Fotolia
ULTIME NOTIZIE IUFFP
IUFFP
1 anno
La video-pedagogia nella formazione professionale
Alessia Evi-Colombo, dottoranda presso il dipartimento Ricerca & Sviluppo dello IUFFP a Lugano
IUFFP
1 anno
Digitalizzazione e pratica infermieristica in Ticino
Quali sono le implicazioni della digitalizzazione per i e le professioniste delle cure?
IUFFP
1 anno
«Lo sport mi ha insegnato a perseverare sulla mia strada»
Intervista ad Amanda Scolari, vincitrice del premio IUFFP
IUFFP
1 anno
Confrontarsi con la digitalizzazione attraverso la narrazione
Come affrontare da un punto di vista formativo e non solo i cambiamenti legati alla svolta digitale?
IUFFP
2 anni
«Ora comunico senza troppa fatica in italiano»
Vanessa Dubach, classe 1998, ha passato cinque mesi in Svizzera italiana tra corso di lingua e stage professionale partecipando a Swiss Mobility
IUFFP
2 anni
Lo IUFFP partner del progetto europeo VISUAL
Competenze riconosciute a livello europeo: l’Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP partecipa al progetto europeo Video-Supported Education Alliance ViSuAl
IUFFP
2 anni
Il valore del dissenso creativo
«Studiare la storia dei modi di lavorare, dei rapporti dei lavoratori tra loro, dei rapporti gerarchici, può essere importante per immaginare le molte possibilità di lavorare»
IUFFP
2 anni
Apprendimento e strumenti digitali: quali rischi e quali opportunità?
Intervista a tre partecipanti del corso di formazione continua Form@tore/Form@trice digitale
IUFFP
2 anni
Le consulenze rivolte agli adulti: quali pratiche per quale denominazione?
Deli Salini, docente, ricercatrice ed esperta di consulenza presso l’Istituto Universitario per la Formazione Professionale IUFFP, ci aiuta a fare chiarezza
IUFFP
2 anni
Quale formazione per il futuro?
Il ruolo della Terza Formazione
IUFFP
2 anni
Swiss Mobility: spostarsi in un altro cantone, ma non solo
Un programma di mobilità nell’ambito della formazione professionale
IUFFP
2 anni
Il video interattivo a sostegno dell'insegnamento
Uno strumento innovativo che permette una visione attiva che offre una diversa possibilità di approccio ai contenuti nel rispetto dei ritmi individuali di apprendimento
IUFFP
2 anni
Insegnanti appassionati: per non smettere mai di imparare!
Ripensando ai tempi della scuola quasi tutti ricordiamo un o una insegnante che ci ha contagiati con il suo entusiasmo e che ha saputo trasmetterci la passione per la materia che insegnava
IUFFP
24.11.2017 - 07:000

I risvolti della digitalizzazione sul mondo del lavoro e della formazione

Intervista a Giampaolo Vitali, ricercatore del CNR e docente di Economia europea all'Università di Torino

Digitalizzazione: cambiamenti nelle imprese ed effetti sulla società. Questo il titolo della conferenza che il ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche e docente di Economia europea all’Università di Torino Giampaolo Vitali terrà la sera del 30 novembre all’Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale. Abbiamo colto l’occasione per porre all’ospite dello IUFFP e della CFC tre domande che ci permettono di capire meglio gli attuali sviluppi legati alla digitalizzazione e all’automazione.

Come definisce l’industria 4.0 e quale impatto ha/avrà sul mondo del lavoro?

Il termine «Industria 4.0» fa riferimento a un insieme di tecnologie che consentono di mettere in connessione macchine, oggetti e persone tra di loro, tutti insieme all’interno del cosiddetto “cyberspazio”. Le tecnologie alla base del termine “industria 4.0” sono Internet of Things, 3D print, Cloud, Big Data, Intelligenza Artificiale, Realtà Aumentata, Simulazione, Robotica e così via, e indicano un nuovo paradigma tecnologico basato sulle connessioni tra sistemi fisici e virtuali, sulla digitalizzazione della produzione, su innovazioni radicali (definite con il termine «disruptive») che sta modificando il modo di produrre e le relazioni tra gli attori economici, compresi i consumatori e i lavoratori, con rilevanti effetti sul mercato del lavoro e sulla stessa organizzazione sociale.
Per esempio, all’interno del mercato del lavoro si modifica la figura dell’operaio specializzato, che da esecutore materiale di una certa operazione sta diventando un controllore di robot industriali. Ciò implica il possesso di un set di competenze differenti rispetto al passato, e che si basano più sul
“saper decidere” che sul tradizionale “saper fare”.

Quali sono gli sviluppi legati alla digitalizzazione ai quali le imprese si devono preparare?  

Le nuove tecnologie e le nuove organizzazioni del lavoro consentono di creare nuovi modelli di business, e cioè nuovi modi di proporre prodotti e servizi. Talvolta si tratta anche di prodotti e servizi tradizionali, che vengono però arricchiti (di contenuti digitali, per esempio) per soddisfare bisogni più ampi dei precedenti. Ciò favorisce le imprese nel rinnovare le modalità di produzione, aumentando l’automazione e l’efficienza aziendale, ma anche nel proporre nuovi prodotti ad alto contenuto di servizio.
Del resto, dal punto di vista dell’economista industriale, l’elemento più interessante di “Industria 4.0” è forse rappresentato dal suo ampio contesto di applicazione: il nuovo paradigma tecnologico ha una diffusione orizzontale, in quanto attraversa tutti i settori economici (sia manifatturieri che del terziario), tutte le funzioni aziendali (sia produttive, che di pianificazione, marketing, distribuzione, ecc.), tutti i segmenti del mercato del lavoro (lavori qualificati e non), tutti gli ambiti della nostra società. In questo contesto, le imprese che cavalcano il cambiamento hanno la possibilità di sfruttare nuove opportunità di crescita.

Qual è il ruolo della formazione (professionale) in questo contesto?

La formazione professionale rappresenta lo strumento sociale con il quale adattare l’attuale organizzazione del lavoro all’evoluzione in atto. In primo luogo, nel periodo di transizione che vede il diffondersi a macchia di leopardo delle tecnologie di digitalizzazione della produzione, e quindi il convivere delle nuove e delle vecchie organizzazioni, la formazione può garantire al mercato del lavoro un assorbimento graduale del cambiamento in atto: formare il personale occupato e inoccupato all’uso dei nuovi strumenti tecnologici, diffondendo tra i lavoratori una nuova “forma mentis” compatibile con le nuove organizzazioni d’impresa, rappresenta probabilmente la sfida più importante che la nostra società deve superare per poter governare il cambiamento, evitando che l’impatto delle nuove tecnologie sul lavoro sia negativo.
La maggiore difficoltà per chi progetta corsi di formazione consiste nella velocità del cambiamento in atto, che non consente di individuare con molto anticipo le figure professionali richieste dal mercato.
Pertanto, sarebbe preferibile costruire una formazione professionale di tipo “adattivo”: una robusta base formativa sull’uso delle nuove tecnologie, comune per tutti, sulla quale si possa adattare successivamente e in breve tempo l’applicazione specifica per ogni singola figura professionale.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-05 10:28:04 | 91.208.130.85