Segnala alla redazione
Deposit
ULTIME NOTIZIE IUFFP
IUFFP
1 anno
La video-pedagogia nella formazione professionale
Alessia Evi-Colombo, dottoranda presso il dipartimento Ricerca & Sviluppo dello IUFFP a Lugano
IUFFP
1 anno
«Lo sport mi ha insegnato a perseverare sulla mia strada»
Intervista ad Amanda Scolari, vincitrice del premio IUFFP
IUFFP
1 anno
Confrontarsi con la digitalizzazione attraverso la narrazione
Come affrontare da un punto di vista formativo e non solo i cambiamenti legati alla svolta digitale?
IUFFP
1 anno
«Ora comunico senza troppa fatica in italiano»
Vanessa Dubach, classe 1998, ha passato cinque mesi in Svizzera italiana tra corso di lingua e stage professionale partecipando a Swiss Mobility
IUFFP
1 anno
Lo IUFFP partner del progetto europeo VISUAL
Competenze riconosciute a livello europeo: l’Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP partecipa al progetto europeo Video-Supported Education Alliance ViSuAl
IUFFP
1 anno
Il valore del dissenso creativo
«Studiare la storia dei modi di lavorare, dei rapporti dei lavoratori tra loro, dei rapporti gerarchici, può essere importante per immaginare le molte possibilità di lavorare»
IUFFP
1 anno
Apprendimento e strumenti digitali: quali rischi e quali opportunità?
Intervista a tre partecipanti del corso di formazione continua Form@tore/Form@trice digitale
IUFFP
1 anno
Le consulenze rivolte agli adulti: quali pratiche per quale denominazione?
Deli Salini, docente, ricercatrice ed esperta di consulenza presso l’Istituto Universitario per la Formazione Professionale IUFFP, ci aiuta a fare chiarezza
IUFFP
2 anni
Quale formazione per il futuro?
Il ruolo della Terza Formazione
IUFFP
30.11.2018 - 07:000

Digitalizzazione e pratica infermieristica in Ticino

Quali sono le implicazioni della digitalizzazione per i e le professioniste delle cure?

Deli Salini, ricercatrice, docente ed esperta di consulenza e analisi del lavoro presso lo IUFFP ha condotto uno studio che ha coinvolto la Scuola specializzata superiore in cure infermieristiche SSSCI e diversi servizi sanitari del cantone.

Nella pratica infermieristica oggetti come PC, Laptop e Tablet pervadono i diversi ambiti delle cure e sempre di più le cartelle cliniche dei pazienti sono informatizzate. Questi strumenti fanno parte del processo continuo d’innovazione dell'assistenza infermieristica e sono al contempo indicatori e attori della trasformazione generale del lavoro perché accompagnano e influenzano i cambiamenti delle pratiche infermieristiche.

Essi “penetrano” nei luoghi di cura mettendo alla prova i vari livelli di competenza d’infermiere e infermieri. In particolare: a) sono parte di un molteplice insieme di supporti informativi continuamente in via di attualizzazione e revisione (cartacei, affissi alle pareti, etc.) coi quali vengono gestite e trasmesse le informazioni, b) accompagnano la trasformazione delle modalità di trasmissione e organizzazione delle informazioni, specie dall’orale allo scritto, e rispetto alle diverse forme di categorizzazione delle informazioni stesse, c) rappresentano un tassello centrale di un doppio monitoraggio: quello della situazione sanitaria del paziente e quello dell’attività dell’infermiere. Questo ha delle implicazioni oltre che sulle cure erogate, anche sulla gestione delle risorse umane e sulla definizione dei costi delle strutture sanitarie. Infine, d) sono oggetti da manipolare e di cui appropriarsi, elemento che influenza le dinamiche di apprendimento individuali e collettive da parte degli operatori sanitari. In questo senso interrogano i diversi livelli di expertise infermieristica, che si posizionano nella tensione tra il polo di expertise clinica e il polo di expertise digitale

Questi e altri elementi individuati permettono di identificare la collettività infermieristica come gruppo professionale in transizione, che deve far fronte non solo a molteplici sollecitazioni pratiche ma anche a quelle riguardanti la propria immagine professionale. La prospettiva del futuro ai più appare incerta, in una tensione tra visioni ottimistiche (una velocizzazione dei processi di cura, una maggiore trasparenza e tracciabilità, una maggiore sicurezza, una riduzione dei costi) e un pessimismo tecnocratico (il timore che “l’autentica” attività di cura e relazione sia soffocata da aspetti burocratici e tecnologici).

A fronte di questo processo generale d’innovazione, poniamo l’accento sull’importanza di valorizzare le innovazioni locali ideate da queste figure professionali e di sostenere la loro partecipazione all’elaborazione degli scenari futuri delle cure. In questo senso, lo scopo dello studio è di creare le basi per attivare progetti pilota per il cantone Ticino volti a promuovere, presso questa collettività professionale, metodi e strumenti per affrontare e immaginare il futuro in modo proattivo e adattare localmente quanto la trasformazione digitale in atto propone a livello globale.

Deli Salini e Luca Dorsa

Maggiori informazioni: www.iuffp.swiss/progetto/digitalizzazione-pratica-infermieristica

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-25 14:49:20 | 91.208.130.87