pixabay.com
Medicina Estetica
19.04.2020 - 09:000

Cura i capillari, libera le gambe

Per ottenere una pelle perfetta bisogna agire alla radice del problema

Con l’età i distretti periferici del nostro sistema circolatorio conoscono una lenta ma inesorabile trasforamzione. I vasi più piccoli, i cosiddetti capillari, finiscono infatti con l’occludersi, trasformandosi in “vicoli ciechi” in cui non arriva più ossigeno: questo processo porta gli stessi vasi a cambiare colore, ad assumere una tonalità rosso-bluastra che li rende ben visibili anche sulla superficie della pelle, soprattuto delle gambe.

Un fenomeno che causa un inestetismo spiacevole, oltre che un segno evidente dell’avanzare degli anni. Come agire? L’approccio più efficace è quello terapeutico: i capillari, infatti, vanno curati per far sì che tornino a funzionare regolarmente e non siano più visibili. L’ozonoterapia endocapillarica, in questo senso, è il trattamento che riesce a raggiungere questo obiettivo, perseguendo appunto la “cura” dei capillari occlusi. Con un ciclo completo di 6-10 sedute di ozonoterapia, ognuno della durata di circa 20 minuti, il medico estetico è in grado di ripulire il vaso sanguigno, consentendo al sangue ossigenato di tornare a fluire.

Merito dell’ozono, sostanza che riesce appunto a liberare i capillari, di fatto “ringiovanendoli”. Una volta nuovamente funzionanti, i capillari non potranno più essere visti sulla pelle. E le gambe torneranno ad avere un aspetto salubre e giovane. 

Visita Medi Jeunesse - La medicina estetica a Lugano


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 03:47:54 | 91.208.130.86