L'inverno di Calcaterra è una forma di difesa contro il superfluo
fashionchannel
MILANO
07.01.2021 - 06:000

L'inverno di Calcaterra è una forma di difesa contro il superfluo

“What inspires you?” è la domanda che ci pone la collezione Calcaterra Fall-Winter 2020/21.

Qui si abbandona l’inutile per concentrarsi sull’essenziale, in un minimalismo che ricorda Il Silenzio di Cage.

MILANO - 1952: il pianista David Tudor si siede al pianoforte della colmissima Maverick Concert Hall, nello stato di New York. Il pubblico prende posto, inconsapevole che Tudor sta per eseguire uno dei pezzi destinati a diventare pilastro della musica contemporanea, concepito dal genio americano John Cage.

Titolo dell’opera 4’33’’: 4 minuti e 33 secondi di puro silenzio.

“Da una composizione musicale quale 4’33’’ e dalla sua esecuzione ci si aspetta una rappresentazione sonora di un pensiero e di una forma. Ci si trova invece davanti a un’azione che non si compie attraverso i consueti canoni, ma che mette in attesa, sospende un significato conosciuto, quello sonoro, per rivelare un silenzio sconosciuto. Un’assenza di suono-rumore quasi totale, che dapprima lascia spazio a uno smarrimento comune, a un silenzio immobile, per poi stemperarsi e lasciare che le reazioni più disperate prendano coraggio. Uno spazio in cui il silenzio, ovvero l’accettazione dei suoni esistenti, diventa musica e a cui solo l’orologio e il tempo prescritto dal compositore mettono fine”. Mario Brunello

Ne deriva una poetica dal “basico irrazionale”: volumi, lunghezze e tessuti puri e preziosi si muovono come note mute ridisegnando la visione di uno stile che dosa echi di semplicità provenienti da epoche diverse. La collezione esalta elementi “scartati”, con accostamenti improbabili: bomber anni ’80 indossati con il denim d'inizio ’90, capispalla intarsiati con geometrie anni ’20 si sovrappongono a linee più maschili e rigorose.

Una collezione antologica che supera storia e contemporaneità riportando al centro la funzione del vestire, spogliata di ogni sua sovrastruttura: gli elementi primordiali apparentemente storicizzati diventano gli unici protagonisti della collezione.

L’assenza di dettagli rumorosi lascia spazio alla poetica del ricordo, in cui ogni singolo capo sembra avere una storia da raccontare, evocando luoghi e spazi inattesi. La nuova collezione Calcaterra vuole mettere in discussione il significato stesso della parola “moda”, spiazzando lo spettatore con “il potere del proprio silenzio”, lasciandolo attonito, proprio come i 4 minuti e 33 secondi di Cage.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 21:07:39 | 91.208.130.86