Bill Gates e Paul Allen: storia di un'amicizia e un'incredibile rivoluzione

Che, lo sapete già, si chiama Microsoft e di fatto ha inventato il computer moderno e lanciato la Silicon Valley

di Redazione
Simona Gautieri
di Filippo Zanoli
Giornalista

Era il 4 aprile del 1975 quando, due giovanissimi amici diedero vita a una vera e propria rivoluzione tecnologica, sociale e culturale. Parliamo di Bill Gates e Paul Allen e della fondazione di Microsoft.


Keystone
Un giovane Bill Gates al lancio della prima versione di Windows.

Un ragazzo diverso dagli altri - Figlio della buona borghesia, William Henry Gates III, da tutti chiamato Bill, nasce a Seattle il 28 ottobre 1955. Nel 1966, l’undicenne Bill diventa un adolescente ribelle e polemico, sempre pronto a litigare con i genitori. È’ proprio nel corso di uno di questi litigi che avviene il famoso episodio del ‘bicchiere d’acqua’, più volte raccontato anche dal padre del magnate. Dopo l’ennesima discussione a tavola, Bill senior perse completamente le staffe e tirò un bicchiere d’acqua in faccia al figlio che, per nulla impressionato, ringraziò, con aria sarcastica, il padre «per la bella doccia».

Compresa la tempra del ragazzo, Bill senior e Mary Gates decisero quindi di portarlo da uno psicologo al quale il giovane dichiarò da subito: «Sono in guerra con i miei genitori e su chi comanda». Davanti a tanta sicurezza, l’unico consiglio che l’esperto si sentì di dare ai preoccupati
genitori fu quello di allentare le loro maglie del controllo perché «tanto il figlio avrebbe
comunque vinto la sua personale battaglia per l’indipendenza».

Chi trova un amico... - Alunno ribelle della prestigiosa Lakeside School, nel 1968 iniziò a marinare le lezioni e a non presentarsi in classe perché totalmente conquistato da uno dei primi computer, un DEC PDP-10 che la scuola aveva affittato dalla Computer Center Corporation. Lo scopo di Bill era capirne il meccanismo di funzionamento e correggerne tutti i bug. Invitato a organizzare in maniera informatica gli orari delle lezioni della scuola, il giovane Gates decise di strutturarli in modo da convogliare nei suoi stessi corsi tutta le ragazze più carine, sua grande passione insieme alle auto.

Al liceo Bill fece la conoscenza di Paul Gardner Allen, timido figlio di un bibliotecario e di un'insegnate di Seattle, di due anni più grande di lui: «L’ho subito guardato con ammirazione -racconta Bill Gates - A scuola era due anni più grande di me, era molto alto e si dimostrò subito un genio del computer. Trascorrevamo quasi tutto il nostro tempo libero a smanettare con qualsiasi computer ci capitasse a tiro».


Keystone
Gates e Allen, in una foto del 1982.

Due giovani nerd alla riscossa - In una rarissima immagine risalente al 1968, si vede un giovanissimo Bill Gates appena tredicenne che osserva l’amico Paul, all’epoca quindicenne, alla tastiera del computer intento a scrivere un codice informatico. Mente geniale e grande precursore dei tempi, fin dai tempi del liceo Allen aveva già previsto che i chip dei computer sarebbero diventati estremamente potenti e avrebbero dato vita a un settore fino ad allora sconosciuto.

Nel 1968, la Lakeside School si accordò con una nuova società per offrire agli studenti l’utilizzo di un altro computer. Anche i questo caso, Bill Gates e i suoi fedeli amici, tra cui, oltre a Paul Allen figuravano Ric Weiland e Kent Evans, si misero in pessima luce forzando il sistemi di sicurezza e riuscendo, in tal modo, ad aumentare a proprio favore, il numero di ore a disposizione degli studenti per l’utilizzo del computer.

Cacciati via dalla sala d'informatica, i ragazzi fondarono la Lakeside Programmers Group e, paradossalmente, vennero successivamente chiamati dalla stessa società che li aveva messi al bando per risolvere, in cambio di un tempo di utilizzo illimitato, i deficit del sistema informatico in uso.

Nel marzo del 1970 la società chiuse e la Lake Programmers Group iniziò a collaborare con la Information Sciences Inc. per la quale elaborarono un programma per la gestione delle buste paga e questa volta non chiesero solo la possibilità di accedere senza limiti ai computer ma anche una royalty sui futuri guadagni.


Keystone
Il primo team di Microsoft, Gates è il primo in basso da sinistra (lo avevate riconosciuto?) e Allen l'ultimo in basso a destra.

Le origini di Microsoft - Nel 1972 Gates e Allen fondarono la Traf-O-Data che progettò un computer preposto alla misurazione del traffico stradale. Con la fine della scuola, Bill decise di accontentare i genitori che da sempre sognavano per il figlio un futuro da avvocato e si iscrisse la facoltà di legge ad Harvard anche se, fin da subito, si capì che Bill Gates non sarebbe diventato un principe del foro, così come agognato dai genitori. I risultati scolastici furono scarsi fin dall’inizio e le ore rubate allo studio continuarono a essere spese, come un tempo, nel centro informatico dell’istituto.

L’amicizia con Allen non venne meno, nonostante i due avessero scelto strade diverse: Harvard per Gates e la Washington State University per Allen. Nel 1974, si ritrovano entrambi a vivere nell’area metropolitana della città di Boston dove Paul Allen aveva trovato lavoro presso la Honeywell come programmatore. Così, come racconta lo stesso Gates: «Un giorno è venuto a prendermi, insistendo perché lo seguissi in una vicina edicola. Quando arrivammo mi mostrò la copertina del numero di gennaio di Popular Electronics che mostrava in primo piano un nuovo computer chiamato Altair 8800, basato su un nuovo potente chip. Paul mi guardò e disse: "Tutto questo sta accadendo senza di noi!’. Quel momento segnò la fine della mia carriera scolastica e la
nascita di Microsoft».

Grazie all’intuizione di Allen, i due giovani capirono che il mercato dei personal computer era destinato a esplodere da lì a poco e sarebbero serviti nuovi software per farli funzionare. La società MITS, infatti, aveva sì creato il primo microcomputer ma mancava ancora un vero e proprio linguaggio di programmazione adatto.


Keystone
Henry Edward, inventore dell'Altair 8800, in posa con il suo computer. La versione del basic, sviluppata da Gates e Allen fece partire Microsoft.

Il bluff del secolo - Mentre le grandi società, come la IBM, investivano le proprie risorse per migliorare la velocità dei processori, Allen e Gates puntarono tutto sui programmi destinati a far funzionare quelle macchine. Ed ebbero ragione loro. Gates decise quindi di tentare il tutto per tutto e contattò la società MITS proponendo un linguaggio di programmazione specifico per il loro nuovo modello Altair 8800.

Un azzardo colossale se si considera che in mano non aveva ancora una sola riga di codice e nemmeno un Altair su cui testarlo. La società si disse molto interessata e in sole 8 settimane Bill Gates produsse le modifiche necessarie al già utilizzatissimo linguaggio Basic mentre Allen sviluppò un simulatore dell’Altair utilizzando il computer della scuola.

La prova venne superata - con una parte del codice scritta dallo stesso Gates in carta e penna sul volo verso il meeting - e il software fu messo in commercio con il nome di ‘Altair Basic’. I due geniali informatici erano riusciti a mettere a punto l’innovativo linguaggio di programmazione Basic, capace di estendere a dismisura le funzionalità dei computer garantendo la possibilità di rispondere a esigenze personalizzate.

Il 2 gennaio 1975 venne siglato l’accordo con la MITS per poco più di 31 milioni di dollari mentre il 4 aprile del 1975 ad Albuquerque, nel Nuovo Messico, i due ventenni fondarono la Micro-Soft Corporation. La società, concepita all’iniziò con una quota partecipativa al 50% tra i due fondatori, subì una modifica significativa su suggerimento della madre di Bill Gates. La ripartizione percentuale della società si tramutò in 51% per Bill Gates e il 49% per Paul Allen che accettò, forse spinto dal senso di amicizia, il diktat imposto dal socio. Il resto, come si suo dire, è Storia.


Keystone

L'era di DOS e Windows - Nei primi anni della sua costituzione la Microsoft creò il sistema operativo Ms-Dos, destinato a diventare uno standard nell’utilizzo dei personal computer. Nel 1983 introdusse l’uso del mouse nel proprio software e creò Word per Ms-Dos 1.00 oltre a Microsoft Windows - che la storia vuole copiato (a tradimento) dall'amico Steve Jobs - una estensione del Ms-Dos che permette un ambiente operativo di tipo grafico consentendo all’utente di vedere più programmi non correlati tra loro in maniera simultanea.

Nel 1982 Paul Allen fu costretto ad abbandonare per la prima volta la società essendogli stato diagnosticato un linfoma non Hodgkin e prende un periodo sabbatico per curarsi. Rientrato in azienda, si ritirò definitivamente dal consiglio di amministrazione della società a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute che lo porteranno a morire, a soli 65 anni, nel 2018.


Imago/ZumaWire

Un duo di amici, non privo di attriti - Sul rapporto tra Gates e Allen è stato versato fiumi d'inchiostro e c’è chi dipinge Bill Gates un affarista senza scrupoli e Paul Allen una vittima sacrificale di questa mentalità da ‘squalo’ e da maschio dominante. Una dinamica simile a quella creatasi in Apple fra Jobs - il visionario e affarista - e Wozniak, il tecnico e un po' più schivo.

Secondo quanto scritto dallo stesso Allen, nella sua biografia pubblicata nel 2011, fu lui, tra le altre cose, a scegliere il nome Micro-soft, unione ideale tra microcomputer e software, senza però mai vedersi riconoscere il ruolo da comprimario che gli sarebbe giustamente spettato. Quale che sia la verità, immutabile rimane la storia di due giovani amici che hanno rivoluzionato la vita di ognuno di noi.


Keystone
Appassionato di musica, Allen è stato anche lobbista e dirigente della squadra di football dei Seattle Seahawks.

Gallery

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 21:15:52 | 91.208.130.87