Cerca e trova immobili

SVIZZERABambini in acqua e pericoli: «Bastano 20 secondi per annegare»

26.06.23 - 16:06
Ogni anno, circa 5'700 bambini hanno incidenti durante il nuoto. In moIti casi, i genitori erano distratti
IMAGO/Daniel Scharinger
Bambini in acqua e pericoli: «Bastano 20 secondi per annegare»
Ogni anno, circa 5'700 bambini hanno incidenti durante il nuoto. In moIti casi, i genitori erano distratti

BELLINZONA - Secondo l'Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni, ogni anno si verificano circa 12’000 incidenti durante la balneazione e il nuoto.
Stando alle proiezioni, circa 5’700 riguardano ragazzini fino ai 16 anni. In media, ogni anno, tre bambini (con meno di nove anni) annegano in incidenti balneari, uno dei quali in una piscina. Il motivo? I piccoli non sono stati sorvegliati a sufficienza o non lo sono stati affatto al momento dell'annegamento.

Ecco perché i bambini sono particolarmente a rischio
«A differenza degli adulti, la consapevolezza del pericolo e della prevenzione nei piccoli non è ancora completamente sviluppata. Di conseguenza, di solito non sono ancora in grado di valutare le conseguenze delle loro azioni», commenta Christoph Merki, portavoce della Società svizzera di salvataggio. Inoltre, aggiunge, se i bambini piccoli finiscono sott'acqua, possono non essere in grado di salvarsi con le proprie forze. «La loro testa è relativamente pesante rispetto al corpo. In acqua, questo può far sì che non siano in grado di sollevarla. Potenzialmente, bastano 20 secondi sott’acqua per annegare», spiega Merki. «Non si rendono conto del pericolo - aggiunge - semplicemente affondano e non si difendono». Per questo «se qualcuno si accorge che un bambino è in difficoltà o sta annegando, deve portarlo fuori dall'acqua immediatamente e allo stesso tempo chiedere a qualcuno di chiamare il bagnino».

I genitori devono esserne consapevoli
I genitori devono quindi prestare particolare attenzione: «Devono sempre sorvegliare i loro figli nell'area di balneazione e lasciare che si avvicinino all'acqua solo quando sono a portata di mano. Le possibili distrazioni come cellulari, libri o conversazioni con altri devono essere messe da parte e tutta l'attenzione deve essere data al bambino».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE