Freepik / Rawpixel.com
ULTIME NOTIZIE Target
Target
2 gior
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 2
Abbiamo fatto qualche domanda ad altri tre esperti: Matteo Cremaschi, Simone Intelisano e Cecilia Brenni
Target
5 gior
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
6 gior
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
1 sett
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
2 sett
I tre pilastri degli e-commerce nel 2021
Ad anno ormai inoltrato, scopriamo che cosa sta determinando maggiormente gli acquisti online degli utenti
Target
2 sett
Vita da cani? Non proprio: ecco come e quanto guadagnano i Pet Influencers
Stimolando le interazioni positive degli utenti, hanno presto attirato l’attenzione (e i soldi) dei brand più importanti
Target
3 sett
Fare il copywriter per i social media? Non basta saper scrivere
Alessia Abrami racconta cosa significhi creare contenuti badando a differenze di canale, tone of voice e obiettivi
Target
3 sett
Comunicare sui social con le immagini: la grafica web secondo gli addetti ai lavori
Deborah Giofrè e Salvatore Di Bella raccontano il backstage delle realizzazioni visive per Facebook e compagnia postante
Target
4 sett
Social Listening: come ascoltare bene per comunicare meglio
Ciò che interessa ai clienti è fondamentale per il successo di un business: ecco come ottenere le informazioni giuste
Target
1 mese
Quanto inquiniamo quando siamo online? C’è da restarne sconvolti. 3 consigli per evitarlo
Il modo in cui usiamo internet ha un impatto negativo sull'ambiente: ecco cosa possiamo fare perché non succeda
Target
1 mese
Ads su Facebook, Instagram e LinkedIn: consigli utili ed errori più comuni
Come possiamo assicurarci che le inserzioni funzionino? Ce lo spiega il nostro Social Ads Specialist, Marco Evangelisti
Target
1 mese
Il rapporto tra Digital Marketing e Sport, secondo l’esperto FIFA
Quanto un ambito sosterrà l’altro e viceversa? Che cosa ci aspetta in futuro? Ne abbiamo parlato con Dario Salvelli
Target
1 mese
Come si fa Instant Marketing e che risultati si ottengono: la parola a Migros Ticino e Unieuro
Perché legare un brand all’attualità? Lo spiegano Piergiorgio Adragna e i responsabili social del gigante arancione
TARGET
1 mese
Marketing e Intelligenza Artificiale: quali opportunità per le attività locali?
Tecnologia e comunicazione crescono a braccetto: ecco come l’AI contribuisce a promuovere prodotti, servizi e vendite
Target
1 mese
Per una comunicazione (online e offline) senza discriminazioni di genere
Elena Ciprietti, Alessia Rotondo e Laura Losito ci spiegano come raccontare un mondo che sta cambiando
Target
1 mese
I contenuti commerciali sui social sono troppi: il solo modo per farsi notare è creare valore
Catturare l’utente in 3 secondi di attenzione si può, se siamo utili, belli e impegnati. Scopriamo il Social Media Value
Target
1 mese
Twitch Marketing: il futuro della tua attività è in streaming?
Tutte le risorse e i segreti che la piattaforma ha da offrire, anche per chi fa business (non solo con i videogiochi)
Target
1 mese
Rendere i clienti protagonisti della propria storia: cos’è, come e quanto funziona lo Storydoing
Dal successo dello Storytelling e dalle generazioni più giovani emerge un nuovo, efficace trend del marketing
Target
1 mese
Telegram Marketing: come usare i canali per promuovere la tua attività locale
Non solo app di messaggistica: l’aeroplanino ha un incredibile potenziale comunicativo per ogni business
Target
04.02.2021 - 08:000

Lifecycle Engagement: la chiave del successo dell’E-mail Marketing

L’analisi degli utenti e dei risultati è fondamentale per fare newsletter efficaci. Ecco il metodo per riuscirci

L’e-mail marketing ha una posizione di spicco in molte campagne di marketing digitale. Rispetto ad altri canali, infatti, può rappresentare una soluzione più efficace, se gestita nel modo giusto, per i motivi e con i tempi corretti.

Tutti noi, ormai, siamo abituati al funzionamento di queste campagne e siamo consapevoli di cosa ci aspetta quando, ad esempio, accettiamo di cedere il nostro contatto iscrivendoci a una newsletter: Da quel momento, si avvia un collegamento con chi crea questo tipo di contenuti, che è ben consapevole che, quando lo desideriamo, possiamo disiscriverci o ignorare le e-mail che arrivano alla nostra casella. Uno dei pregi (e dei difetti) dell’e-mail marketing, infatti, è proprio il modo diretto in cui si entra in contatto con l’utente, intercettando la sua attenzione in uno spazio relativamente più riservato e ordinato, rispetto al feed di un qualsiasi social media.

Con l’iscrizione a questi database non comincia soltanto una connessione in senso lato, ma si dà avvio a quello che, a posteriori, è stato definito lifecycle engagement: una nozione strettamente legata a questo particolare strumento, che può tornare molto utile conoscere, se abbiamo intenzione di applicarlo alla nostra strategia.

 

Che cos’è il lifecycle engagement?

Come anticipato, questo lifecycle, letteralmente “ciclo di vita”, comincia nel momento in cui il contatto e-mail dell’utente entra a far parte del nostro database. Da questa nascita consegue, si suppone, lo sviluppo del contatto, con l’invio di comunicazioni che vengono accettate o meno. Il lifecycle engagement, di conseguenza, si concluderà con l’interruzione di questo rapporto, ovvero, nella pratica, con la disiscrizione dalla newsletter o con la richiesta di rimozione dal suddetto database.

Adesso, potremmo chiederci che cosa c’entri l’engagement: abbiamo ben chiarito in cosa consista questo ciclo di vita, ma ciò che ci interessa davvero è cosa succede nel frattempo, come possiamo capire se stiamo avendo successo con i nostri utenti e come, eventualmente, possiamo misurarlo. Ecco la ragione per cui l’engagement è importante: si tratta di una risultato ben misurabile, attraverso piattaforme specifiche che raccolgono tale dato.

Nessuna campagna, e-mail o meno, può incidere sui risultati futuri senza un’opportuna misurazione. Nei confronti dei contenuti che inviamo alle loro inbox, gli utenti possono dimostrarsi più o meno attivi, più o meno interessati, e noi possiamo capirlo analizzando il tasso di apertura degli invii e i click che si verificano sul corpo del testo o nelle immagini e i link contenuti nelle e-mail: tutte azioni che l’utente svolge prima di un’eventuale disiscrizione dalla newsletter, e quindi prima che il lifecycle engagement si chiuda.

Attraverso l’analisi dell’engagement, potremo suddividere i nostri utenti in categorie a dipendenza del loro livello di coinvolgimento, tra “molto attivi”, “attivi”, “poco attivi” e “inattivi”. Sulla base delle conclusioni tratte, potremo anche cogliere l’occasione per sviluppare ulteriormente i nostri contenuti, differenziandoli in base a tali segmenti: per coloro che tendono a non aprire le e-mail, ad esempio, potremo riflettere sul testo dell'oggetto per renderlo più accattivante; per chi invece si dimostra particolarmente attivo, potremo prevedere qualche contenuto extra che premi la sua interattività.

In altre parole, prestare attenzione a ciò che avviene nel corso del lifecycle engagement può essere fondamentale a non interromperlo e a trarne il massimo, gestendo al meglio gli utenti presenti e futuri, comprendendo cosa serva correggere e quali siano, invece, i punti di forza su cui scommettere.

 

Perché è importante saper analizzare il lifecycle engagement

Pochi mesi fa, nell’ottobre 2020, la piattaforma MailUp, specificamente ideata, come Sendinblue e Mailchimp, per la gestione dei contatti e l’invio di newsletter, ha pubblicato uno studio incentrato sul monitoraggio del lifecycle engagement dei propri utenti.

Da questa approfondita analisi, sono state tratte conclusioni generali molto interessanti, che possono tornare molto utili a chi sta seguendo - o ha intenzione di seguire - una campagna di e-mail marketing.

Innanzitutto, come possiamo immaginare, i primi mesi dell’iscrizione sono una fase chiave nel determinare il futuro engagement del nostro nuovo contatto. Non approfittare subito del neonato interesse, risultando poco coinvolgenti o addirittura assenti, può portare a ritrovarsi un utente irrecuperabilmente inattivo, con conseguenze negative anche sulla propria reputazione di mittenti.

D’altro canto, un’altra conclusione sorta dallo studio di MailUp è proprio questa: l’engagement e la frequenza degli invii sono profondamente collegati tra loro. Facendo passare troppo tempo tra una comunicazione e l’altra l’utente perderà sensibilmente interesse, mentre l’ingaggio potrà mantenersi costante soltanto organizzando al meglio gli invii, assicurandosi di essere presenti senza sfociare nell’invadenza.

Non dimentichiamo, inoltre, che un contatto può spostarsi con molta facilità da una categoria all’altra: non è detto che un destinatario particolarmente attivo rimanga tale per sempre, così come un utente piuttosto sopito potrebbe sentirsi stimolato da un cambio di linea sui contenuti. D’altronde, i soggetti a cui parliamo sono pur sempre persone, il cui coinvolgimento è determinato da una gamma molto ampia di fattori.

 

Spesso ci capita di essere impegnati nell’ideazione di una campagna di e-mail marketing e, di conseguenza, siamo abituati a valutare tutte le metriche che abbiamo a disposizione per tutelare il lifecycle engagement degli utenti a cui ci rivolgiamo. Per farlo, è necessaria una buona sinergia tra tutti i componenti del nostro team: da chi si occupa di formulare la strategia a chi crea immagini, layout e testi, fino a coloro che si occupano di gestire le liste, gli invii e le statistiche che ne derivano. Se siete imprenditori o professionisti, e credete che l’e-mail marketing possa adattarsi bene al vostro target, contattateci per una consulenza gratuita: scopriremo insieme quali obiettivi potremo raggiungere e, soprattutto, come e quando.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-15 06:22:52 | 91.208.130.85