ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
9 ore
6 strumenti gratuiti per avere immagini di qualità e creare grafiche accattivanti
Per ottenere contenuti visivi d’impatto in modo semplice, basta usare alcuni tool presenti su internet: ecco quali
TARGET
2 gior
3 spunti per promuovere meglio la tua attività immobiliare
Il residenziale è di nuovo in crescita, ma la domanda è cambiata: ecco come intercettarla con il digital marketing
TARGET
6 gior
Sfida tra piattaforme: qual è la migliore per creare un e-commerce?
Da Woocommerce a Shopify, una breve guida ai pro e ai contro dei sistemi più popolari, alla ricerca del CMS perfetto
TARGET
1 sett
Non solo traduzioni: come promuoversi all’Estero e in Svizzera interna
Quando comunichiamo in un’area che conosciamo meno, i fattori di cui tener conto per avere successo si moltiplicano
TARGET
1 sett
Fake news: chi ci guadagna e come?
Alcuni meccanismi che motivano e promuovono la diffusione di notizie false, spesso causando ingenti danni alla società
TARGET
1 sett
Come usare Google My Business per far crescere la tua attività locale
Tutto quello che puoi fare per sfruttare al meglio la scheda di presentazione che appare tra i risultati di ricerca
TARGET
2 sett
3 suggerimenti per avere successo online nel settore beauty
Così un centro estetico, una linea o uno shop di cosmetici o make-up possono migliorare il proprio business con il web
TARGET
2 sett
Ottenere vendite, preventivi e riservazioni online? Senza fare A/B testing è impossibile
Scopriamo uno dei metodi che guida le campagne pubblicitarie, i siti web e gli e-commerce che hanno risultati
TARGET
2 sett
Mini-guida alla trasformazione digitale per professionisti e aziende locali
Quali sono i primi step da seguire per cogliere le opportunità e i vantaggi che ci riserva il futuro
TARGET
3 sett
Aprire un e-commerce risparmiando: come funziona il dropshipping
Adatto a chi vuol vendere online con meno costi d’avvio, ma pieno di insidie. Che cos’è e i consigli per evitarle
LUGANO
04.06.2018 - 07:000

Branding: le regole d’oro per capirlo e farlo bene

Fare branding è molto più complesso di rifare semplicemente un logo: dietro questa disciplina c’è la vera anima di un’azienda

“Brand”, “Branding” e “Brand Identity” sono parole emerse prepotentemente nel marketing degli ultimi anni.

In realtà, l’idea di brand è vecchia di decenni; solo ultimamente, però, questo concetto sta assumendo un approccio scientifico.

Il branding comprende tutto ciò che riguarda l’immaginario di un prodotto: logo, logotipo (ovvero la scritta col naming aziendale), il coordinato tipografico, il payoff (la frase che accompagna sempre il nome del marchio), i claim (slogan) pubblicitari, il packaging, il materiale promozionale aziendale.

Dietro all’idea di brand c’è un imperativo fondamentale: ogni singolo aspetto della comunicazione deve essere coordinato e curato nei minimi dettagli.

Ecco, quindi, le regole d’oro per realizzare un percorso di branding per la propria azienda:

  • Tabularasa: avete già un logo aziendale, del materiale cartaceo, delle insegne, delle auto aziendali? Bene, se avete rimesso in discussione la vostra identità di brand fate finta che non esista nulla. Questo permette di seguire idee e pensieri senza inutili condizionamenti dettati dalla nostalgia o dall’affezione;
  • Valori: stabilire i valori guida di un brand è fondamentale per elaborare il linguaggio finale sotto forma di grafiche, immagini e testi. I valori aziendali possono essere infiniti: qualità, onestà, economicità, territorialità, serietà, esperienza, tecnologia, personalizzazione ecc. Ogni azienda ha i suoi;
  • Pubblico: individuare il pubblico – o target – di riferimento. Questo passaggio è fondamentale per capire il mood (lo stile) con cui comunicheremo. Se il mio target sono dei ragazzi, il logo sarà più informale e con colori più accesi; se invece è un pubblico di fascia
    alta, userò eleganza e colori molto istituzionali;
  • Competitor: altro punto fondamentale è capire cosa fanno i diretti concorrenti del settore, sia quelli del territorio, sia quelli più lontani ma che possano fungere da modello. Questo per capire come comunica chi ha il mio stesso identico target;
  • Opinione: se avete già delle bozze di progetto fatele vedere e poi discutetele con il vostro team, che conosce l’azienda come le sue tasche. Nei limiti, evitare condizionamenti di familiari o amici;
  • Funzionalità: ricordate sempre che qualsiasi sia l’elemento della Brand Identity (un logo, una pubblicità, una carta intestata ecc.) non bisogna privilegiare la bellezza estetica, ma la funzionalità, ovvero la sua capacità di rimanere impresso nella mente. Nike ha fatto fortuna con un semplice segno grafico e un payoff di tre parole!
  • Unicità: qualsiasi sia il risultato finale, la Brand Identity finale deve essere qualcosa che vi distinguerà da tutti gli altri e che è quindi destinata a farvi entrare nell’immaginario del vostro pubblico di riferimento;
  • Coerenza: una volta approvata la vostra Brand Identity, dovete ricordare che qualsiasi aspetto della comunicazione deve essere coerente; in altre parole deve avere un unico linguaggio; ogni azione, ogni supporto, ogni idea vanno intrapresi nell’ottica di seguire sempre e comunque un unico filo conduttore: quello dei vostri valori, del vostro linguaggio, dei vostri colori!

Articolo a cura di Clublab Sagl, siti web e grafica in Ticino


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-02 20:00:20 | 91.208.130.89