Deposit
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ICT ATED TICINO
1 gior
I primi 40 anni di Pac Man
Lanciato sul mercato in Giappone nel maggio 1980 è il videogame più popolare di tutti i tempi insieme a Super Mario
ATED
3 gior
I Bachelor SUPSI in Ingegneria gestionale e informatica PAP anche in modalità blended learning
Da settembre una nuova opportunità di formazione universitaria professionale che coniuga studio e lavoro
ATED
5 gior
Da Apple un nuovo aggiornamento IOS contro il Covid-19
Dal contact-tracing al miglioramento del FaceId quando si indossa la mascherina, ecco le novità del sistema operativo Ap
ICT ATED TICINO
1 sett
Google Maps ha compiuto 15 anni
Oltre 1 miliardo di persone gli utilizzatori mensili delle mappe di Google (preCovid), nate a inizio 2005
ATED
1 sett
L’obbligo di comunicazione delle violazioni di sicurezza: da FINMA alla futura Legge federale sulla protezione dei dati
Contributo dell’avv. Gianni Cattaneo, Studio legale CBM (www.cbm-lex.ch)
FOTO
ICT ATED TICINO
1 sett
#Coronavirus: terreno fertile per le mail di phishing
Quali sono gli attacchi più diffusi, come riconoscerli e arginarli?
ATED
2 sett
Introduzione allo sviluppo di videogiochi con Construct 3
Vuoi costruirti da solo un tuo videogame? Trovi nella guida di Michel Palucci le fasi per realizzarlo in autonomia
CANTONE
2 sett
Il #coronavirus spopola sui social
Un'analisi di intarget ha fotografato da dicembre a fine aprile come sui social svizzeri si è parlato della pandemia.
ICT ATED TICINO
2 sett
La tecnologia al servizio del post pandemia
Con DOS Group soluzioni di business complete e affidabili per rinnovare strumenti e processi aziendali
ATED ICT TICINO
3 sett
RSI tra tecnologia e informazione
Maurizio Canetta ci spiega come la pandemia abbia ridefinito il ruolo dei media e della comunicazione di qualità
ATED
3 sett
Il lockdown triplica i nuovi consumatori online in Italia
Sono 2 milioni i nuovi consumatori online in Italia e l’ecommerce è il settore che crescerà di più a livello mondiale
ATED ICT TICINO
3 sett
La notte del racconto (anche) in veste digitale
Podcast per l’ascolto di audiostorie sul sito www.solidarietadigitaleated.ch e al via un concorso per bambini e ragazzi
ATED ICT TICINO
1 mese
Anche la formazione migra online
Al via i webinar targati Ated Academy per i professionisti
SPONSOR
1 mese
Servizi indispensabili tra sicurezza e tecnologia
AIL porta nelle case ticinesi l’elettricità e i servizi fondamentali per tutte le nostre attività domestiche
ATED
1 mese
Video Conferenze: questa volta tocca a Teams!
Non c’è pace per i software di comunicazione e collaboration in tempi di Covid-19
CANTONE
10.04.2020 - 09:050

La gestione del tempo nell’era del “forced” smart working

E tutto ad un tratto lo smart working è diventato quotidiana realtà, anche se in maniera forzata…

di Davide Proverbio, Partner Prowork International Swiss

LUGANO - Da qualche giorno siamo alle prese con una realtà inimmaginabile fino a qualche settimana fa: video conferenze che si svolgono in cucine o soggiorni trasformati in uffici, scrivanie condivise con colleghi di lavoro minorenni impegnati nell’e-learning, irrefrenabili impulsi di spuntini e pause caffè e improbabili tenute da lavoro.

Le alternative non ci sono o almeno non per tutti: la scelta è fra soccombere o adattarsi il prima possibile alla nuova realtà lavorativa nella certezza che, finita l’emergenza, questo resterà forse un modello presente nelle aziende.

Quali sono gli aspetti principali dello smart working da comprendere per essere pronti a superare le sfide che ci attendono?

Lo spazio e il tempo sono i principali attori negli ambienti di smart working. Qui assumono un significato differente rispetto alla tradizionale routine lavorativa: il tempo del lavoro rischia di non distinguersi da quello domestico, gli spazi dedicati al lavoro e in cui ci si può sentire “come in ufficio” vanno conquistati e difesi. Lo spazio e il tempo del lavoro si confondono con lo spazio e il tempo della famiglia.

Ma è nelle relazioni umane che avvengono i cambiamenti più importanti: accanto alla virtualizzazione dei rapporti di lavoro si materializzano rapporti familiari che prima non esistevano, esseri umani con cui condividere gli spazi, il tempo e i rispettivi bisogni. Reciproche esigenze da bilanciare, affetti da curare, emozioni e sentimenti da bilanciare con i doveri e gli impegni professionali.

Prendiamo l’esempio delle video conferenze, entrate ora nella quotidianità di tutti noi. Dall’esperienza personale e ascoltando molti miei colleghi le frasi più ripetute sono: “passo la maggior parte del mio tempo a fare riunioni on line” oppure “non ho uno spazio in casa dove posso stare tranquillo per le mie riunioni” o ancora “è difficile fare una riunione se devo gestire anche le dinamiche familiari”.

Nella gestione delle video conferenze emerge l’importanza non solo di trovare gli spazi idonei e il setting più efficace ma anche la necessità di efficientare i tempi, l’esigenza di difendere spazi e tempi dalle interferenze tipiche dell’ambiente familiare e a volte l’imbarazzo e il timore di essere giudicati da chi sta dall’altra parte e a cui dobbiamo mostrare un lato di noi magari prima sconosciuto.

Tutto ciò non sparirà con la fine dell’emergenza, il lavoro da casa non verrà dimenticato anzi sarà uno strumento sempre più utilizzato dalle aziende perché si è capito che, seppur con dei limiti, si può fare.

Non possiamo quindi limitarci a gestire il momento ma, al contrario, dobbiamo prepararci al meglio per sviluppare e acquisire le competenze più idonee per lavorare da casa. Sfruttare dunque questa “reclusione” forzata come opportunità di crescita e apprendimento.

Quali sono le competenze che ci serviranno, anche nel breve periodo, quando il “forced” smart working si trasformerà in smart working e ci troveremo, per una parte della settimana, a lavorare da casa?

Innanzitutto, sarà necessaria una maggiore focalizzazione sulle priorità. Avere degli obiettivi precisi, diminuire le distrazioni, avere un piano delle attività e delle regole precise per gestire gli impegni e le responsabiltà a distanza, ci permetterà di ottimizzare i nostri risultati e non essere sopraffatti dal lavoro

Al contempo dovremo sviluppare una maggior flessibilità e capacità di gestire gli eventi imprevisti tipici che possono nascere quando si lavora da casa. A tal fine sarà necessario avere una visione d’insieme sulla nostra giornata lavorativa e non.

Per gestire al meglio le relazioni sarà fondamentale dimostrare empatia e assertività. Empatia al fine di comprendere le esigenze e i bisogni di colleghi e familiari, supportando chi si trova a vivere stesse situazioni e stesse problematiche. Assertività per manifestare ai nostri colleghi e ai nostri familiari quali sono le nostre esigenze, i nostri stati d’animo e le nostre difficoltà.

Infatti, se imporsi delle regole può essere relativamente semplice, imporle sui familiari, colleghi, responsabili, clienti può diventare un’impresa più ardua; se poi i colleghi di lavoro sono quelli con cui condividiamo le mura domestiche la situazione rischia di complicarsi ulteriormente.

I nostri “nuovi” colleghi di lavoro, spesso minorenni, hanno regole differenti dal mondo adulto, non rispettano le gerarchie e se hanno qualche necessità non fanno un ordine all’ufficio acquisti né tanto meno non hanno linee gerarchiche da dover rispettare, si rivolgono direttamente al board!

Essere in grado di comprendere le esigenze, i sentimenti, i bisogni e le difficoltà delle persone che ci circondano diventa ancor di più una competenza fondamentale così come saper chiedere e non imporre, comunicare le proprie emozioni e non manifestare la propria frustrazione attraverso la rabbia.

Ed infine una buona dose di consapevolezza che ci aiuti a comprendere che, molto probabilmente, lavorando da casa non potremmo essere mai efficienti come sul lavoro.

Sarà necessario acquisire queste competenze per essere dei validi lavoratori da casa. Il momento che stiamo vivendo può essere una buona palestra di allenamento. Utilizziamolo dunque per trasformare un problema in un’opportunità.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 03:38:50 | 91.208.130.89