo sui social media è decisivo per permettere a un contenuto di ricevere la massima visibilità.
  • 4) Collaborare con gli influencer può fare la differenza. Non è necessario rivolgersi alle web-star (che chiederebbero cifre a molti zeri...) per ottenere risultati notevoli. Moltissime persone sono opinion leaders nella loro rete di contatti: anche i micro-influencer, così si chiamano, hanno dunque la capacità di offrire ai brand una copertura migliore. Aggiunge carburante prezioso a una campagna di marketing virale, andando a intercettare segmenti di pubblico che altrimenti sarebbero irraggiungibili, anche investendo molti soldi in advertising.
  • 5) Il contenuto funziona? Prova a coinvolgere i media per avere un ulteriore e naturale megafono della tua iniziativa. Il post ha ottenuto migliaia/milioni di visualizzazioni, la gente ne parla e sta reagendo positivamente alla tua campagna: segnala la cosa alla stampa con un comunicato che racconti il fenomeno, come si è sviluppato e che risultati, in termini di coinvolgimento degli utenti del web, ha generato.
  • 6) I contenuti devono creare coinvolgimento. Bisogna chiedersi sempre, “se dovessi vedere, leggere o sentire questo per la prima volta, mi farebbe venir voglia di condividerlo?". La risposta deve essere affermativa, ma non basta. È necessario chiedersi anche se il nostro post è capace di suscitare un’emozione, se abbia un motivo per commentato e per essere memorabile, riuscendo a differenziarsi in modo chiaro dal marasma di contenuti cui ognuno di noi è sottoposto quotidianamente.
  • 7) Punta molto sul fattore emotivo, in quanto avrai più possibilità di coinvolgere le persone, che saranno più propense a condividere il tuo messaggio.
  • 8) Lega i tuoi contenuti a temi (o sentimenti) di attualità. Riuscire a produrre un post con scopi di marketing che sia memorabile prendendo spunto da ciò che è di tendenza è un asso nella manica per il successo. Significa inserirsi in una conversazione globale, con tempestività e originalità, su un tema che già tutti conoscono o un sentimento diffuso, sul quale l’attenzione è alta e le persone sono sensibili in quel preciso momento.
  • 9) Non lasciare che il coinvolgimento creato e che la viralità del contenuto vada sprecata: studia un piano e gli step da seguire, nel corso del tempo, per ravvivare il fuoco, fornendo sempre un invito all’azione. Metti in chiaro cosa dovrebbero fare le persone dopo aver visualizzato il tuo contenuto. Registrarsi per una prova gratuita? Effettuare un acquisto scontato? Sono ottimi esempi per ottimizzare gli effetti generati dalla tua campagna virale.
  • 10) Misura sempre le prestazioni del tuo contenuto per ottimizzarlo e creare poi campagne ancora più performanti in futuro, o far fungere il contenuto a supporto di campagne o scopi a corollario. Strumenti di social media monitoring sono molto utili per analizzare la diffusione dei nostri messaggi, e comprendere in modo più dettagliato cosa abbia funzionato e cosa lo abbia fatto meno, se è necessario apportare modifiche o cambiare rotta.

Stai pensando a una campagna innovativa e potenzialmente virale per rivitalizzare il tuo business? Chiedici una CONSULENZA GRATUITA PERSONALIZZATA, per scoprire come padroneggiare i social media possa farti ottenere risultati sorprendenti!

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 08:14:00 | 91.208.130.85