Deposit
TI.MAMME
12.10.2021 - 08:000

Dipendenza da videogiochi e sindrome della capanna

Bambini e adolescenti sono spesso vittime di gaming disorder: cosa fare?

L’Organizzazione mondiale della Sanità ha inserito la dipendenza da videogiochi International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems. Il disturbo, indicato come gaming disorder, comprende una serie di atteggiamenti comprendenti mancato controllo sul gioco e grande priorità data ad esso tanto da renderlo più importante di qualsiasi altra attività quotidiana e di ogni interesse esistenziale. La posizione assunta dall’Oms rispetto alla dipendenza da videogames deriva dalle molteplici segnalazioni arrivate dagli esperti, già operativi con cliniche per la disintossicazione. Il pericolo di una dipendenza patologica incombe soprattutto sui più giovani che nei videogiochi trovano una dimensione particolare nella quale confrontarsi con se stessi e con i compagni di gioco on line e ad essa dedicano tempo ed energie. Una grande spinta al gaming disorder è stata data, inevitabilmente, anche dal periodo di lockdown vissuto agli inizi della pandemia da covid-19.

Costretti in casa, bambini e adolescenti hanno trascorso gran parte del proprio tempo attaccati ad un joistick on line, ma anche off line, alle prese con competizioni virtuali. Tempi lunghissimi durante i quali il distacco dalla quotidianità diventava progressivo e sempre più marcato, sino ad arrivare ad una sorta di isolamento sociale peggiorato da sbalzi d’umore ed esclusione di tutto ciò che non abbia attinenza con i risultati del gioco. Una condizione preoccupante che diventa l’unico interesse e l’unica valvola di sfogo e si accompagna a disturbi alimentari e del sonno, depressione, ansia, stress, mal di testa e persino crisi epilettiche. Rimanere chiusi in casa, in camera a giocare può far sviluppare anche la cosiddetta sindrome della capanna, ossia il desiderio di rimanere entro le confortevoli mura della propria stanza in compagnia della fidata consolle, ignorando qualsiasi richiamo esterno.

L’aiuto di un neuropsichiatra infantile è importante per recuperare terreno in una situazione simile, così come il recupero delle abitudini più salutari necessarie a ristabilire priorità e rituali sani. Comunicare e rassicurare soprattutto i bambini è il primo passo in un percorso da puntellare con impegni quotidiani grazie a quali scandire il tempo a disposizione, evitando che tutto si riduca ad una partita interminabile ai videogames. Riprendere le corrette abitudini non è facile e come qualsiasi altra dipendenza, anche il gaming disorder conosce momenti di particolare criticità, ma con attenzione e rassicurazioni può essere sconfitto. Di aiuto è sicuramente la prevenzione negli atteggiamenti sbagliati: le regole e l’organizzazione del tempo sono fondamentali nella vita di bambini e adolescenti ed il loro rispetto scongiura il rischio di assuefazione ad abitudini pericolose.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 11:11:27 | 91.208.130.86