Immobili
Veicoli

UCRAINA: SEGUI IL LIVEAlta tensione a Zaporizhzhia. Zelensky: «Minaccia crescente per l'Europa». Segui il LIVE

14.08.22 - 18:41
Il Cremlino apre a una visita dell'AIEA alla centrale. Ma aggiunge: «Non tutto dipende da noi»
keystone-sda.ch / STF
Il Cremlino apre a una visita dell'AIEA alla centrale. Ma aggiunge: «Non tutto dipende da noi»

Mosca ritiene che l'Agenzia internazionale per l'energia atomica «non dovrebbe rinviare la visita alla centrale nucleare di Zaporizhzhia» e inviare una sua missione all'impianto «a fine agosto o inizio settembre». Lo ha dichiarato il rappresentante permanente della Russia presso le Organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov, in un'intervista alla Tass. «Ma non tutto dipende da noi», ha aggiunto il diplomatico.

Dal canto suo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto video messaggio della sera pubblicato su Telegram, sostiene che «ogni giorno di permanenza del contingente russo sul territorio dell'impianto nucleare di Zaporizhzhia e aree vicine aumenta la minaccia all'Europa, come non è mai successo nemmeno al picco dello scontro della Guerra Fredda».

18:40

La situazione di Zaporizhzhia è sempre più rischiosa
I rischi di un disastro nucleare per la centrale di Zaporizhzhia occupata dalle truppe russe «crescono di giorno in giorno», secondo il sindaco di Enerhodar, la cittadina dove sorge il grande impianto. «Quanto sta accadendo lì - ha detto all'Afp Dmytro Orlov, parlando dal capoluogo della regione di Zaporizhzhia, che è tuttora in mano ucraina - è terrorismo nucleare bello e buono» e «può andare a finire in modo imprevedibile in qualunque momento». I militari russi sono accusati di essersi barricati nell'impianto da dove continuano a sparare, facendosene scudo, approfittando del pericolo di un disastro atomico stile Chernobyl. «La situazione è pericolosissima, e ciò che preoccupa di più è che non c'è alcun segno di de-escalation», ha aggiunto Orlov. (fonte ats)

18:38
keystone-sda.ch / STF
17:02

La nave ucraina con l'olio di girasole arriverà in Puglia martedì
L'arrivo nel porto di Monopoli (Bari) è previsto per martedì 16 agosto alle ore 12. La 'NV Mustafa Necati', partita dal porto di Chornomorsk, è la seconda nave che dall'Ucraina raggiungerà l'Italia per il trasporto di merci nel settore dell'agro-alimentare. In questo caso, con un ritardo di oltre cinque mesi causato dalla guerra, giungeranno in Puglia seimila tonnellate di olio di semi di girasole per il gruppo Marseglia, che ha sede nel Barese, e che opera anche nella lavorazione e commercializzazione di oli per uso alimentare. (fonte ats)

14:45

Kiev: «Evacuare le parti occupate della regione di Kherson»
La vice premier ucraina, Iryna Vereshchuk, ha sollecitato l'evacuazione dei connazionali rimasti nei territori della regione di Kherson occupati dalle forze russe, sottolineando che «sta arrivando un inverno difficile». Lo rende noto il giornale The Kyiv Independent. Secondo l'amministrazione regionale, dal 24 febbraio - data dell'inizio dell'invasione russa - circa il 50 per cento dei residenti nella regione è fuggito. È prevista l'evacuazione di altre 20.000 persone. Quando questo mese l'Ucraina ha iniziato l'evacuazione obbligatoria dalla regione di Donetsk, Vereshchuk ha affermato che una misura simile potrebbe essere introdotta in altre regioni interessate da continui combattimenti. (fonte ats)

12:11

Battaglione Azov, la moglie di Prokopenko: «Lo hanno portato in Russia»
I media russi hanno riferito che il comandante del battaglione Azov, Denys Prokopenko, è stato portato in Russia, a seguito della presa e dell'evacuazione dell'acciaieria Azovstal di Mariupol da parte di Mosca. Tuttavia né le agenzie governative ucraine, né il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) lo hanno ancora confermato. Lo ha detto sua moglie, Kateryna Prokopenko, in un'intervista rilasciata al media ucraino Suspilne e riportata dall'agenzia di stampa Ukrinform. «So solo che è stato portato in Russia e questo non è stato ancora confermato», ha affermato la donna, aggiungendo anche di non aver ricevuto alcuna informazione riguardo suo marito dal Cicr. (fonte ats)

12:10

Energoatom: «La centrale opera con rischio di violazione della sicurezza»
La centrale nucleare di Zaporizhzhia opera con il rischio di violazione delle norme di sicurezza antincendio e antiradiazioni: lo ha ribadito su Telegram l'agenzia atomica ucraina Energoatom, secondo quanto riporta Unian. "Dalle 8:00 del 14 agosto, la centrale nucleare di Zaporizhzhia opera con il rischio di violare gli standard di sicurezza contro le radiazioni e gli incendi", si legge nel rapporto. "Permangono rischi di fuoriuscita di idrogeno e dispersione di sostanze radioattive e anche il rischio di incendio è elevato - prosegue -. Inoltre, tre sensori di monitoraggio delle radiazioni attorno al sito dell'impianto di stoccaggio sono stati danneggiati". (fonte ats)

10:22

Zaporizhzhia, il governo regionale valuta la chiusura della centrale
Il governo della regione di Zaporizhzhia sta valutando la possibilità di interrompere l'attività dell'omonima centrale nucleare a causa dei continui bombardamenti da parte delle forze ucraine: lo scrive su Telegram il rappresentante permanente della Russia presso le Organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov. (fonte ats)

09:20

Un'altra notte di bombe a "due passi" dalla centrale di Zaporizhzhia
Le forze russe hanno attaccato di nuovo la notte scorsa con fuoco di artiglieria la cittadina ucraina di Marhanets, nella regione di Dnipropetrovsk (sud), che dista pochi chilometri dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia: lo ha reso noto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Valentyn Reznichenko. Lo riporta Ukrinform. Reznichenko ha precisato che i russi hanno bombardato Marhanets con i sistemi missilistici a lancio multiplo Grad (MLRS): 30 proiettili hanno colpito appartamenti e un uomo di 69 anni è rimasto ferito. Inoltre, più di 10 case unifamiliari e una rete elettrica sono state seriamente danneggiate. (fonte ats)

09:10

Kiev, «uccisi 43'550 soldati russi»
Circa 43'550 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione, secondo l'esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l'esercito ucraino indica che si registrano anche 233 caccia, 194 elicotteri e 784 droni abbattuti. Lo riporta Ukrinform. Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1'864 carri armati russi, 980 sistemi di artiglieria, 4'126 veicoli blindati per il trasporto delle truppe e 15 navi e 187 missili da crociera. (fonte ats)

09:09

Crimini di guerra. Kiev: «Sono oltre 28mila»
Dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina, la Russia ha commesso 28'231 crimini di guerra nel Paese: lo ha reso noto oggi su Telegram l'Ufficio del Procuratore Generale, secondo quanto riporta Ukrinform. Inoltre, in questo periodo sono stati registrati 13'181 crimini contro la sicurezza nazionale, tra cui 9'099 violazioni dell'integrità territoriale e dell'inviolabilità dell'Ucraina e 1'571 episodi di alto tradimento. Nel complesso, sono stati registrati 41'412 casi penali legati all'invasione. (fonte ats)

09:09

Zaporizhzhia: «Chi spara o si fa scudo con la centrale è bersaglio della nostra intelligence»
«Tutti i funzionari dello Stato terrorista, così come tutti coloro che li aiutano in questa operazione di ricatto sull'impianto nucleare, devono essere processati da una corte internazionale», ha detto il presidente ucraino Volodymr Zelensky. «Ogni soldato russo o chiunque spari all'impianto o spari facendosi scudo dell'impianto deve sapere che sta diventando un bersaglio speciale della nostra intelligence, dei nostri servizi segreti, del nostro esercito», avverte il leader ucraino. (fonte ats)

09:06
AFPLa centrale nucleare di Zaporizhzhia.