Segnala alla redazione

Ated
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
10 ore
ated-ICT Ticino è di scena alla Città dei Mestieri della Svizzera italiana
Si è inaugurata sabato 25 gennaio a Bellinzona. Un progetto innovativo cui partecipiamo con due workshop aperti al pubblico
CANTONE
3 gior
International STEM Awards è ora di candidarsi
Una piattaforma che offre ai giovani l’opportunità di valorizzare competenze e passione per le materie STE(A)M. C’è tempo fino al 1° di febbraio
CANTONE
4 gior
Una jam session lunga un weekend per creare un videogioco dal nulla
Si terrà a Manno dal 31 gennaio al 2 febbraio, è un evento unico e da non perdere
ATED
5 gior
AAA cercasi Mentor per ated4kids
Nell’ultima sfida regionale del torneo di robotica FIRST® LEGO® League erano tre i team supportati da Roboticminds, il programma promosso da ated4kids. Ora ated-ICT Ticino cerca nuovi 100% Mentor per le prossime iniziative
CANTONE
1 sett
Quando lavorare a un videogioco ti fa crescere come professionista
E non solo se siete degli informatici, scopriamo assieme il perché ma anche il come e... il dove
CANTONE
1 sett
Swisscom è in testa nei servizi cloud e di sicurezza
La società di ricerche di mercato indipendente ISG ha valutato i principali fornitori di cloud svizzeri. Swisscom è ancora una volta leader con un portafoglio attraente, completo e una forte posizione competitiva
FOTO
LUGANO
1 sett
Il Ticino “sorride” e tifa per il team Smilebots
Lo scorso fine settimana si sono tenute a Trevano le sfide regionali del torneo di robotica della FIRST LEGO League
LUGANO
1 sett
ated per il 2020 rafforza la squadra e si tinge di rosa
Cristina Giotto assume la carica di Direttrice, Anastasia Gautschi mantiene il ruolo di Relationship e Event Manager Assistant. Iniziano Benedetta Soldati e Simona Miele
SVIZZERA
2 sett
Wikimedia.ch: come si tutela e promuove il sapere svizzero
Wikimedia CH è un'organizzazione non-profit ufficialmente riconosciuta e rappresenta il Capitolo ufficiale svizzero della Wikimedia Foundation.
ICT TICINO
3 sett
La sfida dei Big Data
Un seminario promosso da ated – ICT Ticino, in collaborazione con AIEA e ISACA CH, si terrà a Lugano il 22 gennaio 2020
SECURITYLAB
1 mese
Moodle: in arrivo due nuovi eventi formativi
Dopo il successo del corso di novembre, Security Lab organizza altri due eventi dedicati alla piattaforma open source di Learning Management System più diffusa al mondo
ated ICT Ticino
1 mese
Global Game Jam: Ticino presente!
Il più grande evento al mondo dedicato allo sviluppo dei videogiochi si svolge dal 31 gennaio al 2 febbraio 2020 in contemporanea in oltre 100 nazioni, fra cui in Svizzera a Lugano (Manno)
ICT TICINO
1 mese
L'Internet of Things nella vita di tutti i giorni
Si stima che entro il 2025 ci saranno 75 miliardi di dispositivi connessi. Come cambierà la nostra vita conl’IoT?
CANTONE
1 mese
5 Vantaggi grazie all’Outsourcing della Produzione Elettronica in Ticino
Vediamo insieme i vantaggi per I quali il Ticino è il luogo ideale nel quale esternalizzare la propria produzione elettronica
ATED
1 mese
L’incredibile fascino del videogame
L’innovazione pervade e trasforma anche la dimensione del gioco. Grazie alle evoluzioni tecnologiche in ambito videogiochi ora si possono acquisire competenze professionali
CANTONE
2 mesi
Baloise ringrazia la digitalizzazione: «Ora siamo più vicini alla gente»
Così l’innovazione - e la cyber security - hanno cambiato (anche) il mondo assicurativo. «Il nostro compito? Fare informazione»
CANTONE
2 mesi
Buon compleanno ated
L’associazione, che spegne oggi le sue 48 candeline, è una realtà indipendente molto attiva nel territorio ticinese, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie
CANTONE
2 mesi
Nasce il primo osservatorio privacy in Ticino
L’obiettivo della nuova Associazione è quello di diffondere la cultura della data protection in tutte le realtà economiche e amministrative del cantone
ATED
2 mesi
Collaborazione indipendente dalla sede, con Webex si può
Uno scambio sicuro di dati e comunicazione efficiente resi possibili grazie a questa soluzione, Paul Saxer ci racconta i vantaggi
ATED
2 mesi
Anche la tecnologia ha un cuore
A che cosa dovrebbe servire, se non a migliorare la vita dell’uomo? È la filosofia alla base del successo di Dell Technologies, da sempre animata da un nobile fine: «Il progresso dell’umanità»
CANTONE
23.12.2019 - 08:360

Come si svelano le Fake News? La risposta di Alex Orlowski

Grande esperto dei meccanismi che guidano la diffusione di bufale o notizie false sui principali social. Lo abbiamo incontrato e intervistato per carpire qualche segreto e trucco da seguire

LUGANO - Nel suo profilo su LinkedIN si definisce Digital Spin Doctor, ma Alex Orlowsky, oltre a un passato da creativo e regista di numerosi videoclip musicali e spot pubblicitari, è una figura di spicco nel panorama della comunicazione e del marketing politico. È un personaggio eclettico, che negli ultimi mesi ha avuto una grande visibilità sui media italiani per aver analizzato e mostrato come i profili social di alcuni politici (come ad esempio Matteo Salvini e Giorgia Meloni) siano affollati da profili falsi, che peraltro diffondono notizie poco veritiere, quelle che spesso sentiamo bollate con il termine “fake news”.

Lo abbiamo conosciuto all’appuntamento promosso da ated-ICT Ticino e lo abbiamo intervistato, ponendogli qualche domanda sulle materie che padroneggia maggiormente. La ragione è molto semplice: ci serve avere una bussola per orientarci nell’oceano di informazioni che ci sommerge quotidianamente. In sintesi: fake news e bufale online, esiste un modo per difendersi e non cascarci?

Alex ci sveli subito qualche accorgimento che dobbiamo tenere per non cadere nelle trappole di chi produce fake news. Cioè esistono delle regole o trucchi per capire rapidamente se stiamo entrando su siti poco affidabili? O se stiamo seguendo profili finti?
Per le fake news è semplicissimo, non fidatevi mai di blog sconosciuti o con nomi di fantasia. Quando cliccate sull’articolo, andate a vedere chi sono i contatti del blog e se non è una testata registrata in un tribunale, non fidatevi. Vi suggerisco anche di prendere il titolo dell’articolo e controllare su Google se altre testate affidabili lo riprendono, quindi aggiungete la parola fake news o bufala per vedere se appare in qualche sito che svela le notizie false tipo butac.it o davidpuente. 

Mi spieghi meglio, siamo diventati noi più creduloni o le tecniche di comunicazione e marketing soprattutto in ambito politico si sono fatte più sofisticate e raffinate? Siamo nel campo dei Cambridge Analytica, di cui si è saputo in passato?
La disinformazione nasce centinaia di anni fa, ma si è raffinata dagli anni 30 dello scorso secolo in poi. Si basa sulle trappole cognitive che sono parte di noi, quindi ad esempio nel caso “effetto illusorio di verità” veniamo tratti in inganno nel dare credibilità a determinate NOTIZIE, dopo averle VISTE ripetutamente, sia nelle news tradizionali che ovviamente sui social network, dove è molto facile con l’aiuto di account falsi e automatizzati usare questo tipo di bias cognitivo (NDR: ovvero giudizi o pregiudizi che non sempre corrispondono alla realtà). Cambridge Analytica semplicemente ha sfruttato le informazioni di Facebook per poter targetizzare in modo molto preciso i contenuti di questo tipo, sapendo già che l’utente sarebbe stato più propenso a credere a certe notizie piuttosto che ad altre. 

Quindi esiste davvero un dark side of networking. Dove ha visto meglio attrezzati i diffusori di fake news fino ad oggi? Su quali consultazioni politiche in particolare?
Ogni Paese ha i suoi team sia privati che statali abili nel diffondere fake news. E parliamo di Stati come ad esempio: Venezuela, Catalunya, Russia, Iran, Polonia e tanti altri senza escludere i Paesi Scandinavi. In Italia direi che alcune entità di ultra destra si sono attrezzate egregiamente. Anche in Svizzera ci sono da due a tre entità ben organizzate in fake news; una è finanziata da Paesi dell’Est e lavora prettamente sulla disinformazione religiosa e un’altra più professionale e mercenaria, che non saprei dire se lavora sulla disinformazione o sulla lotta alle fake news. Sicuramente sono gruppi molto ben strutturati dal punto di vista tecnologico e con delle ottime Botnet (NDR una Botnet è una rete di dispositivi connessi automaticamente che operano insieme per eseguire attività, inclusi attacchi dannosi).

Si sente parlare spesso della Russia come base di partenza in cui si originano le maggiori Fake News di matrice politica. Ma è realistico pensarlo?
I maggiori player al mondo sono Russia, Turchia, Iran, molti Paesi dell’Est e anche gli Stati Uniti, ovviamente. E poi ci sono moltissime realtà locali. Quando si parla di Russia dobbiamo tener conto che sono un Paese enorme con grandi informatici e ricchi oligarchi con differenti interessi e posizioni poltiche e religiose. A volte lavorano in tandem con altri gruppi di influenza in US e altre nazioni. In tutti i casi la Russia è stata la prima ad implementare tecniche innovative per le guerre ibride, come insegna la presunta dottrina del Generale Gerasimov e le strategie di Vladislav Surkov, consulente di Putin. 

Infine, un suo caso personale. Recentemente è intervenuto in una trasmissione italiana, Report, mostrando analisi e dati in cui si osservano anomalie fra i follower e seguaci di Giorgia Meloni. Ci racconta cosa è successo dopo la sua partecipazione?
Dopo l’intervista a Report (NDR: è una nota trasmissione italiana di inchieste giornalistiche), dove illustravo i miei i dubbi su alcuni account Twitter di politici italiani, tra i quali quello dell’Onorevole Meloni, ho ricevuto in poche ore un attacco con post di minacce, insulti e articoli da blog di dubbia qualità contro la mia persona. L’attacco è stato organizzato per distruggere la tesi del giornalista di Report e, quindi, l’obiettivo sono diventato io, che con strumenti e tool di analisi come Metatron Analitycs aiuto a capire e svelare le reti automatizzate di account social e le fake news collegate. Ovviamente, questo attacco che ho ricevuto potrà avere delle conseguenze penali per gli autori.

CHI È ated – ICT Ticino

Fondata il 19 novembre 1971 a Lugano, ated - ICT Ticino è un’Associazione indipendente attiva nel Canton Ticino, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie dell'informazione e comunicazione (ICT). Dalla sua fondazione ated - ICT Ticino ha organizzato oltre 1.000 manifestazioni con più di 13.000 partecipanti a conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, corsi settimanali. Da diverso tempo l'associazione collabora con l’Università della Svizzera Italiana (USI), la Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana (SUPSI) e con la Scuola Superiore di Informatica di Gestione (SSIG) con l’obiettivo di promuovere la formazione dei soci. Grazie alla serietà dell'attività svolta sull'arco di quarant'anni di vita, ated – ICT Ticino è diventata un riferimento nel settore per le forze economiche, politiche ed istituzionali, favorendo il dibattito attorno alle tecnologie della informazione e ravvivandone l'interesse presso i giovani.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 19:00:10 | 91.208.130.87