Immobili
Veicoli
deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Pedalando sulle acque del lago
Nell'ambito di Lugano Bike Emotions, oggi è andata in scena un'originale gara di water bike
TENERO-CONTRA
4 ore
Le fiamme avvolgono l'auto
Jeep in fiamme nel Locarnese
CANTONE
6 ore
C'è già chi rientra a casa: code al San Gottardo
Al portale sud della galleria bisogna fare i conti con quasi due ore di attesa
CONFINE
8 ore
17enne muore dopo un tuffo nel Lago di Como
Dopo essersi buttato non è più riemerso, forse a causa dello choc termico.
CANTONE
11 ore
Biasca tropicale, per un Ticino già "estivo"
Il 2022 spazza via un altro record: quello del numero di giornate estive
MENDRISIO
11 ore
Balerna, assistenti di cura assolti
La Corte d'appello ha assolto i due imputati: «Non hanno maltrattato gli anziani»
VERZASCA
1 gior
«Chi me lo fa fare di continuare?»
Il lupo colpisce ancora: cinque pecore uccise. L'agricoltore "amatoriale" Claudio Scettrini è demoralizzato.
FOTO
TAVERNE
1 gior
Il capriolo Vedeggio se l'è vista brutta
Intervento della SPAB e del guardiacaccia a Taverne
BALERNA
1 gior
Una serata sulle aggregazioni nel Mendrisiotto
La organizza la Sezione PS Mendrisiotto e Basso Ceresio per mercoledì 1° giugno
CANTONE
1 gior
Il Luganese nel mirino dei radar
Ecco dove verranno piazzati i controlli settimana prossima
FOTO
LUGANO
1 gior
Si porta a casa la bicicletta per un franco
L'asta pubblica in Piazza della Riforma a Lugano ha permesso di raccogliere 7'777 franchi
LUMINO
1 gior
Il carnevale estivo ci sarà
Confermato l'evento tanto discusso, che avrà luogo da venerdì 24 a domenica 26 giugno.
LOSTALLO (GR)
1 gior
Incidente con la moto, 21enne ferito
È successo ieri a Lostallo. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
MENDRISIO
1 gior
La Soleggiata “sconfina” nel Luganese
Il progetto torna per la terza edizione, che avrà luogo anche al Parco Guidino di Paradiso
LOCARNO
1 gior
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
1 gior
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
1 gior
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
CANTONE
1 gior
I ghiacciai si mettono in mostra
Al via l'esposizione itinerante dedicata ai ghiacciai presenti sul nostro territorio e al lavoro della Sezione forestale
LUGANO
1 gior
A tu per tu con la vela
Domenica 12 giugno avranno luogo le porte aperte al Circolo velico Lago di Lugano
LUGANO
1 gior
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
1 gior
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
CANTONE
2 gior
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
CANTONE
2 gior
Giovani ucraini e i compiti in vista dell'autunno
Alcuni deputati della Lega chiedono lumi su come il Decs si sta organizzando il vista del prossimo anno scolastico.
VIDEO
CANTONE
2 gior
Elicotteri da combattimento britannici nei cieli ticinesi
Quattro Apache hanno sorvolato questa mattina il nostro cantone.
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
2 gior
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 gior
Le emozioni dei pedali a 360°
Innumerevoli le attività proposta in occasione della quinta edizione di Lugano Bike Emotions.
MENDRISIO
2 gior
Dopo lo stop pandemico a Mendrisio ritorna la Festa della Musica
Più di 20 gruppi e 7 palchi per animare le vie del Borgo, venerdì 24 e sabato 25 giugno
CANTONE
04.01.2022 - 06:000
Aggiornamento : 13:35

«I giovani sono educati dal porno. E arrivano a far paura»

Pornografia da giovanissimi, parla la sessuologa: «Si rischiano dipendenza, frustrazione e violenze»

L'esperto d'informatica: «I controlli parentali non sono sempre sufficienti. Bisogna conoscere gli strumenti che si mettono in mano ai nostri figli».

LUGANO - Di base non ha svelato nulla di nuovo, ma essendo probabilmente la cantautrice più in voga del momento, le sue dichiarazioni (comunque forti) hanno fatto il giro del mondo. Billie Eilish, prodigio del pop statunitense, ha confidato in un'intervista di aver cominciato a guardare siti porno all’età di undici anni. Ciò le ha creato una dipendenza che ha avuto conseguenze sulla sua stabilità mentale. «Mi ha dato incubi e creato un sacco di problemi con il 'dating', quando ho cominciato a vedere davvero persone e a fare sesso», ha sottolineato la ventenne vincitrice di sette Grammy. «Penso che il porno sia una disgrazia - ha aggiunto -. Ne ho guardato tanto, per essere onesti. Ho cominciato a undici anni perché mi aiutava a sentirmi "cool" e "una del branco". In realtà mi ha distrutto il cervello, mi ha dato incubi perché il contenuto che guardavo era spesso così violento».

Ma l'impatto della pornografia sulla sessualità è davvero così importante? Lo abbiamo chiesto alla sessuologa Kathya Bonatti.
«Non mi stupisce che questa giovane abbia avuto dei traumi. C'è una dimensione emotiva che può esserne sconvolta se si fruisce di contenuti pornografici in così tenera età. Purtroppo, va detto, la pornografia è diventata l'insegnante principale per quel che riguarda la diseducazione sessuale. Le informazioni che vengono passate, infatti, non corrispondono a quello che avviene nelle relazioni fra due persone. Soprattutto non quando i partner sono giovani».

Le conseguenze quali possono essere?
«Quando le persone fanno un uso massiccio della pornografia, rischiano prima di tutto di cadere in una dipendenza. In secondo luogo rischiano di vivere una frustrazione dovuta al fatto che la realtà non corrisponde alle aspettative, e arrivano a sostituire la vita di coppia con il porno. Questo soprattutto nel mondo maschile. Da una ricerca ginevrina condotta qualche anno fa sui 16enni che andavano con le prostitute è emerso che queste ultime erano terrorizzate dai giovanissimi proprio per il loro approccio all'atto sessuale. Il motivo? Le richieste che ricevevano erano di prestazioni "particolarissime", non gradevoli e spesso violente. Essendo fruitori di pornografia, questi ragazzi hanno imparato a collegare il piacere e i propri orgasmi a una sessualità che non sempre si può vivere con il partner nella vita reale».

Ci sono quindi tutta una serie di risvolti non piacevoli a cui far fronte...
«Emergono sicuramente una frustrazione, ma anche una difficoltà ad avere relazioni appaganti quando ci si trova a doversi calare nella dimensione della quotidianità, quindi in una relazione stabile. Ecco che iniziano i tradimenti e le relazioni a doppio binario, ad esempio. Tutto ciò a causa della discrepanza tra il vissuto nella coppia e il piacere che è stato consolidato in anni di consumo di materiale pornografico».

Sembra che ragazzi e ragazze percepiscano diversamente il mondo della pornografia. E che i primi ne fruiscano in modo più massiccio, mentre le ragazze in qualche modo ne subiscano gli effetti. 
«I maschi dissociano più facilmente la sessualità dalla parte emotiva. Mentre le donne hanno più spesso il bisogno di coinvolgere la dimensione emotiva che, nella pornografia, è però assente. Non a caso sessualità e sesso sono due aspetti distinti. Nel porno il piacere è legato al sesso, ed è solo genitale. La sessualità invece include un'aspettativa di coinvolgimento emotivo. Per quello che riguarda il vissuto femminile c'è quindi da una parte la mancata soddisfazione di questi bisogni, dall'altra l’imbarazzo per eventuali richieste "scomode" dei partner, che diventano sempre più pressanti».

D'altra parte se ci si "educa" a certe pratiche, poi le si cerca anche nella realtà...
«E la pornografia offre un menù vastissimo. Dalle orge agli scambi di coppia, fino ai limiti in cui si trovano la mancanza del consenso e la violenza che, seppur recitati, restituiscono un codice di comportamento che in linea di massima non corrisponde all'ideale di pacere femminile. La risultante è per gli uomini un'insoddisfazione nel non ritrovare nella realtà il piacere che si aspettavano, per le donne è un piacere slegato dalle emozioni che non soddisfa i bisogni profondi».

E poi c'è tutto l'universo di brutalità che, specie nella donna, rischia di essere subito.
«Il porno relega spesso la dona a mero oggetto. Al primo posto c'è quindi il rischio del danno alla stima di sé, di non sentire di avere un valore e dover così snaturare i propri bisogni e la propria personalità per compiacere l'altro. Anche per non essere escluse. Perché molte donne pensano che quella sia la normalità. D'altra parte è ciò che mostra anche il cinema "tradizionale": si incontrano, lui la porta a casa, chiude la porta, la sbatte contro il muro e la penetra. E a lei dovrebbe piacere così».

Ma la realtà non è questa...
«Le donne hanno una curva del desiderio lenta, differente da quella dell'uomo che con l'eccitazione ha subito un’erezione ed è pronto a un rapporto. Quindi non solo la pornografia, ma anche il cinema tradizionale, sdoganano un piacere al femminile che non corrisponde alla realtà». 

Da qui, l'importanza di fare educazione sessuale già nei giovanissimi
«Sì, ma che sia focalizzata su quelle che sono le tematiche attuali. Bisogna parlare del sexting, della pornografia e delle sue sfaccettature, della dipendenza, spiegare che la masturbazione è naturale e corrisponde a bisogni normali, ma anche far vedere quali possono essere le conseguenze quando questa va a sostituire completamente la relazione».

La dipendenza da pornografia è una realtà anche da noi?
«Spesso vedo coppie che vengono in consultazione perché lei è scontenta del fatto che il partner preferisca guardare porno alla relazione. O perché scopre che tipologia di pornografia consuma. Ecco che si apre un mondo di perversioni o di fantasie inatteso, e che va affrontato col dialogo».

La pornografia è necessariamente un errore nella vita di coppia?
«Dipende da come viene vissuta. Ma bisognerebbe prima di tutto fare un bagno di realtà: uomini e donne spesso non si conoscono. Io per un periodo ho insegnato a dei giovani adulti. Così ho scoperto che tante donne ritengono impossibile che il proprio partner si dedichi alla masturbazione durante la relazione, lo vedono addirittura come un tradimento. Ecco, questa è la prova della non conoscenza reciproca. Che a volte porta a lasciarsi, quando ci si accorge che la realtà dei desideri va oltre a quello che si è disposti ad accettare».

Proteggere i propri figli da materiali pornografici

Come proteggere i minori, ormai circondati da dispositivi che permettono di navigare in rete, dalla fruizione prematura di pornografia? «Da un punto di vista tecnico impedire l’accesso a contenuti pornografici reperibili in rete da parte di minori è una sfida tutt’altro che risolta», ci spiega Alessandro Trivilini, esperto di informatica forense e docente ricercatore presso la SUPSI. «Da sempre i filtri resi disponibili per il controllo parentale sono utili, necessari, ma non sufficienti. La zona d’ombra con cui si devono confrontare risulta spesso troppo restrittiva o troppo permissiva».

Un "lavoro" complicato - «È pur vero - sottolinea Trivilini - che bloccare l’accesso a un sito web come YouPorn è tecnicamente molto semplice. Garantire a un genitore che figlio o figlia non entrino in contatto con materiale pornografico indesiderato quando usano lo smartphone è invece piuttosto complicato, considerando le numerose variabili in gioco».

L'esperto suddivide il problema in due parti: «La prima considera le quasi infinite opportunità tecniche che i giovani hanno a disposizione per cercare, accedere, consumare e condividere materiale pornografico amatoriale, ad esempio da applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp. La seconda chiama in causa la componente più importante su cui oggi vale la pena investire: la consapevolezza e la responsabilità che un genitore dovrebbe trasmettere ai propri figli prima di regalare loro uno smartphone. Questa è la realtà da cui partire per prendere visione di un fenomeno crescente che considera le tecnologie digitali dei veri e propri amplificatori e non dei colpevoli».

Consapevolezza - «La consapevolezza - per Trivilini - permette di far capir loro che il materiale pornografico, dopo le droghe, è senza dubbio quello più ricercato in rete dalla criminalità informatica, per cui bisogna prestare molta attenzione prima di finire in luoghi virtuali o situazioni che potrebbero mettere a rischio la vera identità delle persone coinvolte. Pensiamo ai casi reali riportati dalla cronaca in cui i selfie fatti per gioco nel bagno di casa sono finiti sul cellulare sbagliato».

Responsabilità - «La responsabilità invece conclude l'esperto -, riguarda le informazioni di tipo tecnico e legale da conoscere prima di iniziare a usare un’applicazione scaricata sullo smartphone per la ricerca, la creazione, l’elaborazione e l’invio di selfie personali ad altre persone. È auspicabile che si conoscano limiti e potenzialità di ciò che si usa, senza trascurare alcuni aspetti legali che in caso di problemi potrebbero essere di aiuto».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 22:07:05 | 91.208.130.89