Freepik
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
1 gior
WhatsApp Business: che cos'è e come può aiutare le imprese locali
Esaminiamo i tanti pregi dell’applicazione di messaggistica creata per aiutare aziende e clienti a comunicare tra loro
TARGET
5 gior
Pregi e difetti della nuova versione di Facebook
Grafica semplificata, sfondo scuro, riorganizzazione del feed: come stanno reagendo utenti e addetti ai lavori?
TARGET
1 sett
Google Shopping: che cos’è e come possiamo usarlo per aumentare le vendite
Dal noto motore di ricerca, un tool intuitivo e gratuito per far trovare prodotti e servizi dove la gente li cerca
TARGET
1 sett
È boom dei social media tra gli over 55 svizzeri. Tutti i numeri del digitale nel 2020
Crescono Facebook e Instagram e impennano TikTok, i laptop e lo streaming, ma non a scapito dei media tradizionali
TARGET
2 sett
Perché devi assolutamente usare Pinterest per promuovere la tua attività
Numeri, strumenti e potenzialità di un social sottovalutato, ma efficacissimo per la crescita di molti business
TARGET
2 sett
A scuola di marketing dal porno, tra dati, ironia e impegno sociale
Anticonvenzionale e di successo: cosa può insegnare PornHub, penalizzato da Google e dai social, a ogni altro business
TARGET
2 sett
E se arrivasse una seconda ondata? Così le attività locali possono farsi trovare preparate
3 consigli pratici per i business più legati all’andamento dei contagi, e per chi ha necessità di cashflow costante
TARGET
3 sett
I tuoi clienti sono aziende e professionisti? Ecco come trovarne di nuovi con il web
Questi sono i canali e i contenuti migliori per promuoversi in ogni fase del processo d’acquisto, se lavori nel B2B
TARGET
3 sett
Le tendenze social dell’Estate 2020: quali sfruttare per promuovere al meglio il proprio business
Non basta usare l’ultima app o formato, per avere successo. Ciò che serve ha due parole d’ordine: coinvolgimento, numeri
CANTONE
1 mese
Sui social… le dimensioni contano! Guida 2020 all’ottimizzazione di immagini e testi
Le info aggiornate per evitare tagli antiestetici ai visual e limitazioni espressive su Facebook, Instagram e LinkedIn
TARGET
1 mese
Cibo, vini e altre bontà del territorio: 3 step per vendere online i prodotti enogastronomici
Non di solo e-commerce vive il food in rete: ecco i passi fondamentali per creare o ampliare il proprio mercato
LUGANO
1 mese
Airbnb, Blablacar e gli altri: la sharing economy può ancora funzionare, ai tempi del Covid-19?
Le piattaforme per condividere beni e servizi hanno patito l'impatto della pandemia, ma per loro non è ancora finita
LUGANO
1 mese
Interpreti, autori, produttori, etichette: 3 step fondamentali per promuovere la musica online
Creare un brand, radunare fan, distribuire e finanziare i propri brani: ecco i passi da fare per avere successo sul web
TARGET
1 mese
Quali sono i social più usati al mondo, chi li utilizza e per quanto tempo?
Da Facebook a VK e QZone, alla presenza di giovani e meno: uno sguardo ampio sull’umanità che vive e comunica online
TARGET
1 mese
Consigli di digital marketing per avvocati, notai, contabili e fiduciari
Ecco come i consulenti per eccellenza possono acquisire nuovi clienti utilizzando al meglio gli strumenti del web
TARGET
1 mese
Facebook e Instagram Shops: perché dovresti usarli per promuoverti e vendere online
Scopriamo le funzionalità social nate per aiutare i piccoli business a monetizzare la loro presenza in rete.
TARGET
1 mese
Questa campagna marketing sta funzionando o no? Alla scoperta di ROAS e ROI
Come vanno le nostre inserzioni? Ci guadagniamo o spendiamo e basta? Ecco due formule semplici e importanti per capirlo
TARGET
1 mese
Librerie, case editrici, scrittori: cosa fare per avere successo online
Ecco come chi fa delle parole una ragione di vita (e business) può emergere in rete, ottenendo più vendite e visibilità
TARGET
1 mese
Facebook e Instagram off-limits: 3 errori da non commettere mai quando sponsorizzi un contenuto
Dalle normative al buon senso, cos’è importante sapere per non far bloccare le tue inserzioni e trarne il massimo
TARGET
2 mesi
Co-marketing: che cos’è e perché può determinare il successo di professionisti e aziende
Ecco come i brand - anche locali - possono collaborare con successo e acquisire nuovi clienti nei rispettivi mercati
TARGET
12.09.2020 - 10:000

Fare pubblicità su Spotify: un modo creativo ed efficace per far crescere il proprio business

Ecco possibilità e vantaggi offerti dalle inserzioni sul servizio di streaming musicale più popolare e diffuso al Mondo

Impossibile, ormai, trovare qualcuno che non conosca Spotify, il servizio streaming dedicato a musica e podcast che conta ormai 299 milioni di ascoltatori in tutto il Mondo, 138 milioni dei quali, stando ai dati del secondo trimestre del 2020, sono utenti con abbonamenti a pagamento.

Spotify, infatti, permette di usufruire dei suoi servizi a fronte di tariffe variabili a dipendenza del tipo di formula che si sceglie. D’altro canto, chi volesse utilizzarlo gratuitamente può farlo senza problemi, sebbene con alcune restrizioni: tra di esse figura proprio la trasmissione di inserzioni pubblicitarie.

È per questo che ci interessa, in questa sede, capire un po’ di più come un’attività di un settore affine alla musica potrebbe promuoversi digitalmente su questa piattaforma, acquisendo notorietà tra gli utenti che la utilizzano senza pagare alcun abbonamento.

 

Come funzionano le pubblicità su Spotify?

Chi ascolta musica e podcast con questo strumento in maniera gratuita, una volta effettuato il primo accesso, può procedere con i propri ascolti per 30 minuti, prima che parta un’inserzione.
Dopo questa prima fase, ce ne sarà una ogni 15 minuti: l’utente non può saltarla, bensì scegliere di visualizzare un video dello stesso inserzionista per poter godere, subito dopo, di 30 minuti di ascolto senza interruzioni di alcun tipo.

Gli spot audio su Spotify hanno una durata che può variare dai 15 ai 30 secondi, e sono accompagnati da una grafica che si presenta sul display dell’utente, integrata da una call-to-action cliccabile e rimandabile a un URL qualsiasi. La parte significativa del contenuto, di conseguenza, è l’audio, in modo perfettamente coerente con il tipo di piattaforma, basata più sull’ascolto che sugli stimoli visual, per ovvie ragioni. Tali annunci si differenziano, tuttavia, dalle tradizionali pubblicità via radio, poiché offrono immediatamente a chi le ascolta la possibilità di interagire con esse e approfondire.

Oltre alle inserzioni audio, Spotify offre anche la possibilità di sponsorizzare video oppure, nella versione desktop, di mostrare veri e propri banner pubblicitari. Un’ulteriore strategia che può avere costi variabili, se si decide di sponsorizzare le proprie creazioni, è quella di ideare e pubblicare delle playlist legate al proprio brand, che lo caratterizzino in qualche modo e lo aiutino a ottenere visibilità. Il marchio Nike Women, ad esempio, ha diffuso delle liste di brani dedicate alle runners, oppure agli allenamenti in palestra. Si tratta di una via alternativa e più creativa rispetto alle altre, che richiede un impegno diverso, ma si adatta alla perfezione alla natura dello strumento che abbiamo a disposizione.

 

Creare delle Spotify Ads: cosa bisogna sapere

La piattaforma ha fissato un budget minimo per l’avvio delle campagne, pari a 250 $. I costi delle singole inserzioni sono variabili - nello specifico, il costo per ascolto oscilla tra 0,015 $ e 0,025 $ - e cambiano in base a diversi fattori tra cui, come per le altre piattaforme, le opzioni di targeting.

Anche Spotify, naturalmente, permette di formulare degli annunci e rivolgerli a determinate buyer personas precedentemente individuate mediante una strategia e una conseguente pianificazione dei contenuti. Al momento, le varie opzioni comprendono valori piuttosto “classici”, come l’età, il sesso o la località, e altri aspetti più specificamente legati al servizio, come i gusti musicali e gli ascolti più frequenti.

Una volta avviata una campagna che abbia, come accennato, un budget di almeno 250 $, potremo permetterci di interromperla quando ne avremo l’esigenza, senza che ci venga addebitata l’intera cifra. Si tratta di una possibilità che potrà tornare comoda, qualora ci si accorga di qualche errore oppure, semplicemente, che le inserzioni non stanno sortendo gli effetti sperati.

Lo strumento messo a disposizione per la creazione e la gestione diretta di queste campagne si chiama Ad Studio, una piattaforma parallela da cui monitorare le inserzioni che realizziamo, piuttosto semplice e intuitiva. Per avviare una campagna, è sufficiente scegliere obiettivo, audience, budget e caricare le proprie creatività: a questo punto sarà Spotify a verificare che la richiesta rispetti le proprie linee guida, per poi occuparsi di pubblicarla.

 

Perché Spotify potrebbe essere la scelta giusta per promuovere la tua attività

Ci sono, lo abbiamo visto, decine di milioni di persone che ascoltano Spotify gratuitamente, e che sono quindi potenziali utenti a cui rivolgere i nostri annunci pubblicitari. La piattaforma, poi, come tutti i servizi digitali, è attualmente in crescita e arriverà a presentare numeri ancora più interessanti di questi, magari accompagnati da nuove opportunità per i marketers.

Chi utilizza Spotify, inoltre, solitamente apprezza il servizio perché gli permette di condividere le proprie preferenze musicali con gli amici, per poi scoprire altri artisti, album, brani, generi musicali legati a quelli che già gradiscono. Si tratta quindi di un pubblico aperto, ben disposto agli stimoli e quindi più ricettivo nei confronti dei servizi e dei prodotti che vengono pubblicizzati, se mediante contenuti ben studiati e targetizzati.

L’interfaccia per la gestione delle inserzioni, inoltre, è molto chiara e intuitiva, simile - per certi versi - a quella di Facebook. Il fatto che lo strumento sia semplice da utilizzare favorisce l’ottimizzazione del lavoro di chi sceglie di investirci tempo e denaro, vantaggio sempre ben gradito da tutti gli advertisers. Spotify, infine, non manca mai di offrire metriche fedeli e approfondite sull’andamento delle inserzioni e sulle specifiche riguardo al nostro pubblico, qualsiasi elemento possa tornarci utile nel migliorare le inserzioni, per renderle più efficienti.

 

Sono sempre di più le piattaforme digitali che comprendono, tra le proprie funzionalità, la possibilità di creare inserzioni pay-per-click dedicate al loro pubblico. Si tratta di un settore interessante ed eterogeneo del marketing, in continua evoluzione, ma anche strutturalmente legato alle caratteristiche delle varie piattaforme in questione. Se credi che questo tipo di pubblicità possa aiutare la tua attività, permettici di chiarirti le idee: contattaci per richiedere una consulenza gratuita, e avremo modo di valutare insieme a te come questa e altre soluzioni possano aiutarti a far crescere il tuo business.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 03:10:51 | 91.208.130.86