Segnala alla redazione

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
1 gior
Convertita con riserva
Elena Cavadini è traduttrice diplomata in inglese e tedesco della Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Milano e responsabile del settore traduzioni della ditta SayIT SA di Novazzano
CANTONE
4 gior
Nuove competenze digitali per il lavoro che cambia: dove trovarle?
ATED DIGITAL ACADEMY propone alcuni percorsi di formazione tecnici insieme ad altri sulle competenze emotive o soft skill
ATED
6 gior
La sicurezza è un abito cucito su misura
Contro le minacce, le soluzioni standardizzate non bastano. Ogni azienda è un caso a sé e deve studiare un percorso ad hoc: parola del team di Security Lab, che ne ha fatto una missione
CANTONE
1 sett
«I dati sono la moneta del nuovo millennio»
Non solo file da mettere sotto chiave, ma informazioni preziose da sfruttare a fini di business. «Un bene inestimabile» di cui si ha ancora poca consapevolezza: Nicola Moresi ci spiega come trattarli
CANTONE
1 sett
Viaggio al centro della rivoluzione digitale
File ordinate di server, luci, cavi colorati: benvenuti nel datacenter di Tinext a Morbio Inferiore, dove aziende ed enti pubblici vengono traghettati nel futuro
ICT TICINO
2 sett
Voxxed Days Ticino 2019: gli sviluppatori ticinesi si confrontano con il mondo
Dagli sviluppatori per gli sviluppatori!
ATED
2 sett
itSMF: perché è necessario un Security Audit ed un Risk Assessment?
Se ne discuterà nel prossimo evento che si terrà il 23 Ottobre 2019
CANTONE
2 sett
Come far crescere la propria pagina aziendale su Linkedin?
Un potentissimo strumento di marketing se si ha una follower base significativa
ATED
2 sett
Il talento e la regola delle 10.000 ore
Esiste la ricetta per il successo? L’impegno conta o è solo questione di fortuna? Parliamone con Sergio Ermotti
LUGANO
3 sett
Voxxed Days Ticino: il globale incontra il locale
Il sogno continua e questo sabato saranno oltre 300 gli sviluppatori che parteciperanno alla quinta edizione di Voxxed Days Ticino
ICT TICINO
3 sett
Con Wikimedia il sapere è di tutti. E la tecnologia entra nelle scuole
Diffondere la cultura informatica: è l’impegno condiviso con ated – ICT Ticino, con cui l’associazione elvetica collabora da tempo. Ecco come
ATED
3 sett
Climathon Mendrisio. Agiamo per il clima!
L’evento, aperto a tutti gli interessati, si svolgerà presso il Centro di Pronto Intervento in via Franco Zorzi 1. L’avvio dei lavori è fissato per le 13:30 di venerdì 25 ottobre
ATED
4 sett
La tecnologia Blockchain per garantire trasparenza e sostenibilità alle imprese
La case history del settore lusso
ATED
4 sett
Conto alla rovescia per Voxxed Days Ticino, l’incontro tra esperti di programmazione
Sabato 5 ottobre a Lugano, per conoscere idee innovative e partecipare a una rete di professionisti
FOTO
ATED
1 mese
Visionary day: the day after…
Si è svolto ieri con successo per la prima volta in Ticino al Palazzo dei Congressi il Visionary Day
LUGANO
25.06.2019 - 06:000

Al Visionary Day sono protagonisti i Centennials

Mercoledì 18 settembre dalle 08:00 alle 22:00 presso il Palazzo dei Congressi

 

Generazione Z, Centennials, iGen, Post-Millennials o Plurals; questi e altri sono i modi con cui vengono classificate le persone nate tra la fine degli anni `90 e la prima decade del nuovo millennio.

Indipendentemente dell’etichetta che vogliamo attribuirgli, anche questa generazione è legata alla precedente in una logica di causa-effetto, presupposti e conseguenze, contaminazione e ribellione, differenti Visioni del mondo e del futuro.

I primi sono stati i baby boomers, nati nel secondo dopoguerra, figli del conflitto mondiale.

Il lascito della generazione precedente? Un mondo devastato dai conflitti Il loro principale obiettivo? Il benessere, stare meglio e fare meglio di chi li aveva preceduti.

In 30 anni hanno combattuto per i diritti civili, per la rivoluzione sessuale, hanno manifestato in piazza contro le guerre, hanno organizzato i più epici concerti della storia del rock, si sono battuti per il capitalismo e il consumismo, hanno abbattuto muri che loro stessi avevano creato.

Due illustri Baby Boomers hanno creato le fondamenta tecnologiche del mondo in cui viviamo: Steve Jobs e Bill Gates.

È giunto poi il tempo dei ribelli, i nati a cavallo fra la fine degli anni 60 e gli anni 80, definiti da Doug Coupland come il titolo del suo famoso romanzo: Generazione X.

Dai Boomers sono stati chiamati fannulloni, generazione con pochi valori, poco propensi al sacrificio e ai grandi ideali ma è in questi anni che nascono i cervelli che hanno dato il via all’era di internet, della Rete, che hanno reso facile il comercio on-line e che forse in futuro ci offriranno viaggi vacanza sulla Luna: Elon Musk, Larry Page, Jeff Bezos.

Di anno in anno arriviamo alla fine degli anni ’90 e ai cosiddetti Millennials, la prima generazione che ha subito e che sta subendo gli effetti di quella che il sociologo Zygmunt Bauman ha chiamato "società liquida”.

Precarietà, mancanza di rapporti stabili, cambiamenti repentini nella vita professionale e privata, poche certezze e sicurezze che si riflettono anche nei prodotti poco tangibili dei più famosi Millennials: Mark Zuckerberg (Facebook), Kevin Systrom e Mike Krieger (Instagram), Jack Patrick Dorsey (Twitter).

In questo passaggio fra generazioni è possibile ritrovare uno schema logico di causa-effetto.

I grandi valori e forse l’estrema rigidità dei Baby Boomers hanno causato il rifiuto, la ribellione e il “think different” dei Millennials.

La propensione a pensare fuori dagli schemi di Jobs e Gates ha permesso di racchiudere in un telefonino la potenza di centinaia di ingombranti calcolatori.

Con tali presupposti è stato facile per Mister Facebook raggiungere miliardi di persone e a Bezos di creare il più grande mercato virtuale del mondo occidentale.

Se i Baby boomers non avessero scatenato il “think different” dei Millennials oggi non parleremo della moneta virtuale di Zuckerberg e dei droni volanti di Amazon.

Ora è giunto il momento dei Centennials.

Che cosa ha prodotto la generazione dei Millennials? Quale sarà l’effetto di tutto ciò sulla Generazione Y?

Molte persone sono convinte che i Centennials subiscano la realtà creata dalle generazioni precedenti: vivono un rapporto simbiotico con il loro telefonino, non sono più in grado di apprezzare una camminata all’area aperta o una partita a pallone con gli amici, sprecano il loro tempo inseguendo lo youtuber o influencer di turno, non sanno concentrarsi, impegnarsi e in futuro non sapranno assumersi delle responsabilità.

Ma forse ci sbagliamo, forse ci facciamo guidare troppo dai nostri preconcetti e pregiudizi, forse non ci siamo mai soffermati abbastanza per chiederci chi sono questi giovani, come vedono il mondo e che cosa pensano dei lasciti delle generazioni passate.

Il 18 Settembre può essere un’occasione di confronto fra Generazioni.

A partire dalle 20.00, infatti, coloro che parteciperanno alla Visionary Teen avranno la possibilità di ascoltare dalla voce dei Centennials la loro considerazione del mondo, degli adulti che lo governano e soprattutto la loro Visione del futuro.

Sarà un’opportunità per ascoltare i talenti della Generazione Y e magari trovare, fra loro, il talento che plasmerà il futuro.

Maggiori informazioni: https://www.visionaryswiss.ch/

Puoi seguire l’evento anche attraverso la Facebook dedicata al progetto

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 08:15:21 | 91.208.130.86