Ated
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
EUROPA
1 gior
Social, digitale e AI: quali regole e diritti?
STATI UNITI
3 gior
La guerra dello streaming video
Amazon ha acquistato la Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) per 8,45 miliardi di dollari.
STATI UNITI / FRANCIA
6 gior
Lvmh e Google insieme per AI e innovazione cloud
Un accordo inedito che vede due giganti collaborare sulle “nuvole” e attraverso l’Intelligenza Artificiale
CANTONE
1 sett
Italia vs Svizzera: è sfida sulla user experience
Un’indagine di AvantGrade.com analizza come i siti d'Italia e Svizzera si classificano per usabilità e logiche SEO.
CANTONE
1 sett
L’intelligenza artificiale entra in banca
Le gestioni patrimoniali di Banca Credinvest si avvalgono dell’Intelligenza Artificiale di MDOTM
ated ICT Ticino
1 sett
Etsy acquista Depop per 1,6 miliardi di dollari
La piattaforma di vendite online Etsy ha comprato l’applicazione di vestiti usati Depop
CANTONE
2 sett
Lo Showroom grazie ai social diventa itinerante
La chiusura del negozio fisico durante la pandemia ha aperto a nuove formule di vendita.
ATED ICT TICINO
2 sett
Crittografia: l’asso nella manica per la sicurezza aziendale
Come rendere più sicure le imprese adottando soluzioni affidabili
MONDO
3 sett
I brand del lusso più popolari online
Uno studio di Luxe Digital ha analizzato oltre 3.000 aspetti basandosi sulle statistiche di Google.
STATI UNITI
3 sett
Commercio: c’è chi apre e chi chiude
Google sceglie New York per aprire il suo primo negozio monomarca.
ATED ICT TICINO
3 sett
Trovare lavoro se si è teenager
Una startup ticinese si propone un obiettivo ambizioso
ated ICT Ticino
4 sett
Ated4kids on the road e Coderdojo
Una giornata dedicata a tecnologia e innovazione alla Cascina dei Bellunesi a Ponte Capriasca.
ATED ICT TICINO
1 mese
La vacanza-studio per giovani appassionati di informatica
Dal 23 al 27 agosto 2021 arriva il TEENformatiCAMP, organizzato dalla SUPSI
ated ICT Ticino
1 mese
Ticinsect premiata dal WWF
La startup elvetica riceve il riconoscimento fossil-free da WWF Svizzera
ATED ICT TICINO
08.02.2021 - 08:130

Nuovi social: arriva Clubhouse

La piattaforma giunge in Europa e scommette sulla voce, grazie a un servizio di chat audio.

È il canale social sulla bocca di tutti da qualche giorno. Si chiama Clubhouse e arriva direttamente dalla Silicon Valley. Parliamo di un’applicazione che offre un servizio di chat audio, ovvero la possibilità di creare stanze in cui ascoltarsi e parlarsi, su temi specifici, in tempo reale. Nel descriverla, Carola Frediani, giornalista e cybersecurity awareness manager, ma anche autrice di libri sui temi della cybersicurezza e ideatrice della newsletter settimanale “Guerre di rete” osserva che: «Va pensata come una app per partecipare a conferenze o tavole rotonde, o meeting di gruppo, tutto solo via audio. Stanze in cui ci sono degli speaker ma dove gli ascoltatori possono intervenire alzando virtualmente la mano». 

Clubhouse in realtà è stata lanciata quasi un anno fa con 2 milioni di utenti, ma ha incassato già 100 milioni di dollari di investimento dalla società di venture capital Andreessen Horowitz. L’applicazione made in San Francisco finora si è diffusa col sistema degli inviti e delle liste d’attesa. Sappiamo che questo è un meccanismo di marketing collaudato, che fa leva su senso di esclusività e scarsità indotta artificialmente. Ma negli ultimi giorni sembra puntare a espandersi sul mercato europeo, dove un buon numero di utenti sta entrando per affollarla, al ritmo di mezzo milione a settimana. Carola Frediani che l’ha testata ci dice che: «L’esperienza di utilizzo è molto funzionale e semplice, si apre, sono segnalati alcuni eventi/stanze, si possono calendarizzare quelli futuri, si può saltare in una stanza di quelle attive in quel momento, ascoltare, uscire in silenzio. Per ora c’è una prevalenza netta di inglese (più varie stanze tedesche, infatti in Germania sta andando forte, ma stanno iniziando anche quelle italiane). I temi che si incontrano di più, calcolando anche il bacino iniziale selezionato di utenti, sono soprattutto business, marketing, brand, crescita personale, futuro del tech, startup. È come prendere una vecchia chat IRC, iniettarci un audio di qualità podcast, spruzzarlo con un aroma di convegno, caffè e ciambelloni, risciacquando il tutto nei fiumi della Silicon Valley. Un po’ stucchevole, un po’ irreale. Ma, per ora, tecnicamente pulito e funzionante». 

Un punto interessante riguarda, però, il tema della privacy e proprio Carola ha sottolineato in modo appuntito la questione. «L’app è anche un social, non solo perché per ora le persone sono invitate, ma anche perché ci si segue a vicenda, come in tutte le reti sociali. Per fare tutto ciò Clubhouse è estremamente insistente nel richiedere l’accesso alla rubrica telefonica. Si può negare ma solo con pervicacia e col risultato di non poter invitare nessuno (perché per invitare anche solo due persone vuole l’accesso alla rubrica, e non lo si può fare inserendo una mail). La richiesta mi ha colpito e sono andata a cercare un po’ in giro scoprendo che aveva colpito anche il garante per la protezione dei dati di Amburgo, Johannes Caspar. Secondo Caspar, Clubhouse non soddisferebbe i requisiti del Regolamento europeo sulla privacy (GDPR), in quanto la sua dichiarazione sulla protezione dei dati non terrebbe conto di tali requisiti, non verrebbe nominata una persona di contatto e in più l’applicazione obbligherebbe a condividere la propria rubrica con il servizio se si desiderano invitare altre persone, una funzione centrale dato che il servizio si basa su inviti, riferisce la testata tedesca Handelsblatt. E non è chiaro come vengano usati quei dati, scrive anche la tedesca DW. Vista la crescita degli utenti europei e italiani, sarebbe interessante vedere che ne pensano anche gli altri garanti».

Insomma, come tutti i club esclusivi, la selezione all’ingresso prevede che il gestore sappia molto di noi o che per lo meno osservi un po’ troppo da vicino la nostra rubrica di contatti e relazioni.

Ovvero, un nostro patrimonio di dati che sarebbe giusto custodire con una certa attenzione.

CHI È ated – ICT Ticino
ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

Carola Frediani
Ingrandisci l'immagine

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 05:45:59 | 91.208.130.87