mobile report Segnala alla redazione
LUGANO
17.11.2017 - 07:000

Chi ha inventato davvero l’hamburger?

Dalla bistecca in stile Amburgo, alla celebre polpetta di manzo simbolo dei fast food e oggi diventata gourmet, ecco la vera storia di un simbolo della ristorazione dei nostri tempi

LUGANO - Sembra banale, ma, quando sentiamo parlare di hamburger, la prima cosa che ci viene in mente è il fast food. Un luogo terribile e meraviglioso allo stesso tempo, con un odore di patatine fritte tale da svenire e bibite gassate invitanti, ma molto poco indicate per qualunque stile alimentare.

Un cliché, sicuramente, soprattutto per i commensali. Agli occhi di noi ristoratori, invece, proporre un hamburger all’interno di un menù, vuol dire una grande occasione di sperimentazione e valorizzazione di materie prime eccellenti, se vuoi distinguerti dalla concorrenza, dalle catene franchising, e sperimentare nell’alveo del cosiddetto “street food gourmet”, di cui ho già spesso parlato, e che è una delle tendenze del momento.

Ma andiamo con ordine: pochi sanno che questo celebre piatto, in realtà, non è nato negli Stati Uniti, ma in Germania, precisamente ad Amburgo, così come dice il nome stesso. Sì, il piatto simbolo degli States è un piatto di “migrazione”, come gli statunitensi stessi, per definizione, e come tutti i piatti più celebri. Pare, infatti, che “la bistecca in stile Amburgo” sia stata importata da marinai tedeschi in terra americana, precisamente a New York, dove, per soddisfare i gusti dei sempre più numerosi immigrati tedeschi, comparvero in seguito molti baracchini che proponevano l’”hamburg steak”.

Ce ne volle di tempo, però, per arrivare al celebre hamburger propriamente detto. Infatti, varie sono le attestazioni e le rivendicazioni, da una costa all’altra degli Stati Uniti, di città e ristoranti storici che affermano di aver servito per primi la succosa polpetta di manzo all’interno del panino dolce. Dopo varie verifiche, sembra che il primato vada ad Oscar Weber Bilby di Tulsa, in Oklahoma, che servì il primo panino hamburger, nel lontano 1891.

Tralasciando la versione fast food, la cui storia è raccontata anche nel recente film “The Founder”, sull’epopea dei drive in, dei fratelli McDonald e di Ray Kroc, il classico hamburger è composto da una polpetta di carne tritata con sopra pomodoro, lattuga, cipolle e sottaceti il tutto all’interno di un panino al latte o dolce di forma tonda. Inoltre c’è la gustosa variante con il formaggio fuso.

Al Ciani Lugano, siamo molto fedeli alla tradizione, senza disdegnare un tocco gourmet, e proponiamo un burger misto manzo-suino di nostra preparazione, con pane laccato al miele e sesamo nero, formaggio cheddar, bacon, pomodori e cetriolini. L’unica vera aggiunta prevista, in termini di ingredienti, sono gli jalapeños, che danno uno sprint di piccantezza al tutto.

E, per voi, qual è l’hamburger ideale? Commentate questo articolo con i posti che, in Ticino, secondo voi, lo preparano meglio, e dicendoci le vostre varianti preferite.

Questa rubrica è sponsorizzata dal Ciani Ristorante Lugano

Articolo di S. Santese e G. Biondo, del Ristorante Ciani Lugano

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
hamburger
food
polpetta
stile
ciani
panino
gourmet
fast
fast food
simbolo
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-21 02:05:35 | 91.208.130.86