Deposit
TI.MAMME
01.04.2020 - 14:110

Una campagna dell'OMS promuove i videogiochi come terapia per la quarantena

«Il distanziamento fisico non deve significare isolamento sociale»

I videogiochi possono essere una terapia e un passatempo durante la quarantena per l'epidemia del coronavirus. È il senso della campagna #PlayApartTogether lanciata dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) con l'industria dei videogiochi per rispettare le regole di distanziamento sociale e distrarsi mentre si è chiusi in casa.

L'iniziativa vede l'Oms in campo come grandi aziende del settore come Activision Blizzard, Snap Games, Amazon Appstore, Twitch, Big Fish Games, Riot Games, YouTube Gaming e Zynga, solo per citarne alcune. L'organizzazione spera che l'industria possa «raggiungere milioni di persone con messaggi importanti per aiutare a prevenire la diffusione di Covid-19», dice in una nota Ray Chambers, ambasciatore dell'Oms per la strategia globale.

«Non è mai stato così fondamentale garantire che le persone rimangano in sicurezza. I giochi sono la piattaforma perfetta. Siamo orgogliosi di partecipare a un'iniziativa così utile», spiega Bobby Kotick, Ceo di Activision Blizzard. «Il distanziamento fisico non deve significare isolamento sociale - aggiunge Nicolo Laurent, Ceo di Riot Games - Teniamoci fisicamente separati e adottiamo #PlayApartTogether per superare questa crisi».

È abbastanza significativo che sia proprio l'Oms a prendere questa iniziativa. Solo pochi mesi fa, a fine gennaio, l'Organizzazione mondiale della sanità, ha acceso un faro sulla dipendenza da videogiochi inserendo il "gaming disorder" nell'International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems.

ats ans


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 03:45:20 | 91.208.130.85